Collegati con noi

Salute

C’è la scienziata napoletana Mina Massaro nel team Usa che ha creato l’occhio artificiale con cellule umane

Avatar

Pubblicato

del

Un occhio artificiale da fantascienza è stato creato in miniatura su un chip grazie a un modello 3D fatto con cellule umane che riproducono gli strati più superficiali, ovvero la cornea e la congiuntiva. Lubrificato da lacrime artificiali e protetto da una palpebra gelatinosa che si apre e si chiude, in futuro potrebbe essere usato al posto di modelli animali per studiare disturbi come l’occhio secco e per testare nuovi farmaci. A indicarlo è lo studio pubblicato sulla rivista Nature Medicine dal gruppo di ricerca di Dongeun Huh presso l’Università della Pennsylvania a Philadelphia. Nel gruppo di ricerca coordinato dal coreano Dongeun Huh hanno lavorato e sono dunque autori della creazione dell’occhio artificiale scienziati del calibro di Jeongyun Seo,  Woo Y. Byun, Farid Alisafaei, Andrei Georgescu, Yoon-Suk Yi, Vivek B. Shenoy, Vivian Lee, Vatinee Y. Bunya e infine ma non per ultima Mina Massaro-Giordano, origini napoletane, americana di adozione e formazione scientifica, condirettrice del “Penn Dry Eye and Ocular Surface Center of Clinical Ophthalmology presso lo Scheie Eye Institute of Philadelphia”. Mina Massaro-Giordano è considerata, per le sue ricerche e i suoi studi, una delle maggiori esperte al mondo della sindrome dell’occhio secco. La scienziata italiana spiega che “l’organo, realizzato su un chip, è dotato di cornea, congiuntiva e lacrime artificiali e, in futuro, potrebbe essere usato al posto di modelli animali per studiare disturbi come l’occhio secco e per testare nuovi farmaci.”
La patologia dell’occhio secco è tanto grave quanto frequente, purtroppo spesso sottovalutata o non diagnosticata ad una prima osservazione clinica.

La scienziata. Mina Massaro, scienziata dell’Università di Pennsylvania

Patologia che la scienziata italiana Massaro-Giordano sta contribuendo a combattere. La strada è ancora lunga, ma non siamo all’anno zero. Anche grazie a questo “occhio artificiale”.  Ultimo di una serie di organi su chip, il modello della superficie dell’occhio umano riesce per la prima volta a simulare la complessa struttura multicellulare dell’organo che fa da barriera nei confronti dell’ambiente esterno. I ricercatori, guidati da Dongeun Huh, lo hanno sviluppato riproducendo la geometria e la composizione cellulare degli strati più esterni dell’occhio. Innanzitutto hanno coltivato cellule derivate dalla cornea e dalla congiuntiva in un’interfaccia aria-liquido che ha permesso di ricreare la superficie oculare. Questa è stata poi inserita all’interno di una piattaforma in cui è stata esposta a fluidi lacrimali e allo scorrimento di una palpebra artificiale fatta di idrogel che imita il battito spontaneo delle palpebre. Grazie a questa piattaforma, i ricercatori hanno approfondito le dinamiche e gli effetti biologici del batter d’occhio, ma non solo: hanno perfino sviluppato un modello che riproduce il disturbo dell’occhio secco, utilizzandolo per testare un farmaco.

L’obiettivo futuro sarà quello di affinare il sistema per poterlo usare come alternativa alla sperimentazione animale nello screening di nuovi farmaci, anche se serviranno ulteriori indagini per validarne il corretto funzionamento, come sottolineano gli stessi ricercatori. Per simulare davvero la complessità dell’occhio umano, bisognerà poi migliorare ulteriormente questo modello artificiale arricchendolo con nuovi elementi, come i vasi sanguigni, le terminazioni nervose e le cellule del sistema immunitario.

Advertisement
Continua a leggere

In Evidenza

Allergie e Covid19, attenti perchè molti sintomi sono simili: non fate autodiagnosi col web

Avatar

Pubblicato

del

Naso che cola, occhi arrossati, fiato corto, tosse. Con la primavera possono presentarsi o peggiorare alcuni “sintomi tipici delle allergie respiratorie che potrebbero essere facilmente confusi” con quelli del Sars-Cov-2. In questi casi, per saperne di piu’, e’ bene “non affidarsi alla ricerca sul web” e contattare invece il proprio medico. A spiegarlo e’ l’Istituto Superiore di Sanita’ (Iss), che nell’approfondimento “Allergie o Covid-19?” spiega come, a dover far sorgere dubbi che possa trattarsi di qualcosa di piu’ grave sono tre situazioni specifiche: se i sintomi insorgono in persone che non hanno mai sofferto di allergia respiratoria, se si e’ un paziente allergico e la terapia abituale non attenua il problema, oppure se, ai sintomi soliti come asma congiuntivite o rinite, si aggiunge la febbre. Le allergie riguardano, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanita’ (Oms), tra il 10 e il 40% della popolazione, con una maggior prevalenza tra i piu’ piccoli e chi vive in aree inquinate. In generale, gli allergici, cosi’ come tutti coloro che soffrono di malattie croniche, in questo periodo devono stare molto attenti a evitare peggioramenti, cosi’ da ridurre al massimo le visite di emergenza. Per questo, ricordano gli esperti Iss, in chi soffre di allergie pollini, l’uso delle mascherine va ancor piu’ incentivato perche’ “oltre a proteggere dal coronavirus, puo’ proteggere da allergeni che viaggiano nell’aria”.

Nel momento in cui l’epidemia costringe a stare piu’ tempo in casa, chi soffre di asma bronchiale causata da allergeni indoor, come acari, epiteli animali e muffe, “deve prestare maggiore attenzione alle indicazioni ricevute per tenere sotto controllo le manifestazioni acute”. In caso di allergia al lattice, “bisogna usare solo guanti in nitrile, facendolo anche presente, in caso di necessita’, al personale sanitario”. Se si soffre di allergie alimentari e si segue una dieta di esclusione di diversi alimenti, bisogna continuare a seguirla perche’ “non rappresenta un fattore di rischio aggiuntivo per i pazienti Covid, sempre che venga assicurato un buon equilibrio nutrizionale e calorico”. Se si sta effettuando un ciclo di immunoterapia specifica per le allergie non va interrotto. Infine, e’ importante portare sempre con se’ un kit di automedicazione e chiamare subito il proprio medico se si hai il sospetto di aver contratto il virus o se si hanno avuto contatti con persone positive al Sars-Cov-2. Qualora non si riuscisse a contattarlo, si puo’ chiamare il 1500 del Ministero della Salute, il 112 o i numeri verdi regionali per l’emergenza. Secondo gli studi disponibili, le allergie non sono un fattore di rischio importante per il Covid. Invece, l’asma in forma moderata o grave e’ tra le condizioni polmonari croniche che predispongono a forme gravi. Pertanto, chi e’ in terapia di mantenimento con inibitori dei leucotrieni, corticosteroidi o broncodilatatori, non deve interrompere il trattamento.

Continua a leggere

Salute

Una studio italiano: mega dosi di vitamina C endovena difendono dal cancro

Avatar

Pubblicato

del

La somministrazione via endovena di mega-dosi di vitamina C – equivalenti a 2000 arance al giorno per due settimane – potrebbe potenziare l’efficacia anticancro dell’immunoterapia, approccio che mira a risvegliare il sistema immunitario proprio in funzione anti-tumorale. Lo dimostra uno studio dell’Istituto di Candiolo IRCCS, pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine. I risultati dello studio riaccendono dunque i riflettori sull’uso della vitamina C come anticancro ma in maniera completamente nuova rispetto al passato e agli antipodi delle strategie “fai da te” con integratori e supplementi. Solo mega dosi di vitamina C pari a 2000 arance al giorno, iniettate quotidianamente per via endovenosa e sotto controllo per almeno due settimane, spiegano i ricercatori, ‘risvegliano’ infatti il sistema immunitario contro i tumori e contribuiscono cosi’ a ridurne la crescita. Se somministrata assieme agli inibitori dei checkpoint, farmaci per immunoterapia oncologica promettenti ma gravati da vari effetti collaterali, la vitamina C ad altissime dosi potenzia l’immunoterapia e la rende piu’ tollerabile, aprendo la strada a nuove possibilita’ di terapie integrate che potrebbero rallentare la progressione della malattia. Lo studio e’ stato condotto su topi con melanomi o tumori della mammella, al colon-retto o al pancreas, sottoposti o meno a immunoterapia oncologica.

“Dopo i dati positivi sull’aumento della sopravvivenza in pazienti con tumori trattati con vitamina C raccolti negli anni ’70 ma mai adeguatamente riprodotti e comprovati, gli studi sul ruolo di questa vitamina nel cancro sono stati a lungo abbandonati – spiega Alberto Bardelli, direttore del Laboratorio di Oncologia Molecolare presso l’Istituto di Candiolo e professore al Dipartimento di Oncologia dell’Universita’ di Torino -. Di recente si e’ scoperto che la vitamina C somministrata per via orale non puo’ essere assorbita dall’intestino a dosi tali da avere un effetto anticancro; cosi’ abbiamo deciso di testare mega-dosi iniettandole direttamente nel peritoneo di topolini affetti da diversi tumori solidi, cercando di capirne l’effetto sul cancro e sul sistema immunitario”. I risultati mostrano innanzitutto che la vitamina C da sola ‘accende’ i linfociti T e li attiva a rispondere meglio contro il tumore, che cosi’ rallenta in maniera significativa la sua crescita. Questo conferma che il possibile effetto anticancro della vitamina C “e’ mediato dall’azione positiva che essa ha sul sistema immunitario”, osserva Federica Di Nicolantonio, a capo del laboratorio di epigenetica del cancro presso l’Istituto di Candiolo.

Inoltre, la “contemporanea somministrazione delle mega-dosi di vitamina C ha potenziato l’effetto dell’immunoterapia con gli inibitori di checkpoint, rallentando la crescita dei tumori e addirittura portando alla regressione completa in alcuni animali con tumore al seno”, sottolinea Bardelli. Si tratta di risultati pre-clinici, ma “se saranno confermati da successivi studi sull’uomo, la ‘triplice terapia’ con vitamina C e i due inibitori di checkpoint – conclude l’esperto – potrebbe aprire la strada a nuove prospettive di cura nell’ambito delle terapie oncologiche integrate, rendendo le iniezioni endovenose di vitamina C ad alte dosi una strategia da abbinare all’immunoterapia”.

Continua a leggere

In Evidenza

Biobanca Covid-19: aiuta la ricerca aiutando Neuromed anche con una piccola donazione

Marina Delfi

Pubblicato

del

C’è chi ha avuto un lutto in famiglia, chi ha scoperto di essere positivo ed ha vissuto chiuso in casa ore di angoscia, chi è stato in ospedale a lungo ed ha vissuto momenti terribili ma è riuscito ad uscirne vivo. In tanti, in un modo o nell’altro, hanno avuto a che fare con il Covid 19, il virus della pandemia. “Ed è stato proprio pensando a loro che Neuromed ha preparato un progetto molto particolare- lo annuncia il professor Giovanni de Gaetano, presidente dell’IRCCS molisano nel video che segue- si tratta della Biobanca Covid 19” .

 

 

L’attuale pandemia – spiegano in Neuromed- ha sconvolto letteralmente il mondo intero per la rapidità della sua diffusione, per gli effetti devastanti sulla salute e sulla vita di ogni popolazione, per l’eccezionalità dell’impegno richiesto a livello di prevenzione e di interventi terapeutici.Tuttora si combatte in trincea, tuttora i caduti si contano in tutto il pianeta.
E tuttora migliaia di ricercatori sono impegnati in un’opera silenziosa e invisibile, l’unica da cui ci si possa aspettare la soluzione del problema. Per questo contro il Covid-19 hanno preparato e avviato un progetto molto coraggioso e impegnativo – la BIOBANCA COVID-19 – con l’ambizione di studiare per ostacolare e impedire il ritorno di questa terribile malattia, ma – ancor più – di rendere possibile la necessaria prevenzione di altri flagelli dello stesso genere.
Si tratta di un piano straordinario, che ha bisogno di risorse straordinarie. E per questo chiedono di sostenere la ricerca: “Anche una PICCOLA DONAZIONE può fare la DIFFERENZA”, dicono. E chi vuole può donare anche solo 5 euro, basta andare sul sito di Neuromed, cioè www.neuromed.it oppure collegarsi direttamente a questo link: https://donaora.neuromed.it/

 

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto