Collegati con noi

Corona Virus

Coronavirus, asintomatici oscillano tra 20-60% casi

Avatar

Pubblicato

del

Potrebbero oscillare fra il 20% e il 60% dei casi reali, ma nessuno sa ancora di preciso quante siano le persone che, pur avendo l’infezione da coronavirus, non hanno sintomi e di conseguenza non fanno il tampone, restando in questo modo una realta’ sommersa e sconosciuta. Conoscerne il numero sarebbe importante per avere un’idea piu’ realistica delle dimensioni dell’epidemia in Italia e lo sarebbe stato soprattutto nella fase iniziale. Soprattutto dopo l’identificazione dei primi casi, infatti, perche’ individuare le persone senza sintomi ma in grado di trasmettere l’infezione avrebbe permesso di rintracciare coloro con cui erano state contatto, aiutando a rallentare la diffusione. A stimare il numero degli asintomatici in Italia sono due ricerche condotte in Lombardia e in Veneto, dalle quali emergono due stime purtroppo lontane fra loro: il 20% nel primo caso e del 60% nel secondo.

“E’ possibile che in Lombardia ci sia una stragrande maggioranza di asintomatici”, ha rilevato l’infettivologo Massimo Galli, dell’Ospedale Sacco e dell’Universita’ Statale di Milano. “Verosimilmente – ha aggiunto – in questa area geografica c’e’ una parte enorme di persone infettate, si parla di moltissimi pazienti non registrati” e “non ritengo si tratti del 20%, considerando quello che vediamo ogni giorno”. D’altro canto le analisi relative alle sequenze genetiche fatte dallo stesso gruppo di ricerca di Galli hanno indicato che il coronavirus SarsCoV2 circolava in Lombardia gia’ a partire dal 25 gennaio. Che siano possibili casi positivi e asintomatici lo ha detto anche il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli, che non esclude che il loro numero possa essere elevato: “anche tra i miei collaboratori sono stati identificati tre casi asintomatici”, ha detto nell’aggiornamento quotidiano dei dati epidemiologici. Impossibile calcolare il numero degli asintomatici senza una base statistica, ma si puo’ intanto ottenere una stima dei casi reali in Italia, ossia delle persone con sintomi anche molto lievi, come quella che li indica fra 250.000 e 500.000. I dati pubblicati nella pagina Facebook ‘Coronavirus – Dati e Analisi Scientifiche’, sono stati elaborati dal fisico Federico Ricci Tersenghi, dell’Universita’ Sapienza di Roma. L’analisi, secondo cui i casi reali sarebbero da 5 a 10 volte superiori rispetto a quelli accertati con il tampone, e’ la prima a basarsi sul numero dei tamponi verificati dall’Istituto Superiore di Sanita’. “Non c’e’ in questa elaborazione la stima relativa alle persone asintomatiche”, ha precisato il ricercatore; il 20% calcolato dalla Lombardia e il 60% indicato dal Veneto andrebbe quindi aggiunto al totale dei casi reali. La stima di 500.000 casi e’ realistica anche per il responsabile dell’epidemiologia nella task force coronavirus della Regione Puglia, Pier Luigi Lopalco, docente di igiene dell’Universita’ di Siena. “E’ probabile- ha osservato – che ci siano circa 500.000 casi positivi, ma passati inosservati perche’ con sintomi lievi o totalmente asintomatici”: una percentuale “sovrapponibile anche negli altri Paesi, ma va detto che in qualunque sistema di sorveglianza e’ riportata solo la punta dell’iceberg”. Alla luce di queste cifre l’indice di letalita’ in Italia si riduce sensibilmente, scendendo fino a valori compresi fra l’1,4% (se i casi fossero 5 volte piu’ numerosi) e lo 0,7% (nello scenario peggiore, con un numero di casi 10 volte superiore a quelli accertati).

Advertisement

Corona Virus

Giovanni Tommasino e Giuseppe Esposito, uccisi dal coronavirus nello stesso giorno

Avatar

Pubblicato

del

Giuseppe e Giovanni, due storie, due persone stroncate dal virus maledetto: tutte e due vegliavano sugli altri. il primo, luogotenente della polizia municipale partenopea, l’altro medico di base. Uccisi nello stesso giorno a quasi 800 chilometri di distanza.

“Sono affetto da infezione da Coronavirus. Adesso sono ricoverato in attesa di trasferimento in una rianimazione. Spero di tornare presto tra voi. Non uscite, è l’unica arma che avete, non potete immaginare quanto è brutto. Io dovevo uscire per forza”. Lo scriveva su Facebook due settimane fa il dottor Giovanni Tommasino, medico di base a Castellammare di Stabia ed ex assessore, mentre era in attesa di entrare in terapia intensiva. L’ambulanza lo aveva trasportato all’ospedale di Sorrento dove venne accertato il contagio poi venne trasferiti a Scafati. Dove il virus bastardo lo ha ucciso. E pensare che qualche giorno fa sembrava migliorato al punto che i suoi amici sui social ne avevano annunciato presto l’uscita dalla rianimazione.

Lui aveva messo tutti in guardia ed aveva curato i suoi assistiti fino a pochi giorni prima di scoprire di essere stato contagiato. Magari proprio da qualcuno di loro. Lascia moglie, figli e nipotini. Sul suo profilo social sono stati tanti i messaggi lasciati dai suoi concittadini, uno per tutti: “Con lei dottore è andato via un pezzo di storia… Grande medico e grande uomo la sua immensa umanità lo ha sempre contraddistinto… Che il Signore lo abbia in gloria caro dottore,siamo tutti veramente distrutti dalla notizia”.

 

Giuseppe Esposito era luogotenente della Polizia Municipale di Napoli, 33 anni di servizio: era andato a Bergamo nel mese di febbraio per un intervento al ginocchio e per la successiva riabilitazione e non è più tornato a casa. Ucciso anche lui dal covi-19. ”Prendiamo parte al grande dolore per la tragica morte di Giuseppe Esposito, Luogotenente di Polizia Locale” scrive  il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, annunciando l’arrivo del corpo a Napoli da Bergamo “accolto dal Comando di Via Santa Maria del Pianto a sirene spiegate come segno di omaggio per un collega amato da tutti e sempre in prima linea nelle delicate attività affidate al Comando della Polizia Locale” . Che riposino in pace tutti e due.

Continua a leggere

Corona Virus

Casa Azzurri da lunedì ospita chi lotta col virus

Avatar

Pubblicato

del

Fermo ma non immobile davanti al dramma pandemia, il mondo del calcio tende la mano a chi lotta e soffre non solo con donazioni e iniziative di sostegno ma mettendo a disposizione anche i suoi ‘templi’. Il Real Madrid ha offerto il Santiago Bernabeu, Rio il mitico Maracana’ ma e’ la Casa degli Azzurri di Coverciano a tagliare il traguardo della operativita’, visto che da lunedi’ 6 al Centro tecnico, reso disponibile dalla Figc alla citta’ di Firenze per l’emergenza, arriveranno i primi ospiti. La struttura ha avuto il via libera ad ospitare persone clinicamente guarite e dimesse dall’ospedale, ma che risultano ancora positive al tampone. Devono stare in isolamento domiciliare ma per coloro che sono impossibilitati a risiedere nella propria abitazione ecco che si aprono le porte del Centro tecnico. Sono 54 le camere che potranno esser utilizzate, insieme con tutti gli spazi comuni della Casa delle Nazionali, che e’ famosa anche all’estero come l’Universita’ del calcio. Prende cosi’ forma l’iniziativa voluta dal presidente della Figc, Gabriele Gravina grazie, si spiega, “alla collaborazione con il sindaco di Firenze, Dario Nardella, che ha ribattezzato il Centro la ‘Casa della solidarieta”, e l’Azienda Usl Toscana Centro, che ha preso in carico la struttura, gestita con il coordinamento sanitario di zona e della Societa’ della salute”. “Sono felice che la nostra disponibilita’ sia stata accolta con tanto entusiasmo dal sindaco – dichiara Gravina -. Siamo a disposizione, con tutti i nostri mezzi, per contribuire alla gestione dell’emergenza. Mi auguro che l’accoglienza nel Centro federale possa favorire la piena guarigione di tutti coloro che saranno ospitati”. “Ringrazio il presidente Gravina e la Figc per aver messo la struttura di Coverciano a disposizione della citta’ – ha detto Nardella -. E’ la prima volta che questo complesso viene utilizzato a fini sanitari: rimarra’ nella storia, ma soprattutto ci aiutera’ a gestire tutta la fase di emergenza da lunedi’ in poi”.

Continua a leggere

Corona Virus

Ecco le linee guida dell’ospedale Gaslini per i bambini malati di covid-19

Avatar

Pubblicato

del

L’Istituto Gaslini ha elaborato un Protocollo per la gestione assistenziale dei pazienti COVID- 19 in età perinatale, pediatrica e negli adolescenti. Lo ha annunciato il direttore generale Paolo Petralia: “Un team multidisciplinare dell’IRCCS Istituto Giannina Gaslini di Genova ha elaborato un protocollo interno per la gestione dei pazienti pediatrici affetti da COVID-19. È già operativo e disponibile per la Comunità medico scientifica. Un lavoro collettivo approfondito, messo a disposizione dai professionisti dell’ospedale pediatrico genovese per neonati, bambini e adolescenti e per coloro che se ne prendono cura” ha detto il direttore generale dell’Istituto Gaslini Paolo Petralia.


Il Gaslini, il nostro Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico in ambito pediatrico, si conferma un’eccellenza nazionale e internazionale – afferma il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti – non solo sotto l’aspetto della diagnosi e cura ma anche nella ricerca scientifica. Il mio ringraziamento va a tutti i professionisti che hanno lavorato e collaborato per garantire le migliori cure possibili anche ai più piccoli”.
Siamo orgogliosi della forte integrazione e della pronta e fruttuosa collaborazione clinico scientifica messa subito in atto dagli specialisti del nostro ospedale pediatrico con i colleghi nazionali e in particolare liguri, che – aggiunge lavicepresidente e assessore alla Sanità Sonia Viale – con il coordinamento di Alisa, sono tutti uniti in questo momento di grande difficoltà dovuto alla pandemia e hanno saputo fare rete mettendo a sistema dati, competenze, esperienze, per offrire a chi ne ha bisogno le cure più efficaci”.
La letteratura scientifica non fornisce al momento indicazioni chiare sulle terapie somministrabili ai pazienti affetti da COVID-19, sia nella fase di degenza sia nella fase di dimissione o di isolamento domiciliare (pazienti positivi al tampone o altamente sospetti). Attualmente vengono utilizzati farmaci resi disponibili per COVID-19al di fuori delle indicazioni terapeutiche, utilizzabili empiricamente con schemi e protocolli terapeutici suggeriti da società scientifiche ed enti regolatori, che però spesso non sono sovrapponibili.
Esistono sempre maggiori evidenze che la complicanza più severa dell’infezione da COVID-19 sia legata ad una risposta esagerata dell’organismo, che determina una tempesta infiammatoria a livello polmonare.
Il Gaslini rappresenta un centro di eccellenza per lo studio delle malattie infiammatorie, con una grande esperienza nell’uso dei farmaci indicati per condizioni di tempesta infiammatoria molto simili a quella osservata in COVID19. Nel corso di queste settimane di contagio gli specialisti del Gaslini si sono coordinati con i più importanti centri di ricerca Italiani e con i diversi ospedali liguri. L’Istituto ha istituito un osservatorio permanente per monitorare in tempo reale l’andamento dei dati provenienti dalle esperienze dei trattamenti dei diversi ospedali liguri e nazionali e le evidenze emergenti ogni giorno dalla letteratura scientifica.
Unendo l’esperienza diretta con i pazienti seguiti attualmente presso il Gaslini, ad una grande esperienza nella cura delle malattie infiammatorie, gli esperti dell’ospedale pediatrico si sono confrontati con i colleghi immunologi, infettivologi, rianimatori, pneumologi e reumatologi interni all’ospedale Gaslini e con quelli operanti negli ospedali dell’adulto, fornendo la loro esperienza per bloccare il più precocemente possibile lo scatenamento di questa risposta infiammatoria, prima che essa determini un danno severo a livello polmonare.
Mettendo a sistema i dati dei pazienti trattati presso l’ospedale pediatrico genovese e i dati che emergono dall’esperienza nel trattamento degli adulti, il team multidisciplinare del Gaslini ha elaborato un protocollo primariamente dedicato alla gestione ospedaliera di eventuali casi severi, che dovessero colpire l’età pediatrica, in particolare per i soggetti più fragili come chi è sottoposto a terapie immunosoppressive, pazienti oncologici, pazienti con gravi patologie polmonari.
Riguardo alle terapie attualmente disponibili il team ha messo a punto la modalità di approccio alla terapia antinfiammatoria, ai farmacia antivirali, alla profilassi antitrombotica, e alle modalità di assistenza respiratoria in età pediatrica.
Nel protocollo per quanto riguarda la terapia antinfiammatoria vengono indicate alternative terapeutiche al tocilizumab, come gli inibitori di interleuchina IL-1 (anakinra) per i quali sono già in corso sperimentazioni cliniche.

Continua a leggere

In rilievo