Collegati con noi

Cronache

Di Maio lancia vincolo mandato, il Pd insorge e lui frena:

Avatar

Pubblicato

del

Pugno duro contro i potenziali fuoriusciti, toni piu’ morbidi nei confronti dei dissidenti “storici” del M5S e una proposta: l’introduzione del vincolo di mandato in Costituzione. Luigi Di Maio, alle prese col malcontento interno ai Cinque Stelle e dal rischio di nuove fuoriuscite, tenta di correre ai ripari. Rilanciando una proposta cara al Movimento ma, al momento, poco praticabile: il vincolo di mandato. Sulle parole di Di Maio, infatti, Pd e renziani insorgono e, in serata, e’ lo stesso ministro degli Esteri a fare una mezza marcia indietro: “non voglio un muro contro muro, contemperiamo liberta’ dell’individuo e l’evitare che i cittadini vengano traditi con il cambio di casacca”, spiega. “Di Maio vuole scherzare…”, taglia corto il capogruppo Pd Andrea Marcucci mentre Ettore Rosato chiude: “la proposta fa male alla Costituzione”. Ma l’azzardo di Di Maio e’ dettato dalla volonta’ di impedire che la polveriera pentastellata si accenda. Il numero dei potenziali “ex” – direzione Lega ma soprattutto Italia Viva – non e’ ovviamente noto ma i rumors di palazzo sono allarmanti: a Palazzo Madama ci potrebbero essere nuovi addii, alla Camera anche. Il malcontento nei confronti del leader e’ diffuso soprattutto tra chi non ha ottenuto posti di governo, li ha persi, o li ha visti perdere ai colleghi piu’ “vicini”. Un’assemblea ad hoc al Senato, nei prossimi giorni, chiamata a esaminare il tema del nuovo capogruppo, rischia di trasformarsi nell’ennesimo ring mentre alla Camera gli 11 candidati a capogruppo lasciano prevedere che i tempi per avere il successore di Francesco D’Uva saranno lunghi. E l’ira di Di Maio e’ palpabile: si narra – ma dallo staff del ministro non confermano – di un sms che il leader del M5S avrebbe inviato a Gelsomina Vono poco prima del suo addio. Sms in cui il leader avvertiva la senatrice del rischio di essere “marchiata” per il suo passaggio a Italia Viva. Da New York il capo politico fa una netta distinzione tra “chi muove giuste critiche e chi va via perche’ non ha ottenuto nulla per se'”. I primi “li ascoltero'”, i secondi “dovranno pagare 100mila euro per danni di immagine, come da Statuto”, avverte Di Maio. Chiamato ad accelerare sulla riforma del M5S, sia sul comitato centrale dei 12 (“saranno eletti su Rousseau”, sottolinea a chi lo critica perche’ saranno scelti dall’alto) sia nei territori, dove l’alleanza con il Pd in Umbria puo’ creare nuove slavine. In Emilia-Romagna e Calabria il “no” del M5S all’alleanza con i Dem e’ piuttosto diffuso. E domenica a Firenze i “ribelli” si riuniranno nuovamente, magari con l’obiettivo di stilare una “carta di Firenze” che certifichi il loro dissenso. Un dissenso al momento poco etichettabile. Non riguarda, ad esempio gli ortodossi e altri attivisti storici, come Barbara Lezzi o Giulia Grillo, pur manifestando il loro malcontento, assicurano che resteranno. L’attenzione sui potenziali fuoriusciti potrebbe invece spostarsi su i vincitori degli uninominali, meno “legati” al Movimento. Movimento che, nelle prossime settimane, e’ chiamato ad affrontare anche il tema ius soli. “Ma se dicessimo: va bene, la prossima settimana si fa il taglio dei parlamentari. Ma quella dopo, cari alleati, con la stessa urgenza e la stessa enfasi, facciamo lo ius soli”, propone Matteo Orfini. E la proposta, a Italia Viva, piace, cosi’ come agli ortodossi M5S come Giuseppe Brescia. Matteo Salvini gia’ annuncia le barricate. I vertici 5 Stelle, per ora, glissano. Ma garantiscono al Pd il cambio della legge elettorale. “Noi saremo leali sul fatto che bisogna trovare la quadra”, assicura Di Maio indicando il metodo del dibattito: “si trova un accordo e lo si comunica in pubblico, evitiamo che l’Italia sprofondi nella discussione su sbarramenti e soglie”.

Advertisement

Cronache

Aprono il pacco dei pannolini e trovano un serpente morto

Avatar

Pubblicato

del

Un serpente di piccole dimensioni, morto, è stato scoperto da una famiglia del Valdarno all’apertura di un pacco di pannolini, e sequestrato stamani dai carabinieri. Il pacco, spiega una nota, era stato consegnato dalla ditta produttrice nell’ambito di una fornitura destinata al figlio minore della famiglia. Lo rende noto l’Asl Toscana sud est spiegando di essersi messa in contatto con la famiglia, e di aver chiesto spiegazioni sull’accaduto alla ditta fornitrice spiegazioni sull’accaduto. La famiglia ha ricevuto una nuova dotazione di pannolini mentre l’Asl e’ in attesa della risposta della ditta per assumere le iniziative conseguenti.

Continua a leggere

Cronache

Il M5S della Campania denuncia “la Asl 1 base logistica della camorra di Secondigliano”, la ministra dell’Interno Lamorgese ha chiesto lo scioglimento

Avatar

Pubblicato

del

Quello che Valeria Ciarambino, responsabile nazionale Sanità del Movimento Cinquestelle, sostiene in questo video è lo stato dell’arte dell’inchiesta aperta sulla Asl Napoli 1. La più importante Asl d’Europa per bacino di utenza,  numero di strutture sanitarie pubbliche gestite e per volume di spesa. Il M5S negli ultimi due anni ha denunciato a ripetizione scandali, episodi di corruzione e infiltrazioni mafiose nei gangli vitali di questa Azienda sanitaria. C’è il caso dell’ospedale San Giovanni Bosco dove incombe una delicatissima inchiesta della Procura distrettuale antimafia di Napoli che ritiene questo nosocomio sia stato a lungo centro di interessi mafiosi delle cosche di Secondigliano. Ora sulla base delle denunce del M5S, sulla base degli accertamenti eseguiti dagli apparati investigativi, sulla base delle prime risultanze giudiziarie e soprattutto in base alle valutazioni della Commissione di accesso del Viminale, sarebbe stata consegnata al ministro dell’Interno, la dottoressa Luciana Lamorgese, una relazione in cui nero su bianco si delineano i presunti condizionamenti mafiosi della Asl e le presunte infiltrazioni. Sulla base di questa relazione, il ministro porterà la sua proposta di scioglimento della Asl in Consiglio dei Ministri. Questo è quanto Valeria Ciarambino in questo video denuncia sia nella sua veste di consigliere regionale del M5S che come responsabile sanità del Movimento. Non appena la bomba è deflagrata nelle redazioni dei giornali, si è cercato di capire se e quando questa proposta di scioglimento sarebbe arrivata in Consiglio dei Ministri. Anche perchè la consigliera Valeria Ciarambino è donna delle istituzioni che in questi anni ha sempre dato prova di affidabilità, concretezza e serietà nelle sue battaglie politiche. Ciò significa che non è un politico che spara a vanvera a caccia di titoli di giornali. In ogni caso, manco il tempo di denunciare questa evidenza e l’evenienza di un traumatico scioglimento dell’Asl Napoli 1 per sospette infiltrazioni mafiose, che immediatamente è filtrata sulle agenzie di stampa una notizia, la cui origine non è dato comprendere bene. E che cosa direbbero queste indiscrezioni? Più o meno nulla, nel senso che non confermano la notizia fornita da Valeria Ciarambino, ma nemmeno la smentiscono.

“Nessuna decisione è stata assunta, fino ad ora, dal ministro dell’Interno in merito alla proposta di scioglimento della Asl Napoli 1”. Chi dice questo? Fonti del Viminale con riferimento ad alcune notizie di stampa. Quali fonti? Nessuno lo sa. E di norma quando una fonte vuole dire cose importanti, si assume la responsabilità di quello che dice, ci mette la faccia. Come ha fatto la Ciarambino. “E’ ancora in corso al Viminale – continuano sempre queste  cosiddette fonti del Viminale – la fase istruttoria affidata agli uffici competenti”. Peraltro, a seguito dell’entrata in vigore del decreto legge 18/2020, che ha rimodulato i termini di tutti i procedimenti ex articolo 143 del Testo unico degli enti locali, il ministro dovrà eventualmente formulare la proposta al Consiglio dei ministri entro il prossimo mese di dicembre. Insomma il Viminale che avrebbe già una relazione che attesterebbe le sospette infiltrazioni mafiose nella Asl 1 vuole nascondere la notizia nel frattempo deflagrata. Non sarebbe purtroppo nemmeno la prima Asl sciolta. In assoluto la prima Asl sciolta, fu quella di Pavia, in Lombardia, per sospette infiltrazioni della ‘ndrangheta. Mentre già un altro ospedale fu accertato essere epicentro di affari di camorra e per questo motivo sciolto e commissariato: era l’ospedale civile di Caserta, in Campania. La Campania della sanità di Vincenzo De Luca e dei miracoli del Covid 19, che per fortuna non è passato per il Sud. E la Campania l’ha toccata di striscio.

Continua a leggere

Cronache

Rapina una nonnina di 93 anni ma il guardiano lo blocca e i carabinieri lo arrestano

Avatar

Pubblicato

del

Speriamo che paghi davvero per quel che ha fatto il 20enne colto in flagranza per aver strappato la borsetta con i gioielli della vita a una nonnina di 93 anni. È questo dopo averle truffato già mille euro. È accaduto a Napoli, nel quartiere Posillipo dove i carabinieri del nucleo radiomobile hanno arrestato per rapina F.S, 20enne napoletano già noto alle forze dell’ordine.

Il giovane – all’interno di un appartamento del centralissimo parco residenziale Comola Ricci – ha dapprima tentato di truffare una 93enne con la tecnica del parente in difficoltà per poi rapinarla dei gioielli.
Aveva convinto la “nonnina” a farsi consegnare mille euro in contanti per aiutare il nipote in difficoltà ma poi, quando le ha chiesto anche i gioielli, l’anziana ha incominciato a sentire puzza di bruciato ed ha tentennato. Il giovane non si è accontentato e, bloccando la donna, le ha tolto la pochette contenente i gioielli di una vita per poi darsi alla fuga.
Altissimo il senso civico dell’uomo addetto alla guardiania del condominio che – accortosi del giovane in fuga – lo ha bloccato e chiamato il 112. I carabinieri – intervenuti nel parco residenziale –  hanno perquisito il ragazzo: rinvenuta e sequestrata l’intera refurtiva che è stata restituita alla vittima che, commossa, ha ringraziato.

L’arrestato è stato tradotto al carcere di Poggioreale in attesa di giudizio

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto