Collegati con noi

In Evidenza

Coronavirus, c’è fame di medici per combattere il male: Anaao chiede di sbloccare le assunzioni di specializzandi

Avatar

Pubblicato

del

Sbloccare, con un intervento legislativo e ministeriale, le assunzioni dei medici specializzandi, in modo che possano lavorare come dipendenti accanto ai medici lombardi. A lanciare l’appello e’ Stefano Magnone, segretario generale di Anaao-Assomed (Associazione dei medici dirigenti) Lombardia. “Dopo 4 settimane di emergenza Covid-19 – rileva in una nota – gli ospedali delle zone piu’ colpite della Lombardia, quali Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi, sono allo stremo delle forze in termini di personale, e di posti letto in terapia intensiva, e la soluzione di allestire ospedali da campo nelle citta’ non e’ praticabile”. Non e’ pensabile, secondo Magnone, “che le aziende sanitarie possano trovare ulteriori forze da mettere a disposizione delle nuove strutture di emergenza che si stanno progettando. I professionisti per questi nuovi ospedali certamente non possono provenire dagli ospedali lombardi”. Il segretario di Anaao-Assomed Lombardia dice che si ha notizia di diversi “specializzandi che vorrebbero venire a lavorare in Lombardia da altre regioni, ma cio’ non e’ consentito dalla legge – continua – In tempi di guerra non si ragiona come in tempi di pace: ci sono giovani medici che vorrebbero lavorare con noi e non gli e’ concesso. Questo e’ inaccettabile”. Secondo il decreto del 9 marzo infatti, per gli specializzandi e’ prevista solo l’assunzione come liberi professionisti e “solo con il placet del consiglio della scuola, quest’ultimo non dovuto, se assunti con contratto atipico – conclude – Il nostro appello e’ forte e preciso: e’ necessario un intervento che sblocchi le assunzioni degli specializzandi, in modo che possano lavorare come dipendenti accanto ai medici lombardi, dove l’emergenza richiede maggiormente la loro presenza”.

Advertisement

Esteri

Coronavirus: Gilberto Gil canta Volare, ‘Noi siamo Italia’

Avatar

Pubblicato

del

– Messaggio di solidarieta’ all’Italia di Gilberto Gil. Il cantautore brasiliano, accogliendo un invito del ministero degli Esteri, ha cantato ‘Nel blu dipinto di blu’ assieme alla nipotina Flor e ha postato il video su Twitter. Al termine della celebre canzone di Domenico Modugno, Gil e la nipotina hanno esclamato: ‘Noi siamo Italia!’. Gil, 78 anni, maestro del Tropicalismo, e’ stato ministro della Cultura nel primo governo Lula.

Continua a leggere

Economia

Settimana mercati, occhi su coronabond e greggio

Avatar

Pubblicato

del

La settimana che precede la Pasqua si preannuncia movimentata sui mercati, con il crescere dell’emergenza coronavirus e in attesa dei verbali della Fed e della Bce. Sullo sfondo la proposta italiana sui coronabond, avversati da Germania e Olanda, che spaccano in due il Continente. In arrivo dati Usa sul greggio, altro nervo scoperto che dovrebbe essere affrontato in settimana da una videoconferenza dei paesi dell’Opec+, inizialmente ipotizzata per lunedi’ e che molto probabilmente slittera’ avanti nella settimana Proprio in Germania sono previsti lunedi’ 6 aprile gli ordini industriali di febbraio, insieme alla fiducia dei consumatori inglesi, alla fiducia degli investitori Ue (Sentix) e dei manager delle costruzioni negli Usa. In quel giorno le borse asiatiche saranno a ranghi ridotti, con Shanghai e Mumbai chiuse. Martedi’ 7 si riunisce la commissione Attivita’ Produttive della Camera sui giochi olimpici e sull’emergenza Covid. In arrivo salari e consumi delle famiglie dal Giappone e la produzione industriale in febbraio insieme alle vendite al dettaglio dall’Italia, mentre alle 12 si riunisce l’Eurogruppo a Bruxelles. Attesi dagli Usal’ottimismo economico e le scorte settimanali di petrolio. La parola mercoledi’ 8 passa alla Fed, che diffonde i verbali dell’ultimo Fomc, mentre in Italia si riunisce la Commissione Bilancio in Senato ed e’ attesa l’asta di Bot a 12 mesi. In arrivo dagli Usa le richieste settimanali di mutui e ulteriori dati su scorte di greggio e produzione di idrocarburi. Giovedi’ 9 la Bce diffonde i verbali dell’ultimo direttivo, preceduti dalle esportazioni, dalla fiducia dei manager delle importazioni e dalla bilancia commerciale in Germania. In arrivo dall’Italia la produzione industriale e dagli Usale richieste di sussidi, la fiducia dei consumatori dell’Universita’ del Michigan, le scorte e le vendite all’ingrosso. Tutto chiuso il 10 aprile per il venerdi’ santo, salvo che a Tokyo e a Shanghai.

Continua a leggere

Cronache

Coronavirus, il piano socio-economico di De Luca per la Campania: 604 milioni di euro a pioggia per tutti

Avatar

Pubblicato

del

“Abbiamo fatto un lavoro enorme, anche dal punto di vista finanziario: pensate che il Governo ha dato 400 milioni di euro per tutti i Comuni italiani, la sola Regione Campania investe 604 milioni”. Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, presenta così  il piano socio-economico messo in campo per fronteggiare l’emergenza coronavirus. “Sono fondi del bilancio regionale – precisa – fondi sviluppo e coesione, fondi europei non ancora impegnati, fondi che riguardano il Patto per la Campania, cioe’ fondi nostri. Abbiamo fatto una riprogrammazione di tutto, gli interventi previsti sulle infrastrutture li abbiamo spostati sugli aiuti alle famiglie, alle persone, alle imprese e ai professionisti. Abbiamo di fronte un’emergenza che ci obbliga a dare in primo luogo respiro alle persone e alle imprese”. Questo “sforzo enorme”, avverte De Luca, “non servira’ a niente se non usciremo dall’epidemia”. Ribadisce quindi l’appello a essere responsabili, perche’ “i due fine settimana che abbiamo davanti sono decisivi per avviarci al superamento della crisi. Se in queste due settimane ci rilassiamo o adottiamo comportamenti di massa irresponsabili – chiarisce – torniamo daccapo”.

Il presidente della Campaniachiede quindi ai cittadini “10-15 giorni di sacrificio”, poi “da dopo Pasqua, o da fine aprile, possiamo cominciare realisticamente a pensare a una seconda fase nella vita del nostro Paese”. Al di la’ dei singoli interventi, spiega De Luca, “abbiamo cercato di sburocratizzare al massimo le procedure”, per “far arrivare subito le risorse ai soggetti beneficiari”, evitando “misure ripetitive rispetto a quelle nazionali o dei Comuni”. Sul fronte delle politiche sociali il piano prevede un investimento di 272 milioni. Ci sara’ un bonus di 600 euro per persone con disabilita’ non gravissime o famiglie con figli autistici, per uno stanziamento complessivo di 30 milioni. Ai Piani sociali di zona saranno trasferiti 39 milioni per le persone con gravi disabilita’, alla rete complessiva dei servizi sociali territoriali vanno 57 milioni. Per due mesi, inoltre, si porteranno a 1.000 euro tutte le pensioni che sono sotto questa soglia.

“E’ una misura che vogliamo presentare anche al Governo – riflette De Luca – perche’ un Paese che consente che ci siano pensioni anche di 490 euro non e’ civile”. Ci saranno anche contributi ai Comuni piu’ interessati dalla presenza di migranti per migliorare l’alloggio (1,4 mln), garantire servizi di trasporto (350 mila euro) e assistenza sanitaria (1 mln). Tra le misure di sostegno alle aziende c’e’ un contributo una tantum di 2.000 euro, da aggiungere ai fondi nazionali, alle microimprese artigiane, commerciali o industriali con meno di 10 dipendenti e fino a 2 milioni di fatturato, oltre a un credito a tasso zero per investimenti fino a 20mila euro. Ai professionisti e autonomi con fatturato sotto i 35mila euro, che hanno registrato una riduzione dell’attivita’ lavorativa, sono destinati 80 milioni, attraverso un contributo di 1.000 euro una tantum, in aggiunta ai 600 euro del Governo. Previsto anche un bonus da 1.500 a 2.000 euro per le aziende agricole, del settore pesca, dell’ortofrutta e della zootecnia, con provvedimenti specifici per sostenere la filiera bufalina (20 mln) e il settore florovivaistico (10 mln). Ci sono 30 milioni per il comparto turistico, a sostegno dei lavoratori stagionali, circa 25 mila persone, che riceveranno 300 euro per quattro mensilita’, anche in questo caso in aggiunta agli interventi nazionali. La Regione destina infine 45 milioni per le politiche abitative, con contributi sull’affitto e per i mutui sulla prima casa, oltre a sostegno al fitto dei locali commerciali.

Continua a leggere

In rilievo