Collegati con noi

Economia

Crisi di Air Italy, Ryanair avvia contatti per apertura di una base a Olbia

Avatar

Pubblicato

del

“Un nostro team ha avviato contatti con l’aeroporto di Olbia per valutare l’apertura di una base in quella città. Non è una cosa immediata, non per questa estate, ma forse per la prossima. Ci stiamo lavorando”. Lo ha detto il chief commercial officer di Ryanair David O’Brien incontrando la stampa a Milano. A chi gli chiedeva se Ryanair non stesse sfruttando il momento di attenzione generato attorno ad Air Italy per presentare le sue nuove proposte commerciali, O’Brien ha risposto che Ryanair cresce sempre in Italia. “Quest’anno – ha detto – ci sarà un aumento del traffico fra il 3 e il 4% a fronte di una media europeo di meno dell’1%. E’ piu’ l’Italia che approfitta di noi”.

Advertisement

Economia

Coronavirus, Confesercenti: rischio consumi, perdita stimata in -2,2miliardi di euro

Avatar

Pubblicato

del

“E’ prevedibile un peggioramento, dovuto agli effetti dell’emergenza Coronavirus, sul recupero di fiducia da parte delle imprese segnalato a febbraio. Le famiglie, secondo le nostre ultime elaborazioni, saranno spinte ad un comportamento piu’ prudente e rinvieranno le decisioni di spesa: l’effetto puo’ tradursi in un abbassamento di 0,2 punti della propensione al consumo, con la perdita di 2,2 miliardi di spesa entro giugno”. Cosi’ l’Ufficio economico di Confesercenti commenta i dati dell’Istat sul clima di fiducia di imprese e famiglie. D’altra parte l’indice sulla fiducia diffuso oggi e’ frutto di un’indagine pre-coronavirus, “in quanto i dati sono raccolti entro i primi 15-18 giorni del mese”, ricorda Confesercenti. “Ciononostante, per quanto riguarda i consumatori si registra gia’ una flessione dell’indice, seppur limitata”, sottolinea. “Ma l’impatto economico dovuto alle misure adottate per la prevenzione del contagio costringe a rivedere, in negativo, le stime sull’effetto complessivo dell’epidemia sui settori produttivi: dai nostri calcoli – spiega l’associazione – le maggiori conseguenze negative arriveranno proprio da un crollo della fiducia, un dato che interessera’ tutto il territorio nazionale e si protrarra’ almeno per tutto il secondo trimestre”. E, si sottolinea, “la situazione si sta dimostrando gia’ particolarmente grave nel comparto turistico, col rischio di perdita di almeno 18 mila esercizi, tra alberghi e pubblici esercizi, e 90 mila posti di lavoro in meno”. Ecco che “abbiamo delineato al Governo – afferma la presidente d Confesercenti Patrizia De Luise – che le ricadute economiche sulle imprese possono tradursi in un urto fortissimo: per questo bisogna agire prontamente e bene”.

Continua a leggere

Economia

A2A, la battaglia per la poltrona di Ad dell’azienda che macina utili

amministratore

Pubblicato

del

Le chiamano multiutiliy, sono spesso aziende che fatturano miliardi e sono tra le principali protagoniste sui mercati. Nel 2019 A2A, multiutility milanese-bresciana ha fatto registrare un margine operativo lordo a 1,23 miliardi di euro, in linea rispetto all’eccellente risultato del 2018, nonostante il venir meno del contributo dei certificati verdi e di altri incentivi per circa 100 milioni di euro. Forte crescita degli investimenti a 627 milioni di euro, +25% rispetto all’anno. Questo è  quanto emerge dai risultati consolidati preliminari dell’esercizio 2019. La posizione finanziaria netta, inclusi gli effetti contabili dell’applicazione dell’IFRS 16, e’ di 3,15 miliardi di euro. “Abbiamo chiuso il 2019 con risultati solidi, superiori alle nostre attese, confermando una marginalita’ operativa in linea con il 2018 recuperando integralmente il minor contributo di circa 100 milioni di euro derivanti da incentivi e titoli ambientali – ha commentato l’amministratore delegato Valerio Camerano -. Abbiamo inoltre rafforzato le basi della nostra crescita incrementando gli investimenti del 25% rispetto allo scorso anno e realizzando 5 nuove operazioni di crescita esterna”. “Il 2019 ha rappresentato un anno particolarmente importante per il consolidamento delle partnership territoriali avviate negli anni precedenti e ha posto le basi per un ulteriore sviluppo del Gruppo A2a su modello della Multiutility dei Territori – ha dichiarato il presidente Giovanni Valotti”. Per l’Ebitda di 1,23 miliardi le partite non ricorrenti sono risultate pari a +40 milioni, in linea con il valore registrato nell’esercizio precedente. Al netto del contributo dei certificati verdi e di altri incentivi, rilevato nell’esercizio 2018, tutte le Business Unit hanno riportato risultati in aumento rispetto all’esercizio precedente. A tale andamento positivo ha contribuito, inoltre, l’apporto per l’intero esercizio del gruppo Acsm Agam, consolidato integralmente a partire dal primo luglio 2018. Gli investimenti di 627 milioni hanno riguardato progetti volti a promuovere il piano di decarbonizzazione e il rinnovamento della capacita’ di generazione, l’efficientamento delle reti di distribuzione e l’ampliamento della capacita’ di trattamento dei rifiuti con l’obiettivo di garantire la chiusura del ciclo ambientale. Nel 2019, inoltre, A2a ha concluso operazioni di M&A principalmente nel comparto del trattamento dei rifiuti, della vendita energia elettrica e gas e delle rinnovabili per un importo complessivo di oltre 50 milioni. C’è in atto un cambio del vertice della A2A, nonostante questi risultati.  E spunta l’ipotesi di Renato Mazzoncini, ex ad di Fs, per l’incarico di amministratore delegato di A2A. Il manager si trova in pole position per il posto attualmente occupato da Valerio Camerano nel caso in cui il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, e quello di Brescia, Emilio Del Bono, dovessero optare per un cambio radicale dell’assetto di vertice. Un incontro tra i due primi cittadini, il presidente di A2A, Giovanni Valotti, e Camerano e’ in programma venerdi’, anche se l’agenda dei sindaci e’ costantemente a rischio stravolgimento a causa dell’emergenza coronavirus. Nelle scorse settimane era emersa l’intenzione del Comune di Milano, a cui in questo giro di nomine spetta la scelta del presidente, di non concedere a Valotti il terzo mandato. Ora anche la posizione di Camerano appare in bilico anche se per la scelta occorrera’ attendere il faccia a faccia tra sindaci e manager.

Il ‘bresciano’ Mazzoncini, il cui nome e’ stato anticipato oggi da Il Giornale, sarebbe in buoni rapporti con entrambi i sindaci, che devono indicare congiuntamente l’ad. Per la presidenza sono circolati nelle scorse settimane i nomi della vice presidente Stefania Bariatti e del consigliere di A2A Enrico Corali, come scelte interne, a cui si e’ aggiunto quello di Marco Patuano, ex ad di Tim e di Edizione, come esterno. “Si tratterebbe di cambiamento inatteso dal mercato, perche’ la societa’ ha diversi dossier aperti per aggregazioni di local utilities in Lombardia (Gelsia) ed in Veneto (Aim Vicenza e Agsm Verona) ed inoltre l’attuale management ha una profonda conoscenza del settore energetico, che sta vivendo una profonda trasformazione verso le rinnovabili dettata dal Green Deal Europeo”, hanno commentato gli analisti di Equita. A favore della conferma dei vertici giocano i risultati raggiunti in questi anni, sia sul fronte industriale che in Borsa, mentre a spingere per un rinnovo che sembra prendere sempre piu’ quota ci sarebbe la volonta’ dei Sindaci di evitare il consolidarsi all’interno dell’azienda di posizioni di potere. Venerdi’, tra l’altro, scadranno i bandi pubblici dei due Comuni per la presentazione delle candidature ad amministratore di A2A. Il board, per cui Brescia e Milano presenteranno una lista di maggioranza congiunta, sara’ rinnovato con l’assemblea di bilancio in primavera.

Continua a leggere

Economia

Fca festeggia i 40 anni della Panda e promette oltre un miliardo di investimenti a Pomigliano

Avatar

Pubblicato

del

“Complessivamente, tra Panda Hybrid e Alfa Romeo C-SUV, l’investimento per Pomigliano ammonta a oltre un miliardo di euro. E a dispetto delle fake news che ogni tanto circolano, ribadiamo il ruolo centrale di Pomigliano nel piano Industriale”. È questa la promessa del Ceo Emea Region di Fca, Pietro Gorlier, nel corso della manifestazione a Pomigliano d’Arco (Napoli) per celebrare i 40 anni della Panda.

 

“E oggi – ha aggiunto – non solo celebriamo l’eccellenza della tecnologia Hybrid di Panda ma anche i primi importanti investimenti che abbiamo fatto e stiamo continuando a fare per il nuovo modello Alfa Romeo. A dispetto delle “fake news” che ogni tanto incomprensibilmente circolano, ribadiamo il ruolo centrale di Pomigliano in questo piano che, oltre ad un modello di grande successo come la Panda, produrra’ anche un modello cruciale del Brand Alfa Romeo come il C-SUV, del quale abbiamo avuto l’anticipazione a Ginevra lo scorso anno. Si tratta del primo modello ibrido plug-in di questo marchio che, attraverso il linguaggio Alfa Romeo vuole riscrivere le regole del segmento attualmente in maggiore crescita”.

Continua a leggere

In rilievo