Collegati con noi

Tecnologia

C’è acqua come sulla Terra su un pianeta che è abitabile

Avatar

Pubblicato

del

C’e’ acqua nell’atmosfera di un pianeta che si trova a 110 anni luce dalla Terra e che ruota intorno a una stella piu’ piccola e fredda del Sole alla distanza ideale per avere una temperatura che permetta all’acqua di essere allo stato liquido e, forse, per poter ospitare la vita. La scoperta e’ una prima assoluta e ricca di promesse: potrebbe essere solo l’inizio della capacita’ di trovare molti altri mondi simili. Pubblicata sula rivista Nature Astronomy, la scoperta e’ del gruppo dell’University College di Londra di cui fanno parte Angelos Tsiaras, l’italiana Giovanna Tinetti e Ingo Waldmann. Il pianeta si chiama K2-18 b ed era stato scoperto nel 2015 dal telescopio spaziale Kepler della Nasa. E’ una delle centinaia delle cosiddette super-Terre, ossia pianeti con una massa compresa fra quelle della Terra e di Nettuno. La sua massa e’ infatti otto volte superiore a quella del nostro e al momento e’ l’unico pianeta esterno al Sistema Solare ad avere sia acqua, sia temperature che potrebbero sostenere la vita. La sua stella, K2-18, e’ una nana rossa molto attiva, tanto che il pianeta K2-18 b potrebbe essere esposto a molte radiazioni e avere percio’ un ambiente piu’ difficile rispetto a quello terrestre. I ricercatori ne hanno ricostruito le caratteristiche dell’atmosfera grazie ai dati acquisiti nel 2016 e nel 2017 dal telescopio spaziale Hubble, gestito da Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Nasa. Quindi hanno sviluppato algoritmi con cui hanno analizzato la luce della stella filtrata dall’atmosfera e cosi’ hanno trovato la firma molecolare dell’acqua, accanto a quelle di idrogeno ed elio. Non si esclude che nell’atmosfera di K2-18 b possano esserci anche azoto e metano. Saranno necessarie ulteriori osservazioni per capire se ci sono nuvole e per calcolare la percentuale di acqua presente nell’atmosfera.

C’è ancora tanto lavoro da fare, ma il traguardo raggiunto e’ fuori discussione e “incredibilmente eccitante”, ha detto Tsiaras. “K2-18 b non e’ un gemello della Terra – ha aggiunto – in quanto e’ significativamente piu’ pesante e ha una composizione atmosferica diversa. Tuttavia ci aiuta a rispondere alla domanda fondamentale: la Terra e’ unica?”. Senza dubbio si apre “una nuova era nella ricerca sugli esopianeti” e, come ha rilevato Tinetti, K2-18 b diventa “uno dei pianeti piu’ interessanti per gli studi futuri. Ad oggi, sono stati rilevati oltre 4.000 pianeti extrasolari ma non sappiamo molto sulla loro composizione e natura. Osservando un ampio campione di pianeti, speriamo di scoprire come si formano e come evolvono i pianeti della nostra galassia”. Anche Waldmann e’ convinto che “questa sia la prima scoperta di molti pianeti potenzialmente abitabili. Questo non solo perche’ le super-Terre come K2-18 b sono i pianeti piu’ comuni nella nostra galassia, ma anche perche’ le nane rosse sono le stelle piu’ numerose”. Protagonisti della nuova caccia ai pianeti potenzialmente abitabili che si e’ appena aperta sanno i futuri telescopi spaziali, come il James Webb di Nasa, Esa e agenzia spaziale canadese Csa, e la missione Ariel dell’Esa, coordinata da Giovanna Tinetti.

Advertisement

Cronache

Apple irritala Cina: “Siete complici dei ribelli a Hong Kong”

Avatar

Pubblicato

del

Apple irrita la Cina su Hong Kong. La Casa di Cupertino e’ finita nella bufera per la app HKmap.live, disponibile nell’ex colonia, che consente di tracciare le attivita’ della polizia: una funzione sensibile nel mezzo delle proteste pro-democrazia che da quattro mesi stanno scuotendo la citta’. A rimarcare il disappunto e’ sceso in campo il Quotidiano del Popolo, ‘voce’ del Partito comunista cinese, che in un commento al vetriolo ha obiettato che “l’approvazione di Apple alla app ovviamente aiuta i ribelli. Questo significa che intendeva essere complice dei rivoltosi?”. Naturalmente, in questo caso Apple subirebbe le conseguenze della sua decisione “imprudente e sconsiderata”. La societa’ californiana e’ cosi’ l’ultimo bersaglio straniero a cadere nel mirino di Pechino, tra le maglie della censura o nei giudizi spietati dei ‘netizen’, dopo la maison del lusso Tiffany e gli irriguardosi cartoon di South Park. E soprattutto la Nba, la Lega del basket a stelle e strisce, che ha visto oggi cancellare l’evento promozionale della serata a Shanghai, tra la partita esibizione e l’incontro con i fan cinesi, alla vigilia della partita tra i Brooklyn Nets e i Los Angeles Lakers che dovrebbe essere depennata. “Alla luce dei commenti inappropriati fatti del general manager degli Houston Rockets, Daryl Morey (su twitter quest’ultimo ha scritto “Lotta per liberta’. Schierati con Hong Kong”, ndr) e delle inappropriate dichiarazioni del Commissioner della Nba, Adam Silver, l’interazione con i fan di Nba2019 e’ stata cancellata”, ha reso noto la Federazione sportiva di Shanghai. I media cinesi hanno attaccato il “voltafaccia” di Silver, che prima ha definito il tweet incriminato “spiacevole” e poi ha insistito che la Lega non si sarebbe scusata, sostenendo “la liberta’ di espressione”. Il Global Times, tabloid del Quotidiano del Popolo, ha stimato in via prudenziale in 1,2 miliardi di dollari i ricavi generati in Cina dalla Nba, il 10% del totale: la mancanza significherebbe 20 milioni in meno ai club e un taglio del 20% ai compensi dei giocatori. Un messaggio chiaro, come quello inviato a Apple. Gli utenti di HKmap.live condividono informazioni sulla localizzazione di mezzi della polizia, agenti e incidenti con feriti: “Incita ai comportamenti illegali”, ha osservato il Quotidiano del Popolo. “Non e’ Apple preoccupata di danneggiare la sua reputazione e di colpire i sentimenti dei suoi clienti?” La societa’ della Mela, in un primo momento, l’aveva rifiutata cambiando poi posizione venerdi’, prima di renderla disponibile sabato da iOS App Store. Il commento del quotidiano del Pcc, rilanciato dagli altri media statali, e’ a firma “Bolan Ping”, pseudonimo dal significato “calmare le onde”, che e’ apparso di recente per trattare le vicende dell’ex colonia britannica. “Chiunque abbia coscienza e giustizia dovrebbe resistere e opporsi, invece di supportare e assecondare tali azioni”, ha detto sul caso il portavoce del ministro degli Esteri, Geng Shuang, a ridosso del round negoziale Usa-Cina sul commercio. Se ci saranno serie conseguenze su Apple in Cina e’ presto per dirlo: il Dragone e’ il suo secondo mercato dopo quello Usa, anche se le vendite nel trimestre a giugno sono calate del 4%, meno di oltre il -25% del primo semestre fiscale. E gran parte di iPhone e tablet sono assemblati in Cina, in impianti che danno lavoro a centinaia di migliaia di persone.

Continua a leggere

In Evidenza

Nobel per la Chimica ad un tedesco, un britannico e un giapponese: sono gli inventori delle batterie al litio

Avatar

Pubblicato

del

Il Nobel per la Chimica 2019 è stato assegnato agli inventori delle batterie agli ioni di litio, oggi comunemente utilizzate nei telefoni cellulari, personal computer e auto elettriche. John B. Goodenough, M. Stanley Whittingham e Akira Yoshino hanno cosi’ aperto la strada a fonti di energia diverse dai combustibili fossili.

Come accaduto per i Nobel della Medicina e della Fisica, anche il Nobel per la Chimica 2019 viene assegnato a più di uno scienziato. In questo caso viene suddiviso fra il tedesco John B. Goodenough, il britannico M. Stanley Whittingham e il giapponese Akira Yoshino. Goodenough, 97 anni, è nato in Germania, a Jena, nel 1922 e dal 1952 ha lavorato negli Stati Uniti, nell’Università di Chicago e poi in quella del Texas ad Austin. Whittingham, 78 anni, e’ nato in Gran Bretagna e dopo aver lavorato nell’Universita’ di Oxford si e’ trasferito negli Stati Uniti, dove ha insegnato nell’Universita’ di New York. Yoshino, 71 anni, e’ nato nel 1948 in Giappone, a Suita; ha lavorato nell’Universita’ di Osaka e poi nella Meijo University di Nagoya.

Continua a leggere

Tecnologia

Pronto al lancio il primo meccanico spaziale, si chiama Mev-1

Avatar

Pubblicato

del

Pronto a partire il primo meccanico spaziale, il satellite Mev-1 (Mission Extension Vehicle): il lancio e’ previsto alle 12.17 dalla base russa di Baikonur (Kazakhstan). Il satellite, nato per iniziativa di una joint-venture di aziende americane, la Northrop Grumman, si aggancera’ al satellite ‘anziano’ per le telecomunicazioni, Intelsat 901, per dargli i suoi pannelli solari, prolungandone in questo modo la vita operativa di cinque anni. Quella di Mev-1 e’ la prima missione di manutenzione commerciale di un satellite e tentera’ il primo aggancio in assoluto tra due veicoli spaziali vicino all’orbita geostazionaria, a 36.000 chilometri, dove si trovano i satelliti per le telecomunicazioni. Il satellite partira’ con un razzo Proton insieme al satellite per le telecomunicazioni Eutelsat 5 West B costruito da Northrop Grumman e Airbus Defence and Space. Una volta in orbita, lo stadio superiore del razzo liberera’ i due satelliti che useranno i propri sistemi di propulsione per raggiungere le loro orbite. Mev-1 impieghera’ circa tre mesi e mezzo per raggiungerla perche’ usera’ principalmente la propulsione elettrica. Nel frattempo, i controllori di Intelsat invieranno i comandi affinche’ il satellite Intelsat 901 si sollevi di quasi 300 chilometri, per raggiungere la cosiddetta orbita del cimitero dei satelliti, dove si trovano quelli disattivati. L’incontro fra i due satelliti avverra’ probabilmente alla fine di gennaio.

Quando il ‘meccanico spaziale’ si trovera’ a un metro di distanza da Intelsat 901 lo afferrera’ con le dita meccaniche e si aggancera’ al suo motore principale, dandogli i suoi pannelli solari e assumendo il controllo dell’assetto. Questa operazione sara’ controllata dal centro di controllo di Northrop Grumman a Dulles, in Virginia, e di Intelsat nel vicino Tysons Corner. “Un comando da terra gli dara’ il permesso di procedere fino a un metro dal satellite e poi di agganciarsi. Quindi il satellite completera’ autonomamente la procedura di aggancio”, ha detto Joe Anderson, di Space Logistics, che gestisce i servizi di Mev-1. Dopo aver compiuto la sua missione, Mev-1 si sgancera’ per prolungare la vita di altri satelliti; e’ stato infatti progettato per agganciarsi e sganciarsi piu’ volte in 15 anni.

Continua a leggere

In rilievo