Collegati con noi

Ambiente

Dalle viscere della stazione della metropolitana Duomo di Napoli spunta la necropoli dei bambini

Avatar

Pubblicato

del

Due tombe di argilla. Dentro resti umani. Forse bambini. Ma non sono i primi che vengono ritrovati. Già nel 2004, tra i tanti ritrovamenti, spuntò un’urna funeraria con lo scheletro di un bambino, cosa che fece  pensare all’esistenza di una necropoli. Non molto distante dalla Napoli greco romana. Ma è stata comunque grande la sorpresa degli operai dell’azienda impegnata nei lavori al cantiere di piazza Nicola Amore, la stazione Duomo della linea 1 che da 15 anni riserva sorprese (e relativi rallentamenti), quando sono spuntate due bare in argilla con due scheletri.

Durante gli scavi archeologici sono stati riportati alla luce reperti risalenti all’epoca romana, tra cui un tempio del I secolo d.C., un porticato Ellenistico di età Flavia e una pista da corsa del ginnasio, che si aggiungono ai circa tre milioni e mezzo di reperti recuperati a Napoli in 35 anni di lavori. La stazione sarà coperta da un’enorme calotta trasparente che darà l’idea di un museo aperto a tutti.

Ma sarebbero almeno quattro le tombe sinora trovate ieri. Gli esami di laboratorio dateranno l’età delle ossa e forse il motivo della morte. Ancora si sa poco dell’ennesimo ritrovamento e a quale contesto storico riferirlo. Visto che la piazza dei Quattro Palazzi sembra abitata da sempre, dall’età del bronzo antico, passando per quella del ferro e diventando anche uno dei centri principali dell’età greca e di quella romana.

Una scoperta che arriva a pochi giorni dal rilascio del rendering della futura stazione progettata da Massimiliano Fuksas a Piazza Nicola Amore.
Una cupola di vetro e un riadattamento del progetto originario necessario proprio per preservare e valorizzare i ritrovamenti archeologici e per seguire le prescrizioni della Soprintendenza.

 

Advertisement

Ambiente

Connect4Climate e il ministro Costa, assieme per sensibilizzare tutti alla tutela del Mare Nostrum

Avatar

Pubblicato

del

Teatro, poesia, musica: le arti sono ancora più nobili quando vengono usate per trasmettere messaggi positivi come la tutela dell’ambiente e del mare. Mentre i ministri dei ventuno paesi che affacciano sul Mediterraneo mettevano a punto e formavano la Carta di Napoli per la tutela del Mare Nostrum, ieri sera al teatro Nest di San Giovanni a Teduccio andava in scena l’ultimo evento di sensibilizzazione ideato da Connect4Climate, in collaborazione con associazioni locali e il Ministero dell’Ambiente.

Si parte subito con il reading teatrale “Terra nera” interpretato dagli attori Adriano Pantaleo e Gianni Spezzano. Pantaleo interpreta un imprenditore che fa affari nella Terra dei Fuochi interrando rifiuti tossici e prova ad assoldare un giovane laureato. “Io faccio risparmiare alle aziende del nord oltre l’80% del prezzo che dovrebbero pagare per lo smaltimento dei rifiuti. Se tu mi stai a sentire io ti faccio diventare uno stakeholder esagerato… Donne, feste, macchine, cocaina: la bella vita! Te piace ‘a bella vita?”

Poi la lettura di vari brani, fra cui un bellissimo passo dello Zio Vanja di Cechov, che nel 1896 già denunciava la devastazione della natura ad opera dell’uomo. “Bisogna essere un barbaro selvaggio per bruciare nella propria stufa questa bellezza, per distruggere ciò che non siamo in grado di creare. L’uomo è dotato di intelligenza e di forza creativa per moltiplicare quanto gli è dato, ma fino ad oggi egli non ha creato, bensì distrutto”.

Dopo le poesie sul mare e la sua bellezza declamate da tre ragazzi della compagnia dei Giovani ‘ONest, è il turno dei Cosmorama, rock band salernitana che si esibisce con testi impegnati che guardano al sociale. Fra i brani spicca “Terra alla luce del sole”, un atto di denuncia di una Campania privata delle sue bellezze e sfruttata in ogni modo dal mondo sommerso legato alla gestione illecita dei rifiuti. Ma il brano è anche un invito alla ribellione per il popolo della Terra dei Fuochi.

Direttamente dai lavori della Cop 21 a Castel dell’Ovo arriva poi il ministro Costa. “Abbiamo approvato per acclamazione la Carta di Napoli, con cui ciascun Paese si impegna in modo concreto per contrastare l’inquinamento marino da plastica, la tutela delle aree marine protette, blu economy e limitazione delle emissioni di ossidi di zolfo”. Un documento che resterà nella storia del mar Mediterraneo e della nostra città.

Costa tiene le idee dei giovani in grande considerazione e punta forte sulle loro potenzialità. “L’anno prossimo – spiega – si terrà in Italia la Youth Cop, conferenza dei giovani impegnati nell’ambiente. Verranno ragazzi da tutto il mondo per redigere la carta dei giovani sul cambiamento climatico. Avrete finalmente l’occasione di parlare con i grandi della Terra, quelli che fino a poco fa vi tenevano alla porta. L’Italia è il primo paese al mondo ad aver organizzato una conferenza delle parti per i giovani, e di questo dobbiamo essere orgogliosi”.

Ma c’è anche un altro importante annuncio, che riguarda fra le altre anche l’area di San Giovanni a Teduccio. “Abbiamo finalmente individuato le risorse per far partire le bonifiche di Napoli Est. Abbiamo stanziato – dice Costa –  circa 34 milioni di euro che dal 2020 saranno disponibili per gli enti che si incaricheranno delle bonifica, sotto il controllo del Ministero dell’Ambiente”.

Continua a leggere

Ambiente

Cambiamenti climatici, la Cia: con la moria delle api a rischio il 70% della produzione agricola mondiale

Avatar

Pubblicato

del

Negli ultimi cinque anni sono scomparsi 10 milioni di alveari nel mondo, quasi 2 milioni l’anno, oltre 200.000 solo in Italia. I cambiamenti climatici, con l’aumento delle temperature e la diffusione di nuovi parassiti, stanno mettendo a rischio salute e sopravvivenza delle api, con effetti drammatici sulla sicurezza alimentare globale. Perche’ dal loro ruolo essenziale di impollinatori dipende il 70% della produzione agricola mondiale, quindi del cibo che portiamo a tavola. Questo e’ l’allarme lanciato dall’Assemblea nazionale de la Spesa in Campagna, l’associazione per la vendita diretta di Cia-Agricoltori Italiani, dal titolo ‘Api, agricoltura e cambiamenti climatici. Come cambia la spesa delle famiglie italiane’.

Una delle conseguenze peggiori del riscaldamento globale e’ proprio la diminuzione drastica del numero di api. “Se non si interviene subito e in maniera integrata – ha spiegato il presidente nazionale de la Spesa in Campagna, Matteo Antonelli – presto le varieta’ di miele, cosi’ come ortaggi e frutta, saranno sempre piu’ scarsi, o non disponibili, in primis nei mercati contadini dove gli agricoltori portano ogni giorno tipicita’ e biodiversita’. Bisognera’ comprare a prezzi piu’ alti per avere prodotti di qualita’ e stare sempre piu’ attenti alla provenienza”. Ecco perche’, ancora di piu’ oggi, all’apicoltura deve essere riconosciuta la funzione fondamentale di base del sistema agricolo, considerato che dal servizio di impollinazione di questi insetti provengono 90 delle 115 principali coltivazioni mondiali. Non solo miele, insomma: dal lavoro delle api dipendono prodotti come mele, pere, ciliegie, albicocche, meloni, pomodori, zucchine, carote, cipolle, ma anche foraggi per gli allevamenti. Un ruolo insostituibile, insomma, ma minacciato dai cambiamenti climatici. Prima di tutto, il rialzo della temperatura del pianeta costringe le api a cambiare habitat e spostarsi di continuo alla ricerca di areali piu’ freschi.

Altri contraccolpi arrivano dallo stravolgimento delle stagioni con primavere anticipate e freddo fuori periodo: vuol dire avere polline e nettare sui fiori a disposizione delle api quando ancora non sono pronte a raccoglierlo e, invece, fioriture vuote quando dovrebbero alimentarsi, con effetti sulla capacita’ produttiva e riproduttiva, ma pure sulla resistenza alle malattie. Che e’ poi un altro risultato del climate change. Il riscaldamento globale, infatti, facilita la proliferazione dei cosiddetti ‘parassiti dell’alveare’, dalla Varroa alla Vespa Vellutina all’Aethina tumida, micidiali per le nostre api. Per tutti questi motivi, solo nel 2019 la produzione nazionale di miele di acacia e agrumi ha fatto registrare una contrazione del 41%, con una perdita in termini economici di circa 73 milioni di euro. E questo nonostante gli oltre 50.000 apicoltori italiani che curano 1,1 milione di alveari sparsi nelle campagne nostrane hanno concentrato i loro sforzi per salvare le api, attraverso la nutrizione artificiale con sciroppo di zucchero e canditi proteici.

“Senza il loro intervento – ha evidenziato Antonelli – le api morirebbero di fame. Continuando questo trend, sara’ inevitabile che alcune varieta’ di mieli locali diventeranno sempre piu’ scarse”. Una ricerca dell’Universita’ di Milano sulla correlazione tra fenomeni climatici e ambientali e moria delle api ipotizza che, in assenza di interventi, la produzione di miele potrebbe addirittura scomparire da qui a 100 anni.

“E’ fondamentale quindi promuovere misure che favoriscano e tutelino lo sviluppo dell’apicoltura – ha sostenuto il presidente nazionale di Cia, Dino Scanavino – innanzitutto, occorre sostenere i piccoli apicoltori: il cittadino che compra il miele al mercato contadino, nelle botteghe della nostra associazione la Spesa in Campagna, aiuta gli apicoltori e, con loro, difende la biodiversita’ e l’economia del paese”. Alle istituzioni, ha aggiunto, “chiediamo di intervenire sul sistema fiscale, prevedendo un’aliquota Iva agricola anche per servizi di impollinazione, pappa reale e polline; di introdurre adeguate misure di sostegno assicurativo contro le calamita’ naturali; di valorizzare l’apicoltura attraverso incentivi per i produttori agricoli da inquadrare nell’ambito dei Psr”.

Continua a leggere

Ambiente

Parla il ministro Costa: con la Carta di Napoli prime misure concrete per difendere il mare e il clima

Avatar

Pubblicato

del


Sergio Costa, ministro dell
ambiente e della tutela del territorio e del mare dei governi Conte I e II, ha aperto a Napoli i lavori della Cop 21, la conferenza delle parti aderenti alla Convenzione di Barcellona per la protezione del mar Mediterraneo. Impegnato in prima linea nella battaglia sulla Terra dei Fuochi, il ministro Costa ha mosso con il decreto clima e il ddl Salvamare il primo passo in direzione del Green New Deal. E punta molto sui giovani, da cui si aspetta non solo proteste ma anche proposte concrete per affrontare la crisi climatica ed ambientale. Abbiamo incontrato il ministro Costa ad una manifestazione organizzata da Connect4Climate in collaborazione con Let’s do It! Italy ed il ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Il ministro si è presentato sulla spiaggia del quartiere di Napoli Est, San Giovanni a Teduccio, un tempo periferia industriale di Napoli. Oggi sembra terra di nessuno. C’è un tratto di costa abbandonato al suo destino. Plastica, sporcizia, idrocarburi, spazzatura urbana. A ripulire e restituire questo luogo in condizioni di decenza ci hanno pensato con una azione di pulizia e di riqualificazione della spiaggia di vicoletto Municipio (nei pressi della biblioteca Labriola) gli studenti delle scuole del territorio. Una mattinata che i ragazzi han trascorso per pulire la spiaggia e per linstallazione di panchine oltre al ripristino della doccia che si trova in spiaggia. Il ministro ha dato una mano, è stato con i ragazzi e col musicista Maurizio Capone che ha tenuto un laboratorio sul riutilizzo del materiale raccolto attraverso una performance musicale. È in questo contesto che abbiamo posto alcune domande al ministro Costa, che come al solito è stato disponibile con Juorno.it.

Ministro Costa, qual è il programma della Cop 21, a Napoli da oggi e fino al 5 dicembre?

La Cop 21, conferenza delle parti aderenti alla Convenzione di Barcellona, è stata inaugurata stamattina a Napoli, città individuata dalle Nazioni Unite come capitale del mar Mediterraneo. Vedrà la partecipazione dellUnione Europea e di ventuno nazioni che affacciano sul mar Mediterraneo da tre diversi continenti: Europa, Nord Africa, Medio Oriente. Dal dialogo su marine litter, biodiversità, blue economy e aree marine protette nazionali e transnazionali arriveremo giovedì, con la firma della carta di Napoli, a stabilire cosa fare nellimmediato futuro e in quali termini. Avremo per i prossimi due anni la presidenza della conferenza delle parti.

C’è qualche novità che può anticipare?

Sì, per la prima volta nella storia della conferenza abbiamo inserito anche i ragazzi, che interverranno con la carta dei giovani per il Mediterraneo. Emolto importante perché significa raccogliere in modo concreto le proposte che ci arrivano dai ragazzi. Abbiamo cambiato radicalmente il paradigma della tutela del mar Mediterraneo. E adesso il confronto di questi quattro giorni ci dirà dove possiamo arrivare nei prossimi mesi e nei prossimi anni.

A proposito di giovani. Che opinione ha del movimento Fridays for Future?

Il movimento di Fridays for Future ha tutto il mio apprezzamento, perché è formato da tanti giovani che desiderano essere ascoltati e chiedono alla politica fatti concreti, per questa ragione noi li abbiamo inseriti nella conferenza delle parti: abbiamo chiesto loro non solo proteste, ma anche proposte. Le loro proposte sono arrivate e proprio in queste ore stanno discutendo la carta dei giovani per il Mediterraneo. Massimo ascolto e massima disponibilità. Stare ad esempio qui, su una spiaggia di Napoli Est, assieme a tutti questi ragazzi che hanno ripulito una spiaggia è per me motivo di grande soddisfazione ed orgoglio. E di questo ringrazio i giovani, gli insegnanti che puntano su questi valori concreti nella loro istruzione quotidiana ed ovviamente ringrazio Connect4Climate e Let’s do it! Italy per aver reso possibile tutto ciò.

Signor ministro che cosa prevede il decreto clima in materia di tutela del mare e delle nostre coste?

Il mio auspicio è che il decreto clima, già approvato al Senato, possa diventare legge dello Stato se passerà anche alla Camera la prossima settimana. Nel decreto abbiamo previsto un articolo con cui si riorganizza completamente il sistema di depurazione delle acque, per cui noi come Paese Italia siamo sotto infrazione. Abbiamo sostituito le tante norme preesistenti con una sola e labbiamo fatta in accordo con lUnione Europea per uscire dalla procedura di infrazione. Ci abbiamo messo i fondi per poter finalmente iniziare lopera di depurazione; poi però abbiamo previsto anche il collettamento della depurazione, altrimenti il depuratore diventa una cattedrale nel deserto.

E la legge Salvamare?

Sarà in discussione al Senato allinizio del 2020, mentre alla Camera è già stata approvata. La legge Salvamare darà un altro importante contributo alla tutela del mare e delle nostre spiagge, consentendo finalmente ai pescatori di rimuovere le plastiche dal nostro mare. Finora i pescatori erano costretti a rigettare in mare i rifiuti finiti accidentalmente nelle reti, per non incorrere nel reato di trasporto illecito di rifiuti. Piccoli ma significativi tasselli di vita quotidiana, con cui finalmente iniziamo, dopo quarantanni, a risolvere i problemi dei cittadini. Questo il percorso che abbiamo disegnato: nessuno ha la bacchetta magica, pian piano le cose le stiamo facendo.

Quanto è importante intervenire nelleducazione scolastica per formare la coscienza ambientale dei futuri cittadini del pianeta?

Credo sia fondamentale. Nel decreto clima ho ottenuto la possibilità di stanziare delle risorse per progetti e programmi di formazione ambientale nelle scuole e insieme al ministro del Miur Fioramonti abbiamo costruito un percorso di formazione sui cambiamenti climatici obbligatorio e trasversale, che va dalle elementari alle università. Quando questi ragazzi diventeranno la classe dirigente del Paese, saranno già preparati per affrontare la questione ambientale. Noi quando eravamo ragazzi non abbiamo ricevuto questa preparazione e oggi se ne vedono i risultati. Per questo oggi è così importante investire su di loro.

Giulia Braga, program manager di Connect4Climate: sensibilizzare sui temi dei cambiamenti climatici e della sostenibilità ambientale

Continua a leggere

In rilievo