Collegati con noi

In Evidenza

Dramma Luis Enrique: muore la figlioletta Xana a soli 9 anni

Avatar

Pubblicato

del

Una tragedia ha sconvolto la vita di Luis Enrique: sua figlia, la piccola Xana, 9 anni, non ce l’ha fatta. Lui aveva lasciato l’incarico di allenatore sella Spagna per stare vicino alla sua piccola compita da un tumore alle ossa.

La notizia l’ha data lo steso tecnico con un comunicato su Twitter: “Nostra figlia – informa la nota della famiglia – è deceduta oggi pomeriggio all’età di 9 anni dopo aver lottato intensamente per cinque mesi contro un osteosarcoma”.
Nella nota Luis Enrique e famiglia ringraziano tutti per il sostegno, la discrezione e la comprensione mostrate in questo terribile periodo. In particolare ringraziano il personale degli ospedali di Sant Joan de Deu e Sant Pau, i medici, gli infermieri e i volontari. Insomma tutti quelli che hanno assistito la piccola Xana e quelli che sapendo quello che stava accadendo con discrezione l’hanno circondato di amorevole silenzio quando ha lasciato la panchina delle Furie Rosse alla fine di giugno.
“Ci mancherai moltissimo – scrive Luis Enrique – Ti ricorderemo ogni giorno della nostra vita, nella speranza che un giorno torneremo ad incontrarci. Sarai la stella che guida la nostra famiglia”.
Il mondo del calcio sconvolto da questa tragedia si è unito a Luis Enrique in un grande abbraccio, messaggi di cordoglio sono arrivati dal premier spagnolo Pedro Sanchez, dal  Barcellona, dal Real e dalla federcalcio spagnola. E poi la Roma che lui aveva allenato, il Napoli, l’Inter, il Milan. Sergio Ramos e Alexis Sanchez, il tennista Nadal , il presidente della Roma che lui ha allenato Pallotta, Carlo Ancelotti, tantissimi sportivi e la gente comune colpita dal sorriso di quella bimbetta sorridente fotografata tante volte con la maglia blaugrana. Anche noi di Juorno.it ci uniamo al dolore di tutta la famiglia della piccola Xana.

Advertisement

In Evidenza

Zaniolo va dal Papa e fa pace col cervello, poi pensa al derby e dice “sfondiamoli”

Avatar

Pubblicato

del

Domenica a due facce per Nicolò Zaniolo che in mattinata ha partecipato alla messa in Basilica vaticana, celebrata da Papa Francesco, e tra poche ore seguirà il derby della Capitale. Il giocatore della Roma sul proprio profilo Instagram dedica ai due momenti altrettanti post. “Un’emozione unica…da pelle d’oca” scrive in riferimento all’incontro col Papa, da cui alla fine della celebrazione ha ricevuto una Bibbia. Per quanto riguarda invece la stracittadina con la Lazio, che dovrà seguire lontano dal campo a causa del recente grave infortunio al ginocchio, il messaggio pubblicato nelle storie del social network e’ decisamente battagliero: “Sfondiamoli”.

Continua a leggere

In Evidenza

Ultimo colpo del Napoli, arriva Matteo Politano dall’Inter: prestito con diritto di riscatto

È forse l’ultimo colpo del Napoli in questo scorcio di mercato di riparazione. Arriva Matteo Politano dall’Inter: prestito con diritto di riscatto. I costi sono contenuti: 2,5 milioni lo stipendio. Quasi 19 milioni per riscattarlo.

Avatar

Pubblicato

del

Matteo Politano è un giocatore del Napoli. È l’ultimo colpo, pare, della campagna acquisti di gennaio del presidente Aurelio De Laurentiis. Politano è stato ceduto dall’Inter al Napoli con la formula del prestito con diritto di riscatto. Lunedì il giocatore sosterrà le visite mediche per poi firmare il contratto. Secondo quanto si apprende sceglierà la maglia numero 21. Complessivamente si tratta di un affare da 2,5 milioni di prestito con obbligo di riscatto fissato a 19 milioni. Politano offre al tecnico del Napoli alcune varianti sul fronte offensivo e va a migliorare in qualità e quantità il pacchetto offensivo azzurro. Anche in vista di qualche cessione a giugno. Ancora non è chiaro se qualcuno tra Callejon e Mertens partiranno. Insomma una eccellente soluzione a costi anche contenuti quella di Politano che ha poche controindicazioni. Una di queste è la vita sociale un po’ troppo sotto i riflettori di Politano che vive un momento familiare coniugale difficile. Ma questi sono fatti suoi personali che nulla hanno a che vedere con la sua vita di atleta che dovrà mettere a disposizione del Napoli. Se farà bene il calciatore, a Napoli si troverà benissimo.

Continua a leggere

In Evidenza

L’Atalanta umilia il Torino rifilandogli 7 gol a casa sua

Avatar

Pubblicato

del

L’Atalanta riparte dopo l’incidente di percorso con la Spal e umilia il Torino che mai nella sua storia aveva subito uno 0-7 davanti al proprio pubblico, in aperta contestazione. Una partita a senso unico, dominata in lungo e in largo dai bergamaschi, trascinati dai tre gol di Ilicic, l’ultimo dei quali, il quinto, realizzato dalla linea di meta’ campo, dalla doppietta di Muriel e dalle reti di Zapata e Gosens. Una prova magistrale quella dell’attaccante sloveno, che ha ricevuto il merito applauso dello Stadio Grande Torino al momento della sostituzione: oltre alla tripletta, Ilicic si e’ anche procurato il rigore del 3-0, causato da un fallo di Lukic sullo sloveno e segnato da Zapata.

Da cineteca anche la rete realizzata da Gosens, quella del 2-0, con un sinistro di controbalzo da fuori area, insaccatosi nell’angolino basso alla sinistra di Sirigu: a chiudere il rigore segnato da Muriel e l’ultimo gol che ha messo l’ultimo sigillo alla partita con un bel diagonale. Il portiere granata e’ stato il migliore in campo dei suoi, salvando la porta in almeno quattro situazioni: un dato che certifica la prova schiacciante della squadra di Gasperini, che aggancia la Roma almeno per una sera al quarto posto in classifica. A parziale giustificazione del tracollo della squadra di Mazzarri hanno inciso le assenze: senza Rincon e Anna squalificati, e con Ansaldi, Baselli e Zaza infortunati, i granata hanno retto qualche minuto prima di essere travolti dai nerazzurri. Espulsi Izzo nel corso della partita per un brutto fallo su Malinovskyi e Lukic nel finale per fallo di reazione, dettata dal nervosismo dopo la pioggia di reti.

Decisivo in avvio di partita l’errore di Laxalt in occasione del primo gol, quello che ha dato il via alla goleada: invece di spazzare via il pallone, l’esterno uruguaiano si e’ fatto soffiare la sfera da Palomino sulla linea di fondo, permettendo al brasiliano di crossare per il primo gol di Ilicic. Con la partita in salita, e il centrocampo formato da Lukic e Meite’ in clamorosa difficolta’ in fase di costruzione contro De Roon e Freuler, Ilicic e’ salito in cattedra, tagliando la difesa granata con estrema facilita’. Gia’ alla fine del primo tempo, con il punteggio di 3-0 sul tabellone, la partita aveva scritto il suo verdetto: nella ripresa Ilicic non si e’ fermato, realizzando altri due gol e ricevendo l’applauso del pubblico granata. Che non ha invece risparmiato fischi e rabbia nei confronti della propria squadra, crollata clamorosamente e sempre piu’ in crisi dopo il ko dello scorso turno con il Sassuolo. Mazzarri rischia, anche se e’ difficile trovare un solo colpevole nella serata disastrosa del Torino: affrontare oggi l’Atalanta di Gasperini, alla prima vittoria contro il Toro di Mazzarri, e’ stato il peggior scherzo possibile della sorte. A fine partita Belotti ha portato i compagni sotto la curva Maratona per chiedere scusa, ma i tifosi hanno risposto con fischi.

Continua a leggere

In rilievo