Collegati con noi

Cultura

Canzone di libertà contro il virus, l’incasso agli ospedali di Napoli: parole e musiche sono dei fratelli Bennato

Avatar

Pubblicato

del

Il compito di un artista è quello di raccontare la vita, restituendo emozioni attraverso le vibrazioni di voce e strumenti. I fratelli Bennato, Edoardo ed Eugenio, separati fisicamente ma uniti dalla musica, tornano insieme con “La realtà non può essere questa”, un inno alla vita nella sua fisicità e presenza, in un momento in cui il virtuale pare travolgere con forza ogni aspetto dell’esistenza. Le parole scritte da Eugenio sulla musica di Edoardo, descrivono la vita in questo tempo sospeso, con le contraddizioni di una rete che ci avvicina, annullando le distanze geografiche, ma che al tempo stesso rischia di trasformarsi nella nostra prigione. “La realtà non può essere questa” è una ballata classica in pieno stile bennatiano, con l’armonica e gli arpeggi di chitarra, che si avvicina per struttura a “Venderò”, “L’isola che non c’è” e “Pronti a salpare”. Un brano che parla di tutti noi e in cui tutti ci possiamo identificare: c’è la stanza, unico spazio abitato in questi mesi di clausura, la rete, il trionfo del virtuale. E il balcone, ultimo anelito di libertà e di contatto con il mondo esterno. I proventi del brano saranno devoluti all’Azienda Ospedaliera dei Colli di Napoli, impegnata in prima linea nella lotta al Covid-19.

Ci raccontate come nasce “La realtà non può essere questa”?

Edoardo: Io ed Eugenio siamo rimasti a casa, come tutti, ma in compagnia delle chitarre, nostre amiche fedeli. Io avevo questa ballata dylaniana e bennatiana, con armonica e arpeggio di chitarra. L’ho mandata ad Eugenio via mail ed è scattata una scintilla emotiva che l’ha portato a scrivere un testo bellissimo. Parla della realtà di questi mesi, della rete, che può essere protettiva ma al contempo diventare una prigione, dei balconi, punto di passaggio fra il chiuso delle stanze e il mondo esterno. E parla soprattutto delle chitarre che suonano da sole, con l’auspicio che in un futuro prossimo si possa tornare a suonare all’aperto, in mezzo alla gente. La musica è fantasia, trasmissione di energia propositiva, il nostro obiettivo è quello di trasmettere emozioni con la musica. 

Eugenio: La melodia di Edoardo ha suscitato in me queste immagini forti, che testimoniano la necessità di abbandonare tutto ciò che ha accompagnato la storia dell’uomo per secoli: l’incontro, la possibilità di comunicare in modo diretto. In questo senso il progresso digitale è senza dubbio il protagonista di questa storia, perché ha reso possibile la comunicazione virtuale, e di conseguenza ha reso possibile anche un provvedimento che non ha precedenti nella storia. Ho immaginato un musicista che si affaccia al balcone. Poi c’è un’altra immagine, contenuta non nel brano ma nel mio immaginario, che in qualche modo può rappresentare la lotta fra potere costituito e libertà individuale. Un ragazzo sta correndo lungo la spiaggia di Ostia. Ad un certo punto viene avvistato dalle forze dell’ordine, che gli vanno incontro cercando di bloccarlo. Il ragazzo incomincia a correre più forte e non riescono a prenderlo.

La rete da un lato avvicina annullando le distanze, dall’altro è una trappola in cui è facile restare invischiati. Vi spaventa la deriva di un mondo sempre più virtuale?

Edoardo: La ricerca scientifica e la tecnologia fanno parte dei sogni realizzati della famiglia umana. E’ chiaro che ci sono sempre pro e contro, la tecnologia deve essere al servizio dell’umanità, non viceversa. Nel testo si dice che la vita “canta la sua ribellione alla rete che diventa una prigione”. E’ la ribellione di correre più forte della schizofrenia della gente, della velocità della rete, e a volte anche dell’ordine costituito.

Eugenio: La tecnologia fa il suo corso e niente la può arrestare; il problema è legato a come viene utilizzata. Il potere economico tende a creare false necessità di tecnologie sempre più miniaturizzate; ogni sei mesi un iPhone diventa obsoleto e deve essere sostituito. La logica del profitto è molto pericolosa, non tiene conto della lentezza, del desiderio di farsi una passeggiata vicino al mare. Forse questa crisi ci può aprire gli occhi su questo problema.

Una riflessione sulla condizione della quarantena…

Edoardo: la parola quarantena mi faceva rabbrividire già tempo addietro, perché mi porta automaticamente a pensare a quell’isoletta al largo di Manhattan, in cui venivano isolati gli emigranti italiani che arrivavano in America all’inizio del secolo scorso. Pensavo che questa parola fosse stata eliminata dal nostro vocabolario, invece è riapparsa in modo implacabile, spettrale; però fa parte della nostra esperienza di vita vissuta. Potremo raccontare il periodo in cui l’umanità è stata costretta tutta in quarantena: sono i paradossi del cammino della famiglia umana.

Eugenio: La quarantena mi ha costretto qualche volta a guardare la televisione, che di solito non guardo mai. Nelle trasmissioni ci sono dibattiti di tutti i tipi, mi meraviglio che non si analizzi un fatto macroscopico avvenuto in Italia. Il rapporto fra le vittime in Campania e in Lombardia è di uno a quaranta, un dato eclatante. C’è da spiegare, attraverso la scienza e la statistica, come mai si sia verificato ciò, nonostante il lockdown si sia avuto in tutta Italia. In Lombardia però il Covid ha continuato ad infierire per due mesi, in Campania è stato contenuto. Senza alcuna rivendicazione campanilistica, è un dato di fatto che la scienza dovrebbe analizzare. 

Come avete vissuto questo periodo? Quali sensazioni avete provato in questo tempo sospeso?

Edoardo: C’è un aspetto che mi allarma. E’ dall’elaborazione dei dati e delle statistiche che si possono recuperare informazioni utili a rendere migliore il futuro. Ma questi dati non vengono analizzati né elaborati dalle istituzioni, è un segnale preoccupante. Sembra quasi che la gente comune sia stata costretta a pensare e a riflettere, ma le istituzioni no, o almeno non sembra che al momento ai piani alti abbiano le idee chiare sulla sanità e su altri problemi. C’è confusione, non si riesce a capire dai dati cosa è successo e cosa succederà.

Eugenio: Io ho provato un fortissimo desiderio di ritornare alla piazza, che per me, da musicista, è linfa vitale. Gli sguardi che si incrociano, le mani che vanno a tempo di musica. Questo è la cosa che mi manca di più in questo momento.

“Non basta vivere l’illusione di chitarre che suonano da sole nel silenzio di nessuna festa”, recita il testo della vostra canzone. Come immaginate la musica nel post-emergenza?

Edoardo: Credo che in questo momento l’attività dell’artista passi in secondo piano rispetto ad un problema fondamentale e prioritario, che è quello della salute collettiva. La situazione è schizofrenica, paradossale, speriamo che un miracolo di San Gennaro o di Sant’Ambrogio risolva il problema. Ci vuole soltanto un miracolo in questo momento e il cammino della salute umana va avanti anche a furia di miracoli.

Eugenio: Ci sono due possibilità: o la paura prevale e la gente stenta a ritornare in giro; oppure succede un fatto diverso, che già sto notando e che mi rincuora, cioè che ci sarà una grande voglia di ritornare a riabbracciarsi, addirittura superiore a prima. Ci muoviamo fra questi due poli estremi.

Com’è stato partecipare al concerto del Primo Maggio senza pubblico?

Edoardo: Non era il solito evento con decine di migliaia di ragazzi che arrivavano da tutta Italia per confrontarsi e stare insieme; è stato soltanto un appuntamento televisivo in cui ognuno suonava nel chiuso di una stanza. Il mio auspicio è che il prossimo Primo Maggio possa essere una festa collettiva in cui ci si incontra, si sta insieme, si balla a ritmo di musica.

Eugenio: Fino all’anno scorso, c’era grande contatto con la vita; questa volta c’era invece tanta tristezza, anche nelle scenografie. Io ed Edoardo abbiamo registrato in una stanza, gli altri in un teatro. Ma forse era meglio la nostra stanza, rispetto ad un teatro vuoto, che ha qualcosa di spettrale.

Vi rivedremo ancora insieme in futuro in qualche altro progetto?

Edoardo: Abbiamo imparato ad agire e reagire a seconda delle circostanze: la vita è sempre piena di imprevisti. Bisogna sempre essere attivi e propositivi, fronteggiando la situazione di ora in ora. Non sappiamo quando sarà possibile tornare a fare dei concerti, la situazione è molto confusa e noi ci muoviamo in base alle circostanze. Si naviga a vista.

Eugenio: Il primo progetto è quello di tornare alla musica live. Poi potrebbe anche darsi che a me e a Edoardo venga qualche altra idea. Non ci sono progetti precostituiti, ma la scintilla di un momento: Edoardo mi ha mandato la musica, io ho replicato con delle parole, ed è nata “La realtà non può essere questa”.

Advertisement

Cultura

Crisi post Covid 19, l’appello degli artigiani dell’Arte, condiviso dalla Scuola di Capodimonte

Avatar

Pubblicato

del

I rappresentanti del Tavolo Nazionale dell’Artigianato Artistico, preoccupati per il settore nel ‘dopo Covid, vogliono accendere i riflettori su questo settore specifico dell’economia italiana che richiede particolare attenzione.

Il grave stato di crisi attuale, conseguenza dell’emergenza Coronavirus, rischia di incidere negativamente, in modo molto pesante, sull’intero sistema economico, produttivo e imprenditoriale italiano, causando la perdita di migliaia di posti di lavoro.
In questo contesto complesso e preoccupante, il settore dell’artigianato artistico e tradizionale si trova purtroppo in una situazione di estrema fragilità, mettendo a rischio anche la sopravvivenza di un importantissimo patrimonio culturale, di tradizioni e di tecniche tramandate da secoli, che hanno contribuito in larga parte alla definizione del Made in Italy e dell’immagine dell’Italia nel mondo. I rappresentanti del Tavolo Nazionale dell’Artigianato Artistico, preoccupati per il settore nel ‘dopo Covid, vogliono accendere i riflettori su questo settore specifico dell’economia italiana che richiede particolare attenzione.

All’appello del Tavolo nazionale dell’Artigianato artistico formato dai soggetti sostenitori della Carta Internazionale dell’Artigianato, tra cui anche la storica Scuola della Porcellana e la Real Fabbrica di Capodimonte, questi ultimi chiedono di mettere in luce il saper fare degli artigiani, attraverso operazioni mirate e concrete. Il programma individua i punti fondamentali per dare nuova linfa agli imprenditori artigiani e far percepire al consumatore che l’Italia è una nazione ricca di una cultura che nessun altro Paese può vantare.

L’Istituto di indirizzo raro Caselli De Sanctis con Valter Luca De Bartolomeis, preside e designer, sostiene l’appello del Tavolo dell’artigianato, rivolgendosi alla politica, dunque, affinché non venga trascurato questo importantissimo patrimonio culturale ed economico che oggi è fortemente a rischio. La Carta Internazionale dell’Artigianato artistico è un documento programmatico lanciato già nel 2010 a livello nazionale e internazionale proprio per tutelare, promuovere e valorizzare il settore dell’artigianato artistico e tradizionale.

Ad oggi la Carta conta 59 tra promotori e sostenitori, tra cui 15 Regioni italiane, compresa la Regione Campania. Questo settore rappresenta un patrimonio immenso, che ha contribuito alla definizione del Made in Italy e dell’immagine dell’Italia nel mondo e che adesso si trova in una situazione di estrema fragilità a causa delle conseguenze del lockdown. In Campania abbiamo già ottimi segnali che arrivano da scelte chiare nelle politiche regionali. È il caso degli investimenti per gli “indirizzi rari” campani nei settori della porcellana, del corallo e dell’ebanisteria. Investimenti per valorizzare i percorsi educativi dei giovani, le competenze e le conoscenze tecniche e culturali negli ambiti artistici caratterizzanti le specificità territoriali, e per favorire il collegamento organico tra il mondo della scuola e le realtà imprenditoriali locali. Ora questo grande patrimonio nazionale vive una condizione di smarrimento. Insieme alla forte paura c’è però anche tanta voglia di fare. Forse non ne ho mai percepita tanta tra gli artigiani, dice il professor De Bartolomeis, da quando ho cominciato a seguire questo mondo. Non voglio quindi assumere posizioni catastrofiche, come ho già detto in molte occasioni, sono convinto che proprio questo sia il momento, l’occasione da non perdere per il rilancio del nostro migliore artigianato. Proprio per questo occorre essere tempestivi, bisogna intervenire subito e costruire strategie per la ripartenza. Insieme, perché da soli si è molto più deboli. Non lasciamo nessuno indietro! Apriamo subito dei tavoli tecnici di lavoro e puntiamo, questa è una mia preghiera convinta, sulla qualità, sulla ricerca e sulla formazione, fondamentali per poter crescere e per proiettarsi verso il futuro. Facciamolo soprattutto per i tanti giovani che si stanno formando, coltivando il sogno che questo mondo possa divenire, per loro, la vita!

#istitutoadindirizzorarocasellidesanctis

#casellirealfabbricadicapodimonte

#museoerealboscodicapodimonte

#unascuolanelbosco

#eccellezanapoletana

Continua a leggere

Cultura

Il grande Eduardo 120 anni dopo, gli esami non finiscono mai

Avatar

Pubblicato

del

”Ogni anno di guerra ha contato come un secolo della nostra vita di prima. Davvero non e’ piu’ il caso di tornare a quelle vecchie storie” disse al pubblico romano Eduardo De Filippo tornando a recitare nel 1945 subito dopo la Liberazione, annunciando di aver abbandonato le vecchie farse e il sodalizio col fratello Peppino. E aggiunse che ”Questi fantasmi” novita’ che debuttava quella sera, ”ha un primo atto che si riallaccia a quel genere: le conseguenze della guerra viste attraverso la lente della farsa. Ma dopo statevi attenti, e’ il dopo che conta!” Oggi, in questi giorni di pandemia mondiale, quelle parole ci risuonano con un loro rinnovato senso. Per Eduardo, nato il 24 maggio 1900, esattamente 120 anni fa, e quindi naturalmente chiamato a rappresentare commedie, tragedie e prese di coscienza di quel tormentato XX secolo, era finita l’epoca delle ”Cantate dei giorni pari”, dei giorni che ”ci illudevamo fossero sereni’, e iniziava quella delle ”Cantate dei giorni dispari” (come ha intitolato le raccolte dei suoi testi drammaturgici). Del resto, tra lavori comici come ”Chi e’ piu’ felice di me” o ”Natale in casa Cupiello” e ”Napoli Milionaria” e tutta la nuova produzione sino a ”Gli esami non finiscono mai” c’era stato l’incontro fondamentale con Pirandello, come grande interprete del ”berretto a sonagli” e col quale scrisse anche a quattro mani ”L’abito nuovo”, cosi’ che quel mondo di illusioni, di dolorosa comicita’, di scarto tra illusioni e realta’, di molteplicita’ di punti di vista e il ragionare dell’autore dei ”Sei personaggi”, viene decantato a suo modo in quella concretezza dei fatti, dei problemi e del vivere quotidiano propria del teatro di Eduardo. Certe risate finali di Eduardo sono la capacita’ del personaggio di vivere il paradossale assieme e dentro la propria infelicita’, mentre per i personaggi di Pirandello sono risate di chi si sente mancare la terra sotto i piedi davanti al grottesco rivelarsi della propria tragedia esistenziale.

Autore certo Eduardo, ma anche attore e regista e questa triade trova in lui un’unita’ particolare che e’ quella che lo rende interprete naturalissimo, quasi non recitasse, di quel che fa e dice, sin dal suo entrare in scena, come casualmente, con un gesto, uno sbadiglio un colpo di tosse o uno stupore che gli danno una vicinanza allo spettatore e propongono un gioco che sembra nascondere la finzione dietro, dentro la realta’. E tutto sempre aspettando un po’, puntando sulle sue celebri pause, i suoi silenzi vivi, silenzi interiori che trasudano tutto attorno a lui, creando un’atmosfera inquietante, allusiva, e che hanno fatto un grandissimo artista di questo signore magro, alto, col sopracciglio pronto a inarcarsi, ora ironico, ora stupito, ora sofferente e l’occhio interrogativo, curioso, come cercasse di capire il mistero del mondo contraddittorio che lo circonda. Questo ottenere il massimo col minimo era la sua grandezza di interprete che, per chi lo ha conosciuto, legano a lui in modo particolarissimo e assolutamente poetico i suoi testi, cosa che si capisce anche e persino dalle registrazioni televisive di alcune sue commedie, riandate in onda e proposte su Raiplay in questo periodo. Ma queste, nei quasi quarant’anni dalla sua scomparsa, hanno dimostrato di avere una forza e una verita’ propria che supera il tempo e certe letture tradizionali. Gia’ suo figlio Luca, scomparso improvvisamente a 67 anni nel 2015, aveva cominciato a permettere che altri registi vi ci si avvicinassero a modo loro.

Ora tutto e’ in mano ai suoi figli e alla moglie, l’attrice Carolina Rosi, che gestisce questa eredita’ con serieta’ e coraggio proprio nell’aprire Eduardo a chi sa scavarlo e trovare semi nuovi nelle sue storie di vita, nella verita’ delle sue situazioni esemplari e comuni assieme, senza mai un filo di retorica o una parola superflua. La sua e’ una drammaturgia dell’essenziale che sembra andare dritta al finale, che puo’ anche apparire ambiguo perche’ cosi’ e’, ma sempre nel nome di una morale, della giustizia e del valore dell’essere umano. Figlio naturale di un grande attore e autore napoletano, Eduardo Scarpetta, come i fratelli Titina e Peppino, con loro crea negli anni Trenta la Compagnia del Teatro Umoristico. Dopo la guerra da solo ecco invece il nuovo Teatro di Eduardo con una serie di titoli che divengono subito popolari, specchio dell’Italia disastrata e che rinasce, da ”Filumena Marturano” a ”Questi fantasmi” o ”Il sindaco del Rione Sanita”’.

Negli anni Cinquanta riapre a Napoli il Teatro San Ferdinando e il successo e’ continuo, internazionale e con tanti i riconoscimenti come il prestigioso Premio Accademia dei Lincei, due lauree Honoris causa e la nomina a Senatore a vita (fu nel gruppo Sinistra indipendente) nel 1981 da parte del Presidente Pertini. Del resto, accanto alla sua corda pazza artistica e’ stata sempre viva la corda civile e il suo impegno sociale, come dimostrano negli anni le sue nette prese di posizione politiche pubbliche, anche se alla fine non nascondeva una certa disillusione. ”Questi partiti politici lontani dalla nostra vita, divenuti fantasmi anche loro – disse con bella preveggenza un anno prima di morire nel 1984, parlando di ”Questi fantasmi” – e chissa’ che non siano riusciti a convertire anche tutti noi in fantasmi”.

Continua a leggere

Cultura

Teatro, un francobollo per ricordare Eduardo De Filippo

Avatar

Pubblicato

del

Drammaturgo, attore, poeta, regista, protagonista della cultura italiana del ‘900: e’ Eduardo De Filippo, ricordato oggi con un francobollo emesso per i 120 anni dalla nascita avvenuta a Napoli il 24 maggio del 1900. Il francobollo, valido per la posta ordinaria diretta in Italia, mostra un ritratto di profilo di Eduardo sullo sfondo di un sipario. Figlio d’arte (il padre naturale era il commediografo e attore Eduardo Scarpetta) Eduardo De Filippo e’ cresciuto, assieme ai fratelli Titina e Peppino, nell’ambiente teatrale. Per i suoi meriti artistici e’ stato nominato senatore a vita nel 1981.

Tra le opere piu’ famose figurano ”Napoli milionaria”, ”Questi fantasmi”, ”Il sindaco del rione Sanita”’, ”Natale in casa Cupiello”, ”Filumena Marturano”, ”Gli esami non finiscono mai”. E’ morto a Roma nel 1984. Il testo del bollettino illustrativo del francobollo e’ stato firmato da un membro della famiglia, Tommaso De Filippo: Eduardo – scrive – ha portato ”sul palcoscenico storie quotidiane diventate metafora della commedia umana a volte tragica a volte comica ma sempre intrisa di speranza, di pietas; trasformando Napoli e la napoletanita’ in simbolo universale che travalica tempi e spazi”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto