Collegati con noi

Cronache

Condanna definitiva per abusi su minore, si suicida un 63enne

amministratore

Pubblicato

del

Un uomo di 63 anni, che temeva di finire in carcere in seguito ad una condanna per violenza sessuale divenuta ormai definitiva, si e’ suicidato impiccandosi in un serra non molto lontano dalla sua abitazione. Il fatto, del quale ha dato notizia oggi il quotidiano ‘Il Centro’, e’ accaduto l’altra sera a Miglianico (Chieti). L’uomo era stato condannato a quattro anni e sei mesi di reclusione per abusi su una bambina di 8 anni per un fatto accaduto nel 2008: l’altro ieri la Corte di Cassazione ha respinto il ricorso presentato dal legale dell’uomo, l’avvocato Stefano Sessano, il quale ha comunicato l’esito dell’udienza al suo assistito. Il 63enne, che per questa vicenda si era detto innocente, poco prima di suicidarsi ha postato sul suo profilo Facebook, un messaggio rivolto a sua madre. Il caso era venuto alla luce in seguito al racconto fatto dalla vittima ad una psicologa della scuola e all’apertura di un’indagine.

Advertisement

Cronache

Contrabbando, in manette la banda che portava le sigarette dall’Est

Avatar

Pubblicato

del

Avevano organizzato un traffico di sigarette di contrabbando fra i paesi dell’Est Europa e l’Italia con un sistema di passaggio delle ‘biondezza grossi autoarticolati fino a camion o macchine in modo da sfuggire ad eventuali controlli o da perdere solo piccoli quantitativi di sigarette in caso di fermo di polizia. Così i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ed in particolare del Gruppo di Nola hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia napoletana, nei confronti di quattro soggetti gravemente indiziati di far parte di una associazione a delinquere, con base nel capoluogo partenopeo, dedita al contrabbando di tabacchi lavorati esteri.


Nel corso dell’indagine la polizia giudiziaria aveva già proceduto al sequestro di 2 tonnellate di sigarette ed aveva tratto in arresto in flagranza di reato altri due soggetti.
Le attività investigative, avviate nel 2018 sotto il coordinamento della Procura della Repubblica – D.D.A. di Napoli, hanno portato alla ricostruzione dell’operatività di un gruppo criminale, con base prevalente a Napoli, storicamente dedito al contrabbando di sigarette e capace di introdurre sull’intero territorio campano ingenti quantitativi di sigarette di contrabbando.


Le consegne avvenivano in orari notturni o alle prime luci dell’alba, confidando in un numero minore di controlli da parte delle Forze dell’Ordine, e mediante la “bonifica” degli itinerari da parte di apposite “staffette”.
La merce, proveniente dall’Est Europa, raggiungeva il territorio campano a bordo di autoarticolati e, successivamente, il carico veniva parcellizzato su autoveicoli intestati a “prestanome”, in modo da frazionare il quantitativo trasportato e, conseguentemente, ridurre il rischio di subire grossi sequestri.
Nonostante le cautele adottate dai contrabbandieri, le indagini delle Fiamme Gialle hanno consentito di individuare il luogo di stoccaggio degli illeciti carichi, un garage privato situato a Grumo Nevano e di sequestrare 2 tonnellate di sigarette del tipo “cheap white”, marchi Regina, Marble e D&B.

Continua a leggere

Cronache

Il Nuovo Ponte Morandi che nasce da un’ecatombe causata dell’avidità umana senza limiti mentre le vittime vengono dimenticate

Giovanni Mastroianni

Pubblicato

del

Per chi come me difende due vittime del Ponte Morandi, due onesti e capaci lavoratori ai quali è stato  negato un futuro professionale e di serenità personale costruito in decenni di fatiche e rinunce,  assistere al penoso teatrino tra politicanti e non di questi giorni, tra rinnovate accuse, annunci sensazionalistici, vane promesse di giustizia, dispetti mediatici e acrobatiche soluzioni completamente fuori dal mondo, significa vedere perpetrato il totale dispregio di un’ecatombe causata solo dall’avidità umana e dalla mala politica. Perché ancora adesso, a due anni dal crollo del viadotto a pagare sono solo i morti e feriti con i loro cari, uniche vittime di questa maledetta pagina di storia che si perde in uno squallore tutto italiano.

Giovanni Mastroianni. Legale di due cittadini rimasti sepolti sotto le macerie del Ponte Morandi e salvati dopo ore

Forse bisogna iniziare a ricordare che era il 14 Agosto dell’anno 2018, ormai di due anni fa, una stramaledetta mattina sferzata da una pioggia torrenziale quando un pezzo di autostrada, un viadotto da oltre mille metri di acciaio e calcestruzzo, iniziò ad oscillare a quaranta metri sopra la città di Genova. Pochi attimi e poi il crollo, la tragedia, il sangue di quarantatré mori, lo strazio dei feriti, la devastazione dei parenti dei sopravvissuti, il sudore ed il pianto dei soccorritori eroi, le urla degli sfollati.

All’indomani, il ponte che non c’era più faceva però da macabra passerella ai soliti  presenzialisti e agli inquisitori di turno, tra cui eminenti personalità politiche che nella gravità del momento annunciarono che giustizia sarebbe stata fatta. Eh già proprio la “Giustizia”, quella che nel nostro Paese viene sistematicamente invocata anche da chi sa di essere colpevole, in un vergognoso atteggiamento che nasce dalla quasi certezza, non di certo infondata, che grazie ad un sistema giudiziario appesantito ad arte (in particolare proprio dalla malapolitica che da esso tenta così di defilarsi) le condanne possono giungere dopo anni ed anni … se le cose vanno “bene”.

Ponte Morandi. Tutto quel che restava dopo il crollo

In quel surreale domani, in quel cupo Ferragosto che ne seguì, i governanti ed amministratori di turno facevano a gara per ribadire che avrebbero garantito immediati aiuti per tutti, ricercato tutti i colpevoli, risarcito in tempi brevi ogni danno, avviato azioni ministeriali di inchiesta, provveduto ad ogni atto ed azione del caso. Tutte prospettazioni che in un contesto sano avrebbero avuto come obiettivo il superiore perseguimento della Verità, che altro non è che un sinonimo sociale della Giustizia. Ma tale monito è rimasto ad oggi solo teorema mai dimostrato, disperso nella mutazione delle alleanze politiche che vedono adesso governare assieme chi fino a ieri addossava all’altro proprio le mancate verifiche, anzi no l’insufficienza degli interventi, anzi no la generosità della concessione a danno dei conti pubblici, anzi no l’amicizia di quello con quell’altro. La sensazione è quella di assistere alla realizzazione dell’ennesimo labirinto di accuse affinché passi più tempo possibile. Tanto a pagare ci sono solo persone comuni che tra le macerie del Ponte Morandi hanno perso la loro vita o si rovinati il futuro.

Il ponte Morandi. Sotto il cemento furono recuperati anche i corpi di quattro ragazzi di Torre del Greco

Come da copione, a due anni dalla immane tragedia in molti hanno tentato di dirottare l’attenzione  sulla mirabolante ricostruzione del nuovo ponte, questo sì realizzato con massima efficienza in tempi record e con una spesa di centinaia di milioni di euro. Ma questa opera nasce da troppa sofferenza, talmente tanta che non possiamo dimenticarla, perché è costruita con cemento misto al sangue, con l’acciaio forgiato dalle urla di dolore che per sempre si uniranno al vento che ululerà sul fiume Polcevera, dove mai smetterà di proiettarsi l’ombra nera del “vecchio” Ponte Morandi.

Intanto il premier Giuseppe Conte in queste ore preannuncia ancora altre riunioni del Consiglio dei Ministri, promettendo ancora una volta che saranno intraprese (finalmente!)  le tanto decantate azioni che il caso imponeva di mettere in pratica mesi e mesi addietro. Di certo tutti noi continuiamo a seguire con la massima attenzione gli incerti sviluppi di questa triste vicenda ma la sensazione è quella di assistere ad una solita rissa preelettorale modulata più sulle preferenze dei sondaggi che sulle giuste scelte da adottare. Eppure ancora nulla di concreto viene posto in essere per onorare davvero le vittime di tale disastro.

Così, malgrado lo sforzo immane della Magistratura di Genova e degli Organi Inquirenti, che hanno lottato e combattono tutt’ora come leoni feriti contro la tirannia del tempo e le trappole della burocrazia, il sangue dei morti e lo strazio dei sopravvissuti reclamano ancora non già vendetta, ma che sia data dignità alla loro memoria o al loro dolore al quale si unisce quello inconsolabile dei loro cari.

Noi avvocati che abbiano l’onere e l’onore di difendere le vittime del “Ponte Morandi” lo ricorderemo sempre ai responsabili che oggi si nascondono dietro ad uno squallido scaricabarile che però non potrà durare in eterno, affinché anche la realizzazione di questa nuova opera, ormai prossima all’inaugurazione e di cui è sacrosanta la necessità per rivolgerci al futuro, non diventi però una via di fuga dal passato, perché quella tragedia senza precedenti noi li costringeremo a riviverla ogni giorno ritornando indietro dalla opposta corsia del tempo. Perché la gravità di quello che è successo prima, ma non di meno di quello che non sta accadendo ora, non ci permette di dimenticare neanche per un istante.

* L’autore di questo articolo è Giovanni Mastroianni, editorialista di Juorno ma soprattutto eccellente avvocato che nel processo per il crollo del Ponte Morandi difende due sopravvissuti rimasti sepolti sotto le macerie per ore

Continua a leggere

Cronache

Uccide i genitori a coltellate, fermato in strada dai carabinieri

Avatar

Pubblicato

del

Ha ucciso sua madre e suo padre l’uomo fermato  a Collegno, nel Torinese, in stato confusionale e con le mani sporche di sangue. Lo hanno accertato i Carabinieri che lo stanno interrogando presso la caserma di Rivoli. Il fermato  avrebbe usato un coltello da cucina per colpire i genitori nell’abitazione in cui viveva con loro a Mirafiori, quartiere di Torino dove il Nucleo investigativo del Comando provinciale dell’Arma ha trovato i due cadaveri. Sono in corso le indagini del Nucleo investigativo per stabilire il movente del duplice omicidio.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto