Collegati con noi

Cronache

Coronavirus, dopo Zagaria anche Cutolo tornerà a casa sua ad Ottaviano: hanno paura possa contagiarsi

Avatar

Pubblicato

del

Alla stazione dell’Arma dei carabinieri di Ottaviano potrebbero dirne tante sui rapporti tra Raffaele Cutolo e la signora Immacolata Iacone, sua moglie. Lì, in caserma, la signora Iacone ci va una volta al mese per telefonare al marito. Non è una telefonata qualunque. E non è una telefonata con uno qualunque. Lei parla col marito Raffaele Cutolo, il capo della Nco (nuova camorra organizzata), detenuto al 41-bis dal 1993. Iniziò il suo isolamento penitenziario all’Asinara. Per chi non lo ricorda fu Sandro Pertini, primo cittadino d’Italia, che pretese che fosse spedito sull’isola dopo aver scoperto che le carceri sulla terraferma erano per lui dei grand hotel dove chiunque entrava ed usciva. Settimana prossima, martedì o al massimo mercoledì, Raffaele Cutolo uscirà dal carcere di Parma dove si trova ristretto.
Nei giorni scorsi il suo legale, Gaetano Aufiero, ha chiesto che Cutolo venga scarcerato, che faccia ritorno a casa. Aufiero ha chiesto per il suo cliente il beneficio degli arresti domiciliari. Aufiero, l’avvocato, ha chiesto che Cutolo lasci la sua cella di massima sicurezza nel reparto dei detenuto al 41 bis di Parma e torni ad Ottaviano. Lo aspettano la sua signora, Immacolata Iacone e la figlia oramai 13enne Denise. Martedì, salvo diverse determinazioni  del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, Cutolo lascerà la sua cella, dove ha trascorso più della metà della sua vita, e tornerà a casa. Dopo 42 anni di carcere. Nella richiesta di scarcerazione, l’avvocato Aufiero, radica la istanza anche nella circolare del Dap del 21 marzo. Fa presente, ovviamente, i rischi connessi alla pandemia per una persona anziana (Cutolo compirà 79 anni il 10 dicembre) e allega certificati medici di parte sulle condizioni di salute che lo rendono detenuto a rischio contagio da Covid 19.La richiesta è stata formalizzata con ogni crisma. È arrivata al carcere di Parma e al Tribunale di Sorveglianza di Reggio Emilia. E alla luce delle indicazioni della circolare del Dap Cutolo, come Zagaria e come tanti altri boss mafiosi, uscirà del carcere. Quando succederà, non bisogna meravigliarsene. Cutolo è un detenuto. Il suo avvocato è un eccellente avvocato. E le leggi sono uguali per tutti.

Advertisement

Cronache

Gemelle siamesi nate unite alla nuca e separate con successo dai medici del Bambino Gesù di Roma

Avatar

Pubblicato

del

Lei non e’ mai andata a scuola ma per le sue due figlie spera che le cose possano andare meglio e che da grandi possano studiare e diventare un giorno dei medici, in modo da aiutare e salvare altre vite, cosi’ come e’ accaduto a loro in Italia, grazie ai dottori dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesu’ di Roma. E’ questo l’auspicio espresso da Ermine, la mamma di Ervina e Prefina, le gemelle siamesi nate unite alla nuca e separate con successo dai medici dell’ospedale della Santa Sede. “Io non sono mai andata a scuola – ha detto in conferenza stampa – ma ora spero che le mie figlie possano fare tutte le cose degli altri bambini della loro eta’, e da grandi studiare per diventare medici e aiutare gli altri bambini e persone, cosi’ come sono state aiutate loro”. Ermine, commossa, ha voluto ringraziare anche la presidente dell’ospedale, Mariella Enoc, e Carlo Marras, il medico responsabile dell’unita’ di Neurochirurgia, perche’ senza il loro aiuto “non so cosa avrei fatto. Voi avete fatto resuscitare le mie figlie, come e’ stato fatto con Gesu'”. Sia Enoc che i medici hanno infatti deciso operare solo una volta che e’ stato appurato che entrambe le gemelline sarebbero state salvate e in buone condizioni attraverso l’intervento di separazione. L’ultimo desiderio di Ermine e’ rivolto a Papa Francesco: “Vorrei che battezzasse le mie bambine e poterlo incontrare”.

Continua a leggere

Cronache

Varese, primario sospeso per insulti omofobi a paziente: guardate se devo operare questo fro…

amministratore

Pubblicato

del

Avrebbe pronunciato insulti omofobi contro un paziente sedato e sottoposto a un intervento chirurgico. É questa la motivazione con chi un primario dell’azienda sanitaria Sette Laghi, che operava all’ospedale di Cittiglio (Varese) durante l’emergenza coronavirus, è stato sospeso. Secondo l’esposto presentato da una persona presente all’intervento, il medico avrebbe detto: “Ma guardate se io devo operare questo ‘frocio’ di m…”. L’episodio è stato riportato dal Tg3. Sarebbe avvenuto il 25 marzo, in piena pandemia da Covid-9. “Non è giusto che in questo periodo di emergenza debba perdere tempo per operare questifroci“, avrebbe affermato il primario in sala operatoria.

Un altro medico presente in sala operatoria, infastidito dal comportamento offensivo e non professionale del primario, gli avrebbe detto: “Io sono ‘frocio’, lei ha qualche problema con i ‘froci’?”. A quel punto il primario avrebbe invitato il collega ad uscire dalla sala.

L’intervento si sarebbe quindi concluso “con nervosismo e frettolosità”, con il medico che avrebbe reiterato gli insulti omofobi. L’Ordine dei Medici di Varese ha aperto un procedimento disciplinare nei suoi confronti. Al momento né l’azienda ospedaliera né il primario hanno commentato l’accaduto.

Giovanni Boschini, presidente Arcigay Varese, ha voluto ringraziare chi ha presentato l’esposto: “Al paziente coinvolto va tutta la nostra solidarietà. Oltre alle sanzioni sarebbe utile anche avviare un percorso formativo e per questo ci rendiamo disponibili a collaborare con l’azienda ospedaliera per percorsi di educazione alle diversità, affinché a nessun altro paziente possa capitare nuovamente una disavventura simile”.

Continua a leggere

Cronache

Morti due ragazzi a Terni di 15 e 16 anni: è giallo sulle cause del decesso

Avatar

Pubblicato

del

Due ragazzi, 16 e 15 anni, sono stati trovati morti nei loro letti a Terni. Il primo, il 16enne, in via di Villa Palma e il 15enne nel quartiere di San Giovanni. Che cosa lega questi de casi? Apparentemente niente. Ma i due giovanissimi morti mentre dormivano erano amici.I sanitari del 118 accorsi sui luoghi del decesso non hanno potuto fare altro che certificare la morte. Le indagini sono condotte dai Carabinieri. I due ragazzini si conoscevano da molto tempo. Insieme avevano giocato a calcio nel pomeriggio di lunedì. La partitella di calcio i due minorenni l’avrebbero disputata sul campetto che si trova vicino alla chiesa di San Valentino, attività che avrebbero svolto per due volte nello stesso giorno, nel pomeriggio la sera di ieri. Il Ros dei Carabinieri stanno ascoltando i ragazzini che erano con loro sul campo. Da quanto si apprende, dietro alle due morti non ci sarebbe assunzione di sostanze dopanti, ma si indaga – è l’aiuto arriverà anche dall’esame autoptico e dalla eventuale analisi tossicologica – per capire se i due giovanissimi possano aver assunto insieme qualche sostanza. L’autopsia chiarirà tutto.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto