Collegati con noi

Politica

Di Maio torna all’attacco sulle aperture domenicali del megamercati

Avatar

Pubblicato

del

Dopo un anno, Luigi Di Maio rilancia la vecchia battaglia pentastellata contro l’apertura domenicale degli esercizi commerciali, consentita dalle liberalizzazioni del governo Monti. Sulla carta l’intento e’ tutelare i piccoli esercizi, che – spesso privi di personale oltre al titolare – non riescono a reggere la concorrenza dei grandi centri. Per Confcommercio si tratta pero’ di un falso problema e sono altri gli interventi necessari a risollevare un comparto “massacrato da nuove imposizioni fiscali”. “Dopo il decreto Dignita’ e il decreto Riders, dobbiamo andare avanti come governo nella tutela delle persone che lavorano, come nel caso delle partite Iva e dei lavoratori dipendenti degli esercizi commerciali che, a causa delle liberalizzazioni, sono sprofondati nella giungla degli orari di apertura e chiusura, cercando invano di battere i centri commerciali, rimanendo aperti 12 ore al giorno e 7 giorni su 7” scrive su Facebook, a proposito del decreto Imprese, il capo politico di M5s.

Critica la reazione delle opposizioni. Il segretario di Piu’ Europa, Benedetto Della Vedova, ha parlato di “un altro attacco populista ad alzo zero contro la liberta’ economica: il suo diktat contro la liberalizzazione degli orari e contro la grande distribuzione e’ il portato dell’ideologia della decrescita del M5S”. “Ancora una volta una logica oscurantista, contro i commercianti, contro gli artigiani, contro i liberi professionisti, contro le piccole imprese. Di Maio vuole abbassare la saracinesca all’Italia che produce”, afferma Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera. Sarcastico il tweet di Matteo Salvini, che lancia l’hashtag ‘incapaci al governo’: “Di Maio non vuole i negozi sempre aperti? Tranquillo Gigi, con tutte le tasse che tu, Conte e Renzi state mettendo, almeno questa promessa la manterrai”.

 

Il tema delle aperture domenicali degli esercizi commerciali “non e’ un vero problema” e sono altri i punti su cui il governo deve intervenire per sostenere un settore che “e’ stato massacrato con nuove imposizioni fiscali”, sottolinea all’Agi Enrico Postacchini, membro della giunta di Confcommercio con delega alle politiche commerciali. La questione, ricorda Postacchini, non riguarda i lavoratori dipendenti, che hanno un contratto che li tutela nel lavoro festivo, con maggiorazioni straordinarie e recuperi, bensi’ i titolari dei negozi piu’ piccoli, che non hanno personale e non riescono a stare aperti 7 giorni su 7. Nondimeno, aggiunge, “non puo’ passare il messaggio che per sopravvivere io dobbiamo stare tutti chiusi, non sarebbe onesto, servono le stesse regole per tutti e interventi seri per un settore che dopo le liberalizzazioni e’ stato massacrato con nuove imposizioni fiscali”.

“Con la fattura elettronica e tutta una serie di altri passaggi le piccole aziende hanno dovuto sborsare di piu’, e in un momento in cui il mercato regredisce”, spiega Postacchini, “non e’ che per farmi recuperare allora mi fai stare chiusi i grandi centri commerciali per farmi stare contento, non e’ questa la soluzione e il tema non e’ manco molto interessante”. Le soluzioni vere che chiede Confcommercio stanno invece nelle “politiche attive”, ad esempio “una vera web tax, maggiori fondi per gli investimenti nella digitalizzazione e una vera riqualificazione urbana con interventi nella mobilita’ che mettano al centro le politiche commerciali”. Postacchini lancia quindi un appello al governo perche’, sulla base dei documenti presentati dalle associazioni di categoria, riprenda il filo del confronto facendo partire le audizioni ad hoc delle quali era stata annunciata la convocazione.

Advertisement

Politica

Camera e Senato si fanno il loro Covid-center, e la casta non bada a spese

amministratore

Pubblicato

del

La situazione Covid nel Paese è buona. La paura per i 33mila e passa morti resta però sullo sfondo. Così nei palazzi del potere romano, la Camera e il Senato, le due case del nostro Legislatore, hanno deciso di fare qualcosa contro il  virus. Non per gli italiani. No, peer loro. Non parliamo dell’oggi, non parliamo del distanziamento sociale, delle questioni organizzative a Montecitorio e Palazzo Madama o dei controlli sierologici a tappeto per i 900 e passa parlamentari, oltre che dei loro collaboratori.
No, Montecitorio e Palazzo Madama hanno deciso di realizzare un ospedale multispecialistico interno con i migliori medici, le migliori apparecchiature, riservato ai loro inquilini. E hanno già messo a disposizione una cifra da  spendere: 5 milioni di euro per reclutare il personale sanitario. Il meglio per l’assistenza contro ogni rischio futuro. Coronavirus o altro. Il virus ha messo paura al Parlamento. E il motore principale della democrazia per troppi giorni ha funzionato a scartamento ridottissimo solo sulla base della paura del contagio.
Ecco, le contromisure di oggi per evitare il contagio, a partire dalla logistica, sono ottima ma non bastano più. Alla  Camera ora ci sono postazioni di voto più larghe,  accessi quasi zero per estranei e termoscanner.
Al Senato gel disinfettante, guanti, mascherine,  esami con tamponi e i test sierologici (quelli che con tanta difficoltà sono accessibili ai cittadini comuni), affidati all’ Istituto di microbiologia del Gemelli.  Per il futuro, anche per un eventuale ondata autunnale del covid 19, “presso la Camera e il Senato della Repubblica” è stato deciso che “venga allestito un Servizio di assistenza medica e infermieristica” ad hoc per la gestione delle emergenze sanitarie.
Come? “Assumendo un numero stabile di medici specializzati” in cardiologia e in medicina di urgenza e emergenza, oltre che anestesisti e rianimatori. Ma sarà garantito anche un certo numero di infermieri e di servizi accessori in regime ambulatoriale. Insomma, non i covid center inutili realizzati a Milano, ad Ancona o a Napoli, ma un ospedale di eccellenza con personale di eccellenza nel cuore del potere romano. Insomma Camera e Senato vogliono spendere ma vogliono farlo bene. Non i covid center inutilizzati di Milano, Ancona o a Napoli, dove sono stati spesi decine di milioni di euro per allestire sale di terapia intensiva avveniristiche senza avere però personale (e manco pazienti) per farle funzionare.  Il bando comune di Camera e Senato già pubblicato specifica anche che “il prezzo non è il solo criterio di aggiudicazione”. No, sarà assunto chi ha titoli tecnici e professionali eccezionali.Non si baderà allo stipendio o alla collaborazione. Si pensa a luminari della sanità per “un Dipartimento d’emergenza e accettazione (Dea) di primo o secondo livello pienamente operativo”.

Continua a leggere

In Evidenza

Elezioni Regionali, Conte annuncia: si faranno al massimo entro metà settembre

Avatar

Pubblicato

del

“Le elezioni regionali vanno svolte entro la meta’ di settembre, cosi’ da consentire sia una normale ripresa dell’anno scolastico che il rispetto di una importante scadenza elettorale. Entrambi gli appuntamenti sono molto sentiti dai cittadini, perche’ si tratta del futuro sia dei ragazzi che del governo dei loro territori”. Lo hanno sottolineato in una lettera indirizzata al Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e ai ministri competenti, il presidente e il vicepresidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini e Giovanni Toti.

“Siamo consapevoli – evidenziano Bonaccini e Toti – della assoluta impraticabilita’ di un rinvio dell’apertura delle scuole e della assoluta necessita’ di consentire una normale ripresa delle attivita’ scolastiche. Per troppo tempo ormai abbiamo interrotto sia il normale corso democratico che il processo educativo dei nostri ragazzi”. Bonaccini e Toti hanno fatto anche riferimento alla ripresa del dibattito parlamentare sul disegno di legge di conversione del decreto-legge n. 26 recante “Disposizioni urgenti in materia di consultazioni elettorali per l’anno 2020” e alla posizione delle Regioni, piu’ volte rappresentata al Governo, in merito alla data delle prossime consultazioni elettorali regionali.

Continua a leggere

Politica

Salvini a Napoli accoglie nuovi leghisti e poi viene contestato mentre commemora l’agente Apicella ucciso

Avatar

Pubblicato

del

“De Luca? Con Mastella, De Mita, e Pomicino, fanno i fantastici 4. Glieli lascio volentieri “.  Matteo Salvini alla conferenza stampa a Napoli, per presentare le nuove adesioni alla Lega del consigliere regionale Giampiero Zinzi e dell’ ex consigliere Severino Nappi, comincia con uno sfottò a De Luca, presidente della Giunta regionale uscente e accreditato di ottime chance di riconferma. “Secondo i sondaggi di un istituto che non lavora per noi, in Campania la Lega è al 15 per cento, primo partito, Forza Italia al 14 e Fdi al 12, siamo intorno al 40 per cento”. “Dobbiamo marcare la differenza rispetto a De Luca – ha aggiunto il leader della Lega – che ha speso il 20 per cento dei fondi UE – mentre in Campania la criminalità organizzata continua a fare affari d’oro sui rifiuti. Altrove, i rifiuti producono energia e ricchezza, qui in Campania, ingrassano la camorra”.

Contestazioni e offese dalle persone presenti, affacciate dai balconi a Matteo Salvini, leader della Lega, ha deposto una corona di fiori in memoria del poliziotto Pasquale Apicella, morto a 37 anni, nell’aprile scorso, quando la sua volante è stata speronata dall’auto di alcuni rapinatori in fuga. “Non si specula sulla morte di un poliziotto”, ha urlato un uomo. Un’altra donna, dal balcone, ha invece gridato: “Napoli non ti vuole, non devi venire qui”. “Dopo tre mesi sei venuto – ha detto un’altra donna in strada – Hai coraggio a farti vedere”. Il leader della Lega, dopo aver deposto i fiori, e’ risalito un macchina, e prima di andare via ha indirizzato un bacio ironico alla donna che lo contestava dal balcone.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto