Collegati con noi

Spettacoli

Cinema, Ischia Global chiude un’edizione da record con Massimo Boldi premiato come ‘King of Comedy’

Avatar

Pubblicato

del

Da Ischia Global, per ripartire con ottimismo nel segno del cinema italiano. Lo annuncia Massimo Boldi ritirando il premio ‘King of Comedy’ nel corso dell’evento finale della 18/a edizione del Film&Music festival. ”Dedico il premio al mio compagno e amico Christian De Sica. Inizieremo a fine mese a girare il nostro film, credo saremo la prima produzione italiana che parte dopo la tragedia che ci ha investito tutti. E’ un premio importante e una dedica doverosa, con Christian abbiamo realizzato tanti film di successo al cinema e speriamo di farne altri per il futuro”. Hanno festeggiato Boldi anche l’ambasciatrice del Global Trudie Styler, il truccatore premio Oscar Alessandro Bortolazzi e Paolo Ruffini, che ha ritirato il premio intitolato a Carlo Vanzina. ”Per me e’ come un Oscar. Vanzina e’ stato un grande autore del cinema italiano” ha ricordato l’attore toscano che e’ stato diretto due volte da Vanzina, dedicando il premio ‘a tutti gli artisti disobbedienti’. Il Global Festival ha proposto sette giorni di proiezioni, premiazioni, musica, ma anche confronti sulle problematiche dei vari settori dello spettacolo in vista della ripresa dopo lo stop imposto dalla pandemia. Tra i premiati dell’ultima giornata Sandra Milo (Legend Award), Francesca Manzini, Simone Di Pasquale, Paolo Belli, le giornaliste di Sky Tg24 Emanuela Ambrosino e Tonia Cartolano, autrici del documentario ‘La nostra storia’ sui giorni piu’ terribili della pandemia. All’attrice Lucianna De Falco e’ stato consegnato il Tatatu Award per il cortometraggio ‘L’Attesa’ di Angelo Bevilacqua. Il Global Festival quest’anno ha reso omaggio a Federico Fellini ed Ennio Morricone, con performance del flautista Andrea Griminelli, e a Renato Carosone. La manifestazione, che ha proposto oltre 70 proiezioni gratuite nelle sale dell’isola riaperte per l’occasione, e’ promossa con il Mibact-Dg Cinema e la Regione Campania con il patrocinio della Croce Rossa Italiana. I volontari CRI di Codogno sono stati impegnati per l’accoglienza in sicurezza nei cinema. Applausi per le ultime anteprime ‘The King of Staten Island’ di Judd Apatow (in sala dal 30 luglio) e ‘Dogthooth’ (2009) di Yorgos Lanthimos, film di chiusura (inedito in Italia, uscira’ nelle sale ad agosto) e per ‘The Gentlemen’ di Guy Richtie. Ischia Global 2020, produttore e fondatore Pascal Vicedomini, e’ organizzata dall’Accademia Internazionale Arte Ischia (presidente Riccardo Monti) in collaborazione con numerosi sponsor privati. (ANSA).

Advertisement

In Evidenza

Carolina Crescentini torna sul set dei Bastardi Pizzofalcone: siamo un gruppo unito, tutti sono importantissimi

amministratore

Pubblicato

del

I primi 40 anni celebrati durante la pandemia insieme alle persone a cui tiene con un ‘festone’ online su Zoom (“e’ stata molto emozionante lo stesso, ma quando sara’ possibile, quando mi daranno il via libera sugli abbracci, replicheremo di persona”), nessuna crisi e la consapevolezza “di aver avuto fino ad adesso tante vite… e troppe ne voglio ancora”. Un momento importante, raccontato con un sorriso da Carolina Crescentini, che dopo i mesi di lockdown, sta per tornare sul set della terza serie de I bastardi di Pizzofalcone “(Siamo molto uniti”). Prima e’ arrivato un nuovo riconoscimento, il Premio speciale per la fiction – Pellicola d’oro, dedicato a valorizzare i mestieri e l’artigianato del cineaudiovisivo italiano. “Senza un fonico, una costumista, un elettricista, il mio lavoro non esiste – sottolinea -. il cinema coma la tv si fanno in squadra, ed e’ importante ancora di piu’ ricordarlo, dopo questi mesi, che per lo stop, hanno lasciato tante persone senza entrate”.

La gente spesso “non ha la percezione, di quanto sia serio questo lavoro, molti pensano sia solo un divertimento. In realta’ ognuno di noi si e’ molto preparato nel suo ambito per farlo. Siamo sempre in giro, a volte accampati, di giorno di notte… ma ci unisce la passione nel raccontare una storia, tutti con il proprio punto di vista “. Dopo la pandemia, il tipo di racconto “forse cambiera’, ma non credo nelle visioni pessimistiche, credo in una rinascita”. L’attrice romana, che ama esplorare i generi e in carriera finora ha lavorato con registi come Giuliano Montaldo, Ferzan Ozpetek, Paolo e Vittorio Taviani, Gabriele Muccino, a settembre tornera’ sul piccolo schermo come protagonista su Rai2 di Mare Fuori (il debutto era stato rimandato per la pandemia), serie in sei serate diretta da Carmine Elia, nella quale interpreta Paola, la nuova direttrice di un carcere minorile a Napoli. Tra minacce, amori, fughe, esami di scuola, partite di pallone, risse, crisi e nuove occasioni la vita dentro l’Istituto penale Minorile, scorre con le sue regole, le sue alleanze e le sue leggi.

Nel cast anche, fra gli altri, Carmine Recano e Valentina Romani. “Girare questa storia mi ha insegnato molto e mi ha fatto riflettere. Tra gli interpreti ci sono attori molto giovani, e mi sono emozionata per loro purezza” spiega.

Maurizio De Giovanni. Il grande scrittore napoletano è l’autore del romanzo dal quale prende le mosse la fiction Rai

Dal 4 agosto l’aspetta il set (le riprese si erano interrotte per l’emergenza covid) del caposaldo di quella chiama “la mia fase napoletana”, I bastardi di Pizzofalcone, la serie tratta dai romanzi di Maurizio De Giovanni, arrivata alla terza stagione che debuttera’ su Rai1 nel 2021. Lei non anticipa nulla sulla trama ma stando a quanto scritto sulla sinossi diffusa alla presentazione dei palinsesti Rai,, la storia ricomincia nell’istante successivo al “big bang”. La bomba esplosa davanti le vetrine del ristorante di Letizia, dove tutta la squadra di Pizzofalcone festeggiava la conclusione di una indagine, ha provocato morti e feriti. L’ispettore Lojacono (Alessandro Gassmann) e’ il primo a dover affrontare la crisi emotiva che affligge i sopravvissuti. Arriva anche una new entry in squadra, l’enigmatica Elsa Martini (Maria Vera Ratti). Carolina Crescentini torna nel ruolo della brillante ma inquieta pm Laura Piras. Nel cast fra gli altri, anche Antonio Folletto, Tosca d’Aquino, Massimiliano Gallo, Gianfelice Imparato, Simona Tabasco. “Tramite I ‘Bastardi’ ho capito ancora di piu’ la forza che puo’ avere la televisione. Quando con una serie come questa ti intrufoli nelle case delle persone ricevi un affetto da parte del pubblico, che ti commuove”. Poi, “sul set c’e’ un clima meraviglioso, siamo un gruppo molto unito”.

Continua a leggere

Spettacoli

Torna ‘Battiti Live’ su Italia Uno, unico appuntamento musicale estivo

Avatar

Pubblicato

del

Finalmente torna in televisione Battiti Live è l’unico evento musicale della stagione, con 6 appuntamenti su Italia1. La conduzione ė affidata ad Alan Palmieri ed Elisabetta Gregoraci. Nella prima serata i due presentatori hanno sfoggiato un look impeccabile, per la serata iniziale del programma. Alan Palmieri elegantissimo, Elisabetta Gregoraci più briosa indossava un minidress a sfondo bianco decorato con fiori colorati di Luigi Serafino.

Elodie, Elettra Lamborghini e Alessandra Amoroso hanno indossato un look da vere pop star. Alessandra Amoroso ha scelto un elegante abito rosso fuoco Elisabetta Franchi, meravigliosa la sua esibizione sul palco con i Boomdabash con la canzone Karaoke già disco d’oro. L’ abito Dolce&Gabbana di Elettra Lamborghini ci ha stupiti: uno dei migliori della serata; Elodie indossava un outfit Versace mentre cantava il suo pezzo Ciclone, un brano carino ed orecchiabile adatto per l’estate.

Continua a leggere

Cinema

Mostra del cinema di Venezia poco glam, ci saranno meno divi nell’anno del covid

Avatar

Pubblicato

del

“Cate Blanchett la sento costantemente, e’ a Londra, non ha mai messo in dubbio la sua disponibilita’, anzi” dice Alberto Barbera della presidente di giuria di Venezia 77. E’ comprensibile: alla divina australiana spetta un compito eccezionale in un’annata eccezionale, quello non solo di condurre i giurati verso il verdetto del Leone d’oro, ma anche di assicurare quel tocco di glamour sul red carpet di cui quest’anno giocoforza si sentira’ la mancanza.

Alberto Barbera. Presidente di giuria di Venezia 77

La Blanchett, bellissima ed elegante (legata peraltro ad uno dei main sponsor della Mostra) rischia di essere una delle poche star. “Non ci saranno? Non e’ da questo, speriamo, che si giudichera’ il festival”, dice il presidente della Biennale Roberto Cicutto. Brad Pitt no, Leonardo DiCaprio non se ne parla, George Clooney che pure ha la seconda casa in Italia non ha film in programma, Lady Gaga impiumata di rosa sara’ un caro ricordo e se tutto va bene potrebbe riuscire ad arrivare Frances McDormand.

Le superstar sono assenti, tanto quanto i film blockbuster (Barbera pero’ suggerisce pazienza, un last minute potrebbe arrivare). Grandi soddisfazioni sono attese da Helen Mirren, che dal Salento a Venezia giunge di sicuro, per The Duke di Roger Mitchell, da BHL ossia Bernard Henry Levi protagonista del documentario Princesse Europe tra le proiezioni speciali, da Andrew Garfield che e’ nel film di Gia (nipote di) Coppola, Mainstream, tra i rari americani del festival e James Norton protagonista per Uberto Pasolini di Nowhere Special. Sicuro anche Willem Dafoe, attore feticcio di Abel Ferrara, protagonista di Sportin’ Life.

Presidente della Biennale. Roberto Cicutto

In compenso, italiani a pioggia da Favino alle Rohrwacher, da Lo Cascio a Valeria Golino, da Jasmine Trinca a Monica Bellucci (nel cast del film franco-tunisino-belga-svedese The man who sold his skin di Ben Hania), con Paolo Conte a guidare la banda. Fotografi e paparazzi si preparino, quest’anno il glam internazionale non si concilia con il tempo di Covid: si spera in Greta, l’attivista Thunberg, e’ al centro di un documentario omonimo di Nathan Grossman, in fondo la Svezia e’ vicina.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto