Collegati con noi

Sport

De Laurentiis ufficializza l’acquisto di Osimhen, è il Maradona africano

Avatar

Pubblicato

del

Il Napoli ha ufficializzato l’acquisto di Viktor Osimhen dal Lilla. Il presidente azzurro Aurelio De Laurentiis ha scritto su Twitter “Benvenuto Victor!”, annunciando così la firma del 21enne attaccante nigeriano. Viktor Osimhen è nato a Lagos, in Nigeria, il 29 dicembre del 1998, dunque non ha ancora 22 anni. Cresciuto nelle giovanili dello “Strickers Academy” di Lagos, è diventato professionista non appena maggiorenne quando si è trasferito al Wolfsburg.

In Germania ha giocato nella stagione 2017/18 per poi passare l’anno seguente allo Charleroi. Nella squadra belga gioca 36 gare segnando 20 gol stagionali. La sua esperienza prosegue al Lille nel 2019/20 dove colleziona 38 presenze e 18 reti. Osimhen è nazionale nigeriano. Con l’Under 17 ha conquistato il Mondiale nel 2015 nel quale si è distinto laureandosi capocannoniere con 10 gol. Nella Nazionale maggiore ha debuttato a giugno del 2017 e con la Nigeria sinora vanta 10 presenze e 4 reti. Insomma un bomber di rango. Osimhen è stato un “pallino” di De Laurentiis ma piace tantissimo anche a Rino Gattuso. Il progetto tecnico in attacco ruoterà intorno a questo giovane molto tecnico, eccellente fisicamente e con uno scatto felino. Sui cento metri è irresistibile palla al piede. Se è vero che il prossimo campione del pallone sarà africano, Viktor Osimhen ha buone chance. E De Laurentiis lo spera. Anche perchè ci ha creduto come manager e ci ha investito tanto. Il Lilla incasserà 50 milioni netti. Osimhen sarà l’acquisto più caro della storia azzurra. Il calciatore ha firmato un contratto di cinque anni che arriva fino a 4 milioni di euro a stagione con bonus.

Advertisement

In Evidenza

Napoli col fiato sospeso, domani il verdetto sull’infortunio a Lorenzo Insigne

Avatar

Pubblicato

del

Lorenzo Insigne avra’ domani il suo verdetto sull’infortunio rimediato contro la Lazio e se potra’ provare a essere in campo contro il Barcellona sabato prossimo. L’attaccante azzurro sara’ sottoposto a una risonanza magnetica per appurare l’entita’ della possibile infiammazione pubica e capire se ha un problema muscolare serio all’adduttore o se si tratta di una semplice contusione. Oggi Insigne ha fatto terapie e domani si sottoporra’ a esami strumentali. Se la diagnosi sara’ negativa per Insigne la sua stagione sara’ finita e Gattuso dovra’ ridisegnare l’attacco a Barcellona.

Continua a leggere

Sport

Gli insulti a Gattuso in Napoli-Lazio: questo calcio è sempre più becero

Marina Delfi

Pubblicato

del

Chi pensava che davvero la pandemia, il ‘lockdown’, i brutti momenti passati avrebbero cambiato il mondo, cambiato in meglio le persone, purtroppo non ci ha azzeccato niente. Altrimenti episodi come quello accaduto al San Paolo con un personaggio della panchina della Lazio di Inzaghi non sarebbero potuti accadere. L’ insulto razziale, come chiamare ‘terrone di m….’ Rino Gattuso è un esempio di beceritudine tipico purtroppo del calcio nostrano e fa il paio con quanto accaduto a Bergamo poco più di una settimana fa… Insomma si continua sulla stessa strada.  E allora? Certo, questo calcio a porte chiuse, dove si gioca a favore di telecamera e solo perché c’è un problema di diritti tv sinceramente non fa onore ad una disciplina sportiva tra le più belle e interessanti.

Anche sentire le bestemmie di Inzaghi e di molti altri in questo calcio senza rumori di fondo degli spettatori è davvero brutto, diseducativo, altro che sport. Però se davvero venissero multati o squalificati per qualche turno i soggetti che dimostrano una propensione al vituperio o all’insulto razziale, perché anche dire ‘terrone di m….’ è un insulto razziale, allora forse smetterebbero di farlo o forse ci sarebbero meno episodi del genere. Quante alle multe, ben vengano quelle salate: in un mondo così venale toccare il portafogli fa sempre male e forse può servire a qualcosa. 

Continua a leggere

In Evidenza

Il cannibale Hamilton domina anche il Gp d’Inghilterra, Leclerc solo terzo e Vettel decimo con l’altra Ferrari

Avatar

Pubblicato

del

Lewis Hamilton ha vinto da dominatore ma rocambolescamente il gp d’Inghilterra, a Silverstone. Il britannico della Mercedes ha forato all’ultimo giro ma e’ riuscito a precedere fortunosamente sul traguardo Verstappen sulla Red Bull. Terzo posto per la Ferrari di Leclerc, 10mo Vettel.

“All’ultimo giro mi si e’ quasi fermato il cuore”: tranquillo e sorridente, Lewis Hamilton racconta cosi’ al termine del gp di Silverstone la sua rocambolesca vittoria, giunta dopo una gara che comunque lui aveva dominato fin dal via. “Fino all’ultimo giro tutto e’ andato a vele spiegate – ha detto Hamilton nella tradizionale intervista del dopo gara -. Quando ho saputo del problema di Bottas con le gomme, ho guardato le mie e sembrava tutto in ordine, la macchina curvava senza problemi e non pensavo sarebbe successo nulla. Ho anche alzato un po’ il pedale, poi la gomma e’ esplosa. Mi sono trovato col cuore in gola, ha proseguito il campione de mondo- non sapevo se sarei arrivato al traguardo, temevo di uscire di pista toccando i freni. Sentivo che il vantaggio su Verstappen calava, ho messo di nuovo il piede sul gas, non ho mai provato nulla di simile all’ultimo giro, quasi mi si e’ fermato il cuore in quel momento. Non so come sono arrivato alla fine.Forse avremmo dovuto fermarci e cambiare le gomme dopo il problema di Bottas”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto