Collegati con noi

In Evidenza

Clima, Conte: Italia c’è su sfida, lavoriamo ai tagli Co2

Avatar

Pubblicato

del

Tagliare le emissioni di CO2 per riuscire a dare seguito agli impegni presi con l’accordo diParigi e centrare gli obiettivi dell’Agenda 2030 sullo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Due elementi su cui “l’Italia c’e'”, e su cui il governo ha messo gia’ sul campo una serie di misure per anticipare il piu’ ampio Piano di un “Green New Deal, declinato nel programma” che nei prossimi mesi sara’ arricchito di contenuti. Il premier Giuseppe Conte fissa alcuni paletti e lo fa partecipando alla Giornata mondiale dedicata al suolo, organizzata a Palazzo Chigi. Conte parla dell’importanza della tutela del suolo per il Pianeta e sposta il ragionamento sulle manifestazioni dei giovani ispirati a Greta Thunberg in difesa del clima: “I giovani ci stanno dando uno stimolo molto importante, anche quando assumono dei toni aspri e ci chiamano alla responsabilita’, dobbiamo assolutamente dialogare e raccogliere il loro appello. Chiedono di proteggere il domani e anche i loro figli. Dobbiamo entrare nell’ottica che noi non possediamo il Pianeta ma lo abbiamo ereditato – osserva il premier – e se ci mostreremo consapevoli e responsabili potremo trasmetterlo e offrire una prospettiva di futuro”. A sancire l’avanzata dei cambiamenti climatici, il Copernicus climate change service dell’Ue che ha certificato che il mese di novembre appena trascorso e’ stato il piu’ caldo mai registrato: la temperatura globale nel mese scorso e’ stata di 0,64 gradi centigradi superiore alla media (come nel 2016). I dati sono atterrati anche sui tavoli dei negoziati della venticinquesima Cop, la Conferenza mondiale sui cambiamenti climatici dell’Onu, in corso a Madrid. In Europa, novembre e’ stato il terzo piu’ caldo con 1,5 gradi sopra la media, con temperature piu’ elevate soprattutto in Europa centrale e orientale, e particolarmente nel sud-est. In generale da settembre a novembre la temperatura in Europa ha sfiorato gli 1,1 gradi sopra la media, che diventa cosi’ il quarto autunno piu’ caldo, dopo quelli del 2006, 2015 e 2018.

“Il rischio di compromettere la Grande Madre Terra e’ una prospettiva molto concreta – aggiunge Conte – e questo riguarderebbe la qualita’ della nostra vita e delle nostre produzioni apprezzate in tutto il mondo. Viviamo uno scenario particolarmente preoccupante. Se non ripensiamo al nostro modello ci ritroviamo con una prospettiva distruttiva”. “L’Italia – osserva il premier – in tutti i contesti internazionali si sta sempre battendo per essere alla frontiera di questa sfida, anche come Unione europea per avere una posizione di leadership, che riguarda la riconversione ecologica della societa’. La sfida ai cambiamenti climatici non pone affatto un vincolo allo sviluppo ma costituisce invece la migliore opportunita’ per rilanciare la crescita, l’occupazione, e il benessere. Per questo stiamo lavorando su questo Green new deal”. “Il suolo una volta consumato non e’ piu’ possibile recuperarlo – osserva il ministro dell’Ambiente Sergio Costa – per questo “il mio appello al Parlamento e’ che una volta superata la legge di Bilancio, si metta al centro del dibattito la norma sul consumo del suolo”.

Advertisement

In Evidenza

Dallo sbarco in Sicilia su un barcone al gol a San Siro, la favola di Musa Juwara

Avatar

Pubblicato

del

Il 10 giugno 2016, Musa Juwara viveva una giornata decisamente diversa rispetto a quella di oggi. Quattro anni fa, infatti, sbarcava in Sicilia, dopo aver attraversato il Mediterraneo su un barcone, a 15 anni e senza genitori. Uno dei 25mila minori che, in quell’anno, sono arrivati nel nostro paese da soli. Nato nel 2001 e originario del Gambia, i genitori lo avevano fatto imbarcare su uno dei gommoni della disperazione, per cercare fortuna in Italia. Dopo l’approdo in Sicilia viene trasferito a Ruoti, provincia di Potenza e lì, nel piccolo paesino della Basilicata, trova i suoi angeli custodi: l’allenatore di una scuola calcio, la Virtus Avigliano, Vitantonio Summa, e la moglie, Loredana Bruno, ottengono l’affidamento. Nel 2017 un’altra svolta, perche’ si accorge di lui il Chievo, che lo aggrega alla squadra primavera. Il Toro lo prova in un torneo di Viareggio, in cui Juwara segna tre gol in tre partite, ma poi ritorna a Verona, dove esordisce in Serie A nel maggio 2019. A credere in lui la scorsa estate e’ invece il Bologna, con Mihajlovic che ne intravede le qualita’ e lo porta in prima squadra. Qualche spezzone di partita, mostrando tutte le sue doti tra tecnica e velocita’ anche contro la Juventus. Fino alla grande giornata di oggi a San Siro: nel giro di 25′ segna il suo primo gol in Serie A, fa espellere Bastoni e da’ il via alla rimonta del Bologna. ”Il gol e’ merito di Mihajlovic. Lo ringrazio perche’ mi ha fatto giocare contro l’Inter. Sono contentissimo per questa giornata, ho solo 18 anni e ho segnato a San Siro, la ricordero’ tutta la vita”, le sue parole, emozionato, dopo la partita. Una domenica da ricordare per sempre, quattro anni dopo quella traversata piena di paura e di speranza.

Continua a leggere

Esteri

Kanye West si candida, il marito di Kim Kardashian sogna la Casa Bianca

Avatar

Pubblicato

del

Kanye West sfida l’amico Donald Trump. Il rapper marito di Kim Kardashian si candida alla Casa Bianca per il 2020. Dopo aver caldeggiato l’idea per anni e paventato nei mesi scorsi una sua possibile discesa in campo nel 2024, West scopre le carte cogliendo molti di sorpresa. Lo fa con un tweet ai suoi 29,4 milioni di follower nel giorno dell’Indipendenza: “dobbiamo realizzare la promessa dell’America fidandoci di Dio, unificando la nostra visione e costruendo il nostro futuro. Corro per la presidenza degli Stati Uniti. #2020VISION”. Il cinguettio diventa subito virale con piu’ di 100.000 ritweet in meno di un’ora. Fra i primi a sostenerlo c’e’ ovviamente la popolare moglie Kim, da poco divenuta ufficialmente miliardaria: posta sui social una bandiera americana insieme al tweet del marito. Poco prima la star dei reality aveva pubblicato una foto con il suo nuovo look: capelli rosso Ferrari intonati con un abbigliamento rosso fuoco e scarpe argentate. A esprimere immediatamente il proprio sostegno a West e’ anche Elon Musk, il miliardario visionario alla guida di Tesla. Anche il proprietario dei Dallas Mavericks e popolare volto tv Mark Cuban e’ con West: fra Trump e il rapper “preferisco Kanye West”. Mentre Kim Kardashian e la sua grande e famosa famiglia ‘sognano’ la Casa Bianca, molti si chiedono se la candidatura di West sia reale o solo una mossa pubblicitaria. O ancora una ‘distrazione’ per aiutare Trump nella battaglia contro Joe Biden: il rapper potrebbe infatti sottrarre i voti degli afroamericani al candidato democratico, facilitando di fatto l’avanzata di Trump. West e il presidente negli ultimi anni hanno collaborato e il rapper ha sposato la causa del tycoon fin dall’inizio, come mostrano le numerose foto che vedono West indossare il cappello da baseball rosso con la scritta-slogan del presidente: ‘Make America Great Again’. Se le sue intenzioni sono serie, la sua e’ un corsa a ostacoli quasi insormontabili per la maggior parte dei candidati. Fra le prime difficolta’ c’e’ quella di allestire una campagna elettorale quando mancano quattro mesi al voto del 3 novembre. West deve poi qualificarsi per l’accesso alle urne: le scadenze per presentarsi come candidato indipendente sono gia’ scadute in diversi stati, e sono in scadenza in altri. Disponibili con gli stati restanti ci sarebbero 375 voti elettorali, rendendo la corsa molto difficile visto che ne servono 270 per vincere la presidenza. Al momento non e’ chiaro se West abbia presentato tutte le carte necessarie alla Federal Election Commission: nel database della commissione per ora l’unico candidato per la presidenza alle elezioni del 2020 chiamato Kanye West e’ un candidato dei Verdi, ‘Kanye Deez Nutz West’. Se fosse seriamente intenzionato a candidarsi, West potrebbe essere un candidato ‘write-in’, ovvero il cui nome puo’ essere scritto manualmente sulla scheda. Per tradizione i candidati write-in hanno poche chance di vincere e la procedura e’ di solito usata dopo esclusioni legali e procedurali dalla corsa elettorale. In passato il write-in e’ stato usato nelle primarie presidenziali: lo hanno fatto John Fitzgerald Kennedy e Richard Nixon in Massachusetts ma anche Franklin Delano Roosevelt in New Jersey. Precedenti illustri ma di un’altra era politica e, soprattutto, per le primarie in un singolo stato. I repubblicani guardano a distanza. Forse fra i vari rivali di Trump che immaginavano, il rapper non era in cima alla loro lista.

Continua a leggere

In Evidenza

Formula 1, Gran Premio di Austria: subito Bottas ma è Ferrari-show con un grande Leclerc

Avatar

Pubblicato

del

La formula 1 2020 parte tra mascherine, tribune deserte, il tanto desiderato spettacolo e gia’ diverse sorprese. A cominciare dal vincitore: il numero due Mercedes Valtteri Bottas fa festa grande proprio nel giorno dei piloti in ginocchio contro il razzismo e oscura del tutto il compagno e campione del mondo Lewis Hamilton. L’inglese e’ solo quarto al traguardo per una penalizzazione di 5” nel finale di gara inflittagli per aver speronato la Red Bull di Alexander Albon.

E poi ecco la Ferrari che non t’aspetti: quella guidata da Charles Leclerc, bravissimo a sfruttare le tre safety-car di fila e a trasformare in oro una corsa che sembrava fino a pochi giri dalla bandiera a scacchi anonima. Il pilota monegasco riesce a conquistare una seconda posizione da ricordare con una stupefacente serie di sorpassi ai danni della Racing Point di Perez e della McLaren di Norris che a sua volta chiudera’ sul podio dietro al ferrarista. Da dimenticare la prestazione di Sebastian Vettel, mai in ‘partita’ e autore di brutto testa coda che ne pregiudichera’ qualsiasi speranza: il decimo posto non fa onore al quattro volte iridato che alla fine dell’anno lascera’ la scuderia di Maranello lasciando il posto a Carlos Sainz Junior ottimo quintoi con la sua McLaren.

Finalmente il Circus della velocita’ post-Covid ricomincia dopo il Gp abortito a marzo in Australia: teatro della ripartenza della Formula 1 sono le montagne austriache, con il circuito dello Spielberg senza pubblico riempito solo dal suono dei motori e dagli addetti ai lavori in formato ridotto. Prima del semaforo verde sale l’emozione con 14 piloti su 20 in ginocchio contro il razzismo e con indosso una maglia nera con la scritta ‘end racism’. Quando si parte e’ Bottas a prendere il largo subito grazie anche alla penalita’ sulla griglia per Hamilton che e’ costretto a scattare quinto e non secondo per non aver rispettato la bandiera gialla nelle qualifiche di sabato. Con le Ferrari nelle retrovie, a dare fastidio alle Mercedes ci pensa la Red Bull di Verstappen, ma l’irruenza dell’olandese dura poco: all’undicesimo giro il ‘new generation’ e’ tradito dalla sua auto ed e’ costretto ad un mesto ritiro.

Ragion per cui Bottas puo’ dormire sogni tranquilli con Hamilton a distanza di sicurezza e i vari Sainz, Perez e Noris non certo in grado di raggiungerlo. Leclerc staziona in sesta-settima posizione, mentre Vettel non si scolla dalla decima piazza. Al 26/o giro, con l’incidente alla Haas di Magnussen, in un Gp apparentemente tranquillo parte la serie infinita delle safety-car (ben tre) che nel finale di gara rivoluziona le posizioni, permettendo alla Ferrari di Leclerc di scalare in pochi giri dalla quinta alla seconda posizione. Alla fine sorride anche Norris che con la sua McLaren conquista al pari della Rossa un podio insperato. Deve recriminare invece Hamilton che sciupa tutto nel voler resistere a tutti i costi all’incursione di Albon. Se il pilota anglo-thailandese e’ costretto a uscire di pista, il campione del mondo vede sfumare un secondo posto sicuro. Buon per la Rossa che con una vettura in chiara difficolta’ puo’ prendere fiato in attesa degli sviluppi previsti per il Gp d’Ungheria a Budapest dove dovrebbe vedersi la vera Ferrari post-Coronavirus. Intanto, i ferraristi possono godersi e soprattutto contare sul giovane venuto dal Principato di Monaco che da astro nascente ha definitivamente messo i panni di una star vera e propria.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto