Collegati con noi

Corona Virus

Coronavirus in Lombardia, è caccia al portatore del virus dalla Cina: tra i 14 infetti ci sono 5 medici

Marina Delfi

Pubblicato

del

Sono quattordici gli italiani contagiati dal coronavirus SarsCov2 in Lombardia, tra cui cinque medici dell’ospedale di Codogno (Lodi). È caccia aperta al paziente zero, all’uomo che ha portato il contagio. L’uomo indicato come il possibile ‘paziente zero’, rientrato dalla Cina il 21 gennaio con un volo dell’Air China, è risultato infatti negativo ai test fatti all’ospedale Sacco di Milano. I suoi campioni sono stati inviati all’Istituto Superiore di Sanita’ di Roma per cercare gli anticorpi al virus (quelli che si formano in caso di guarigione), perché potrebbe essere stato malato e poi guarito, ma se dovessero risultare anche questi negativi, bisognerà allora ripartire da capo e tentare di risolvere quello che sembra un vero e proprio “giallo”. Il “caso indice”, cioè il contagiato che permette di individuare la malattia, è il 38enne lodigiano ricoverato in terapia intensiva all’ospedale di Codogno dal 19 febbraio.

Di fronte alle domande degli anestesisti – ha precisato oggi in conferenza stampa l’assessore lombardo al Welfare, Giulio Gallera – “la moglie (anche lei positiva al virus) ha ricordato che ai primi di febbraio il marito si era incontrato piu’ volte con un amico tornato di recente da un viaggio in Cina”. Questi, il presunto paziente zero che avrebbe contagiato il caso indice, è un dipendente della Mae di Fiorenzuola (Piacenza), attualmente isolato all’ospedale Sacco di Milano ma sta bene, non ha avuto sintomi, salvo una leggera febbre ed è risultato negativo ai test per il coronavirus. Tuttavia, la Regione Emilia-Romagna ha fatto sapere che sono in corso ulteriori ricerche “per capire se puo’ essere risultato infetto nei giorni passati”. Lo stesso assessore Gallera e’ stato chiaro: “ancora non sappiamo da chi si e’ diffuso il virus, potrebbe non essere dal paziente zero, o potrebbe darsi anche che questi sia guarito. Non abbiamo la certezza di quale sia il caso” da cui e’ partito il contagio. “La mancanza di certezza e’ la difficolta’ maggiore che stiamo affrontando. Si brancola un pochino nel buio”, anche perche’ “stiamo costruendo un modello che non esiste anche in Europa”. Come ha precisato Maria Gramegna, della direzione generale Welfare, “il problema che questa persona sia risultata negativa potrebbe dipendere dal fatto che quando la persona guarisce, il virus viene eliminato. Il test quindi potrebbe non trovarlo più'”. I risultati delle analisi arriveranno prestissimo.

Advertisement

Corona Virus

Focolaio covid di Mondragone, sono 79 i contagi ma nessuno è grave

Avatar

Pubblicato

del

Continua a crescere il numero dei contagi Covid nel Casertano, tutti collegati al focolaio sviluppatosi nelle palazzine Ex Cirio di Mondragone. Sono 79 i positivi attuali in provincia: 61 sono di Mondragone, di cui 43 individuati nei palazzi ex Cirio dove risiedono centinaia di immigrati bulgari di etnia rom, gia’ tutti trasferiti in strutture sanitarie. I 18 che vivono all’esterno della ‘mini zona rossa’ stanno bene e dovranno rimanere in quarantena domiciliare per due settimane. Qualche preoccupazione per l’azienda agricola di Falciano del Massico, nel Casertano, dove sono risultati contagiati dal Coronavirus 27 lavoratori, collegati al focolaio dei palazzi ex Cirio: il sindaco Erasmo Fava ha emesso un’ordinanza di chiusura dell’azienda. Da Mondragone giunge pero’ anche una buona notizia: uno dei cinque palazzi in quarantena e’ ormai tornato ‘Covid free’, segno che il contenimento dell’infezione sta dando risultati. A margine della questione sanitaria, a Mondragone si registra una piccola bufera poi rientrata per una gaffe commessa dal Comune, che sul proprio sito pubblica – e poi rimuove – i nomi dei 18 residenti fuori dalla zona rossa per i quali e’ stata disposta la quarantena domiciliare. “E’ stato un errore cui abbiamo posto rimedio – dice il sindaco Virgilio Pacifico – ma veniamo da giorni di grande lavoro e di pressioni enormi, e molti funzionari sono stanchi”. Lo stesso Pacifico si rallegra poi della notizia che “l’italiana residente in uno dei palazzi ex Cirio e’ tornata a casa perche’ il suo tampone si e’ negativizzato. Crediamo che il focolaio sia ormai completamente circoscritto e ne sia stata individuata la causa; affronteremo i prossimi sette giorni con la fiducia dovuta proprio alla consapevolezza che il contagio sembra si sia stabilizzato”. Ad essere tornato libero dal Covid e’ il palazzo abitato quasi esclusivamente da italiani, mentre vi sono ancora 42 casi positivi negli altri quattro stabili del complesso ex Cirio, dove dimorano soprattutto bulgari; tutti i contagiati sono stati trasferiti nei giorni scorsi al Covid Hospital di Maddaloni, ma e’ presumibile, essendo tutti asintomatici, che facciano ritorno a casa nei prossimi giorni. Il focolaio di Mondragone continua comunque ad essere terreno di scontro politico. Oggi i candidati alla presidenza della Regione Valeria Ciarambino per il M5 e Stefano Caldoro del centrodestra, Stefano Caldoro, accusano De Luca di mascherare i dati e fare solo passerelle.

Continua a leggere

Corona Virus

Coronavirus, 53.000 nuovi casi in Usa in 24 ore: i morti sono 130 mila circa

Fulvio Minervini

Pubblicato

del

I nuovi casi di coronavirus negli Stati Uniti nelle ultime 24 ore superano per la prima volta quota 50.000. Secondo i dati del Covid Tracking Project, i nuovi contagi sono stati pari a 52.982.  Oramai negli States si viaggia verso i 3 milioni di contagiati. Le guarigioni si attestano sulle 840mila mentre il bilancio di morte è drammatico: 130mila decessi. Davanti a queste cifre drammatiche l’amministrazione Trump dice che sul coronavirus “ha fatto bene”. Il virus “sparirà” dice Donald Trump in un’intervista a Fox. Non e’ la prima volta che il presidente americano dice che il virus sparirà, ma le sue parole in questo momento arrivano in una Casa Bianca sempre piu’ divisa. Molti ritengono che Trump debba a questo punto affrontare la pandemia, altri ritengono invece che il presidente debba concentrarsi sulla riapertura dell’economia. Per il momento, sembra che almeno una cosa l’abbia capita: sta indossando la mascherina nei luoghi chiusi durante i suoi incontri pubblici.

Continua a leggere

Corona Virus

Coronavirus, muore a 29 annil il campione di poker Valtellinese Matteo Mutti

Avatar

Pubblicato

del

– Stroncato a soli 29 anni dal Covid. In Valtellina e’ lutto nel mondo del poker per la scomparsa del campione Matteo Mutti, di Tirano (Sondrio). In tanti, sui social, hanno voluto esprimere il proprio dolore per la scomparsa del giovane valtellinese, stimato da molti, oltre che per le sue doti pokeristiche anche per quelle umane. Mutti, vinta la battaglia con la leucemia, ha combattuto il Covid. Nella sua brillante carriera ha conquistato due anelli Wsop Circuit e un titolo Ipt ed Ept ed una quarantina di cash per circa 300mila dollari.

 

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto