Collegati con noi

Tecnologia

Coronavirus: Youtube sospende alta definizione in Ue

Avatar

Pubblicato

del

YouTube sospende temporaneamente l’alta definizione dello streaming abbassando la qualita’ al livello standard per alleggerire il carico dei dati che viaggia sulle reti Internet. L’annuncio è arrivato direttamente da Google – proprietaria della piattaforma video – e dal commissario Ue per il Digitale, Thierry Breton. Con questa decisione, i ceo di Google e Youtube, Sundar Pichai e Susan Wojcicki, si uniscono alle misure già adottate ieri da Netflix e richieste da Bruxelles per far fronte al sovraccarico che le infrastrutture stanno affrontando dall’inizio della pandemia. “Ci impegniamo a trasferire temporaneamente tutto il traffico sulle reti europee alla definizione standard in modo predefinito e continueremo a lavorare con i governi degli Stati membri e gli operatori di rete per ridurre al minimo lo stress sul sistema, offrendo al contempo una buona esperienza agli utenti”, ha commentato un portavoce di Google, precisando che, dall’inizio dell’emergenza coronavirus, YouTube ha registrato “solo alcuni picchi di utilizzo”. L’iniziativa è stata accolta con favore da Bruxelles. “Apprezzo la forte responsabilità dimostrata da Pichai e Wojcicki”, ha detto il commissario Breton.

Advertisement

In Evidenza

COVID-19 CTI League, task-force mondiale per gli attacchi hacker

Avatar

Pubblicato

del

Sovrabbondanza di informazioni, uso di tecnologie casalinghe meno sicure, siti che promettono dispositivi medici introvabili e invece impacchettano frodi. Gli hacker stanno capitalizzando le nuove fragilita’ dovute all’emergenza coronaviruse c’e’ un gruppo di 400 esperti mondiali di cybersicurezza che fa squadra per combattere gli attacchi legati all’epidemia. “Non si e’ mai visto questo volume di phishing e in tutte le lingue”, spiega Marc Rogers uno dei promotori del progetto. Il gruppo si chiama COVID-19 CTI League e include professionisti di diverse parti del mondo e anche di diverse aziende, incluse Amazon e Microsoft. La priorita’ e’ lavorare per combattere le aggressioni alle strutture mediche e alle organizzazioni sanitarie. Proprio l’Oms ha lanciato pochi giorni fa l’allarme sui ripetuti attacchi all’agenzia mentre gli ospedali, anche in Italia, vengono presi di mira. Ma il contingente lavora pure per difendere le reti e si servizi di comunicazione, vitali più che mai in questo momento. E ha affermato di aver gia’ smantellato una campagna che utilizzava una vulnerabilità in un software per poi diffondere un virus dannoso. Nei giorni scorsi la Polizia Postale ha diffuso l’alert per un attacco phishing volto a rubare dati bancari. Anche l’Oms ha lanciato l’allarme per mail fasulle e secondo la societa’ di sicurezza Checkpoint nei primi 20 giorni di marzo sono nati 16 mila siti infetti contenenti mappe che si dichiarano aggiornate sull’epidemia. E gli hacker cavalcano anche la paura del contagio. I ricercatori di Kaspersky hanno scoperto un malware che invia un messaggio agli utenti per sapere se nelle vicinanze ci sono persone contagiate. Con un click, l’utente viene infettato e spinto su una pagina web chiamata coronavirus Finder. Qui gli si chiede di inserire i propri dati di carta di credito per avere le informazioni promesse al costo di 75 centesimi. Gli stessi ricercatori, infine, mettono in guardia sulla sicurezza di app di videoconferenze, come Zoom e Houseparty, che hanno avuto un boom di download in questo periodo di smart working.

Continua a leggere

In Evidenza

Le maschere snorkeling anti-covid sbarcano anche all’estero

Avatar

Pubblicato

del

La maschera da snorkeling per bambini di Decathlon, modificata con una valvola per essere utilizzata come respiratore per i malati di coronavirus, dopo Brescia, dove e’ nata, si sposta in altri ospedali in Italia e all’estero. L’idea, concepita da un ex primario a Gardone Valtrombia con Isinnova, start up innovativa a tutto campo, ha gia’ centrato l’obiettivo delle 500 maschere d’emergenza chiesti dalla citta’ della Leonessa grazie all’aiuto arrivato da una ventina di aziende grandi e piccole. Dall’industria di armi Beretta al gruppo Leonardo per arrivare alla multiutility A2a, hanno tutte usato le stampanti 3D che avevano in uffici e impianti per produrre la valvola di raccordo, battezzata Charlotte, necessaria per collegare al respiratore nei reparti di terapia sub-intensiva la semplice maschera da snorkeling. Si tratta di una soluzione salvavita quando manca, come avvenuto all’ospedale di Chiari, dove e’ stata testata e usata per la prima volta su un paziente, la fornitura sanitaria ufficiale. L’idea semplice, veloce ed economica, si e’ diffusa e Isinnova e’ ora in contatto con nuove aziende di maschere subacquee, come Ocean Reef, per adattare prodotti simili a quello di Decathlon. Dopo le province di Brescia e Bergamo, le piu’ colpite dal coronavirus, “in altre zone d’Italia gli ospedali si sono mossi con imprese locali che hanno messo a disposizione le stampanti in 3D: e’ gia’ successo a Messina, Sassuolo e nel comasco” spiega Marco Ruocco, ingegnere di Isinnova che ha seguito l’operazione insieme alla Protezione Civile di Brescia. E lo strumento di chi ha fatto necessita’ virtu’ ha varcano i confini nazionali. “In Brasile e Tunisia gia’ fanno maschere modificate come la nostra e siamo stati contattati, soprattutto per informazioni sul file per la stampa in 3D, anche da Malesia, Francia e Spagna”, aggiunge Ruocco.

Continua a leggere

In Evidenza

Coronavirus: un’app per combatterlo, Italia valuta se tracciare i telefonini

Avatar

Pubblicato

del

Combattere il Covid-19 con un’app. Per tracciare i positivi e ricostruirne movimenti ed interazioni. E’ la strada seguita in Corea del Sud. Sul tavolo del ministero dell’Innovazione stanno arrivando diversi progetti in materia, ma la Polizia postale è cauta. “Tecnicamente – spiega la direttrice del servizio, Nunzia Ciardi – è fattibile, ma sarebbe uno strappo importante alle regole che ispirano il nostro ordinamento sulla tutela della privacy. Ovviamente – sottolinea – oggi siamo in un’emergenza straordinaria e potrebbe anche giustificarsi una deroga a quei principi generali. Una valutazione spetta a chi strategicamente, politicamente e giuridicamente deve gestire l’emergenza”. In discussione c’e’ anche la possibilita’ di ‘seguire’, utilizzando le cellule telefoniche, i cittadini che non rispettano i divieti ad uscire di casa. Il monitoraggio con questo sistema e’ stato attivato in Lombardia ed il governatore, Attilio Fontana, mette le mani avanti. “Non e’ – sottolinea – un Grande Fratello pubblico. Si notano solo i grandi flussi, non c’e’ nessuna individuazione e nessuna volonta’” di controllo: “vogliamo solo capire quanto si muovano i cellulari sul territorio”. Il Garante della Privacy, Antonello Soro, frena: “finora – spiega – ho letto numerosi generici riferimenti all’esperienza coreana e, piu’ timidamente, cinese. Bisognerebbe conoscere proposte piu’ definite. Mi limito a osservare che quelle esperienze sono maturate in ordinamenti con scarsa attenzione, sebbene in grado diverso, per le liberta’ individuali. E in ogni caso – aggiunge – mi sfugge l’utilita’ di una sorveglianza generalizzata alla quale non dovesse conseguire sia una gestione efficiente e trasparente di una mole cosi’ estesa di dati, sia un conseguente test diagnostico altrettanto generalizzato e sincronizzato”. Dal Governo non arriva ancora un’indicazione in materia, ma gli sviluppatori italiani di app sono scatenati ed hanno riversato al ministero dell’Innovazione guidato da Paola Pisano diversi progetti. Ad uno di questi sta lavorando Luca Foresti, fisico e amministratore delegato della rete di poliambulatori specialistici Centro medico Santagostino. “Vogliamo – informa l’esperto – costruire un sistema tecnologico che possa andare nelle mani delle istituzioni per aiutarle a gestire la crisi, tenuto conto del fatto che non sara’ breve e avra’ una crescita, e’ importante avere strumenti che permettono di tracciare cosa succede sul territorio”. La tecnologia alla base dell’app permette, a partire dai dati georeferenziati e anonimi, di individuare movimenti e interazioni delle persone, raccoglie un loro diario clinico come l’insorgenza della febbre e altri sintomi, e sulla base delle informazioni georeferenziate ad esempio capisce, molto prima dell’arrivo in ospedale, che in una zona c’e’ un focolaio. Un’analoga applicazione e’ stata sviluppata dall’Universita’ di Urbino (‘Digital Arianna diAry’). “Consentiamo all’utente – spiegano gli autori – di conservare sul proprio dispositivo tutte le informazioni utili a tutelare se’ stesso e gli altri. E’ come se tutti gli smartphone fossero una grande banca dati distribuita in cui ciascuno gestisce i propri dati senza farli viaggiare in rete, ma sapendo che potranno essere incrociati in caso di necessita’”.

Continua a leggere

In rilievo