Collegati con noi

Corona Virus

Coronavirus, altri 3 casi in Iran: la città di Qom in quarantena

Avatar

Pubblicato

del

Si aggrava il focolaio di coronavirus (Covid-19) in Iran. Dopo i primi due morti registrati ieri, la Repubblica islamica ha confermato almeno altri tre casi di contagio, anche se alcuni media locali ipotizzano che i malati e le vittime siano molto di piu’ di quelli ammessi dalle autorita’. L’epicentro dell’epidemia nel Paese e’ a Qom, citta’ di un milione di abitanti nel nord-ovest dell’Iran, 140 km a sud di Teheran. Nella citta’ santa sciita, dove si sono verificati i due decessi accertati, oggi scuole e universita’ sono rimaste chiuse. Ed e’ sempre a Qom che si registrano due degli altri tre casi, mentre il terzo paziente colpito e’ un medico, anche lui proveniente dalla citta’ ma ricoverato in un ospedale di Arak, a una trentina di chilometri di distanza. A Qom viene segnalata la presenza di militari e forze speciali di polizia, che avrebbero bloccato le strade e isolato l’area intorno a un ospedale, mettendo di fatto in quarantena almeno parte della citta’. Stando alla locale universita’ di Scienze Mediche, diverse ambulanze e numerosi membri del personale di soccorso affiancano da stamani i medici di due nosocomi che verranno utilizzati per la quarantena dei casi sospetti. Il presidente del parlamento Ali Larijani, che e’ responsabile per la citta’ santa, ha convocato una riunione urgente del Consiglio di sicurezza cittadino. Un aggravamento della situazione e’ stato in ogni caso riconosciuto dalle autorita’. Il portavoce del presidente Hassan Rohani, Ali Rabiei, ha annunciato la creazione di un quartier generale per il coordinamento delle operazioni sanitarie, invitando la popolazione ad attenersi alle disposizioni ufficiali. Ma la sfiducia verso la trasparenza delle autorita’ nella gestione della crisi appare sempre piu’ forte. Alcuni media parlano di almeno 25 contagi sempre a Qom e un totale di 9-10 vittime. Mancano pero’ riscontri ufficiali. Altri 3 casi sono stati riconosciuti dai servizi d’emergenza come sospetti contagi – ma non confermati – solo dopo la diffusione di post di denuncia sui social media. I vertici della Repubblica islamica – accusano i gruppi dissidenti – avrebbero nascosto deliberatamente le informazioni per evitare polemiche e critiche alla vigilia delle elezioni parlamentari di domani. Un nuovo colpo alla credibilita’ delle istituzioni iraniane, che il mese scorso finirono nel mirino delle proteste popolari dopo aver negato per giorni l’abbattimento del jet ucraino sui cieli di Teheran, che provoco’ 176 vittime.

Advertisement

Corona Virus

Torna Agorà, Serena Bortone parla di pandemia con politici, giornalisti e scienziati: dagli Usa sarà collegato Antonio Giordano

Avatar

Pubblicato

del

Torna domani, lunedì 6 aprile, il programma del mattino di Rai3, Agorà, condotto da Serena Bortone. Dalle 8 alle 10 si parlerà, ovviamente, di coronavirus, della emergenza sanitaria in Italia, del momento delicato che sta attraversando il paese e di come il Covid 19 sta colpendo il mondo intero, mettendo in difficoltà gli Usa, dove Donald Trump, a New York, ha schierato l’esercito. Gli ospiti di Agorà saranno, Pierpaolo Sileri, viceministro della Salute – M5S; Maurizio Martina, Partito Democratico; Giulio Gallera, assessore al Welfare Regione Lombardia; Stefano Bonaccini, presidente Regione Emilia Romagna – PD; Maurizio Gasparri, Forza Italia; Marco Marsilio, presidente Regione Abruzzo – FDI; Maurizio Molinari, direttore La Stampa.  Sin qui il parterre della politica e del giornalismo. Ci saranno poi gli scienziati che proveranno a far capire a che punto è il contagio e come lo si sta combattendo. Ci saranno Giuseppe Remuzzi – direttore Istituto Mario Negri; Eleonora Lombardi, infermiera Ospedale Maggiore Bologna; Nicola Cilloni, responsabile Terapia Intensiva Ospedale Maggiore Bologna e dagli Usa,  Antonio Giordano, ricercatore e direttore dello Sbarro Institute di Philadelphia che spiegherà la situazione sempre più difficile negli States,  le scelte del virologo capo della Casa Bianca, Anthony Fauci, e le sperimentazioni di un vaccino a Pittsburgh da parte di un ricercatore italiano, Andrea Gambotto, barese ma da anni come Giordano negli States.

 

Lunedì 6 aprile, dalle 8 alle 10, Agorà, Rai 3

Continua a leggere

Corona Virus

Contagio sotto controllo in Campania, ma ecco il bilancio di sangue: 189 morti e 3068 contagiati

Avatar

Pubblicato

del

L’Unità di Crisi della Regione Campania comunica che sono pervenuti i seguenti dati:

– Ospedale Cotugno di Napoli: 406 tamponi di cui 20 positivi;

– Ospedale Ruggi di Salerno: 203 tamponi di cui 23 positivi;

– Ospedale Sant’Anna di Caserta: 99 tamponi di cui 3 positivi;

– ASL di Caserta presidi di Aversa e Marcianise: 92 tamponi di cui 12 positivi;

– Ospedale Moscati di Avellino: 94 tamponi di cui 17 positivi;

– Ospedale San Paolo di Napoli: 17 tamponi di cui 2 positivi;

– Azienda Universitaria Federico II: 125 tamponi di cui 5 positivi;

– Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno: 178 tamponi di cui 1 positivo;

– Ospedale di Nola: 170 tamponi di cui 20 positivi;

– Ospedale di Eboli: 61 tamponi di cui 5 positivi.

  • Positivi di oggi: 108
  • deceduti 199
  • Tamponi di oggi: 1.445
  • Totale complessivo positivi Campania: 3.068
  • Totale complessivo tamponi Campania: 24.584

 

Continua a leggere

Corona Virus

In Lombardia primo giorno di mascherine obbligatorie

Avatar

Pubblicato

del

 All’insegna del “piuttosto che niente e’ meglio piuttosto”, vale a dire copritevi come potete, anche con una sciarpa o un foulard, se non avete una mascherina, come suggerito dal governatore Attilio Fontana, in Lombardia ci si adegua all’ordinanza che prevede l’uso obbligatorio di una protezione su bocca e naso per uscire di casa. Una misura che lascia un po’ perplesso il sindaco di Milano: “Lasciatemi dire – si e’ espresso sui social – che e’ un po’ disorientante ricevere questa disposizione dalla Regione Lombardia e sentire Borrelli, il capo della Protezione Civile persona che stimo, dire ‘io non la mettero’ e terro’ le distanze'”. Questo non significa che il sindaco non si adeguera’: “voglio rimanere fedele a cio’ che ho detto dall’inizio e cioe’ le ordinanze, le direttive vanno applicate e non discusse percio’ non posso che dirvi applichiamo questa ordinanza della Regione Lombardia”. La polemica sull’uso obbligatorio delle mascherine si era accesa ieri quando il capo della protezione civile Angelo Borrelli aveva detto che, per quanto lo riguardava, lui non la usa “perche’ rispetto le distanze”.

“Non voglio fare polemica con Borrelli, ma se Borrelli viene in Lombardia si copre naso e bocca”. gli ha risposto il vicepresidente della Regione Fabrizio Sala, spiegando che la misura lombarda e’ nata dopo un confronto con la comunita’ scientifica e prendendo “esempio dalla Cina o da New York”. In serata, Borrelli ha chiarito il suo pensiero, spiegando di essere stato “nuovamente frainteso”. “E’ importantissimo l’uso della mascherina e l’ordinanza della Regione Lombardia – ha detto – va rispettata, e’ importante dove non si riesce a rispettare la distanza”. In Toscana, il presidente Enrico Rossi annuncia che domani firmera’ un’ordinanza sul modello lombardo e che la Regione distribuira’ gratuitamente 10 milioni di mascherine alle amministrazioni comunali. La Lombardia, dopo l’ok dall’Iss, attraverso la Protezione civile ha iniziato a distribuire i tre milioni di mascherine ‘made in Lombardia’ gia’ pronte. Per molti, ma non per tutti, come chiarito dall’assessore alla protezione civile Pietro Foroni: “La mascherina sara’ data a chi ne e’ privo – ha spiegato – o a determinate categorie di persone fragili”.

In pratica “chi non ne ha bisogno non la prende, non e’ un gadget, e’ per utilita’ pubblica”. “Abbiamo deciso un’ordinanza cosi’ importante – ha spiegato l’assessore Giulio Gallera – a tutela della salute. Nei prossimi mesi dovremo uscire sempre con la protezione”. Anche perche’ con i dati sul contagio da Coronavirus in Lombardia “siamo in pianura e – ha aggiunto il governatore Fontana – bisogna stringere i bulloni per cominciare la discesa”. Se i dati di oggi per Gallera sono “confortanti”, con 50.455 positivi (+1337), 7 nuovi ricoveri non in terapia intensiva per un totale di 12.009; 9 letti occupati in meno in intensiva, i numeri di Milano invece “non ci fanno stare tranquilli” perche’ solo ieri in citta’ ci sono stati 171 nuovi positivi, arrivati cosi’ a 4.533, mentre considerando la citta’ metropolitana i contagiati sono 11.230, 411 piu’ di ieri.

Continua a leggere

In rilievo