Collegati con noi

In Evidenza

Buon compleanno a Monica Vitti, l’attrice compie 88 anni

Avatar

Pubblicato

del

Monica Vitti, romana de Roma, attrice tra le più brave ed espressive, ha compiuto oggi 88 anni. La signora Maria Luisa Ceciarelli nota come Monica Vitti è senza dubbio tra le più famose attrici del cinema italiano. La sua caratteristica voce roca e l’innata verve l’hanno accompagnata per quasi quarant’anni di carriera cinematografica, dalle sue interpretazioni drammatiche nella “tetralogia dell’incomunicabilità” di Michelangelo Antonioni(L’avventura, La notte, L’eclisse e Deserto rosso) che le diedero fama internazionale, a quelle in ruoli brillanti (da La ragazza con la pistola a Io so che tu sai che io so) che la fecero considerare l’unica “mattatrice” della commedia all’italiana, tenendo ottimamente testa ai colleghi Alberto Sordi, Ugo Tognazzi, Vittorio Gassman e Nino Manfredi. Ha ottenuto numerosi premi, tra cui cinque David di Donatello come migliore attrice protagonista (più altri quattro riconoscimenti speciali), tre Nastri d’Argento, dodici Globi d’oro (di cui due alla carriera), un Ciak d’oro alla carriera, un Leone d’oro alla carriera a Venezia, un Orso d’argento alla Berlinale, una Concha de Plata a San Sebastián e una candidatura al premio BAFTA.

Di lei da anni si sa poco e niente. A lungo si è parlato di un suo ricovero per presunti problemi di salute. Era una voce che però fu smentita dal marito di lei, il fotografo e regista di scena Roberto Russo (con cui Monica Vitti si è sposata il 28 settembre del 2000 in Campidoglio dopo 27 anni di fidanzamento). Le ultime apparizioni della Vitti risalgono agli inizi del secolo: il 15 giugno del 2000 Monica Vitti ha partecipato al party per gli 80 anni di Alberto Sordi, con cui più volte si era trovata piacevolmente a lavorare, il 24 dello stesso mese la diva era poi ai festeggiamenti della sceneggiatrice Suso Cecchi D’Amico per la consegna dei Globi D’Oro a Cinecittà. Quello stesso anno era nella Basilica di San Pietro in Vaticano per il Giubileo. Nell’aprile del 2001 arrivò al Quirinale proprio per la consegna dei David di Donatello. L’ultima volta che si è mostrata in pubblico è stata a marzo del 2002 alla prima teatrale italiana di Notre-Dame de Paris. Quello stesso anno è stata paparazzata dapprima in giro per le vie di Roma e poi a Sabaudia, in compagnia del marito. Il 6 novembre del 2003 è stata resa pubblica la notizia di un ricovero in ospedale della Vitti per una frattura al femore. Da allora nessuna foto né intervista dell’attrice. Ogni tanto qualche idiota mette in giro sul web la falsa notizia della sua morte. A Monica Vitti lunga vita e salute da Juorno.it

Advertisement

In Evidenza

Cancro, la terapia rivoluzionaria del professor Ascierto

Avatar

Pubblicato

del

“Sulla base delle prime sperimentazioni non ho difficoltà a dirlo: questa terapia può rappresentare una svolta epocale nella lotta al cancro” questo è quanto sostiene Paolo Ascierto, direttore dell’unità di Oncologia sperimentale, melanoma, immunoterapia e terapie innovative dell’Istituto nazionale tumori di Napoli ‘G. Pascale’. Ascierto non è un ricercatore che usa paroloni inutili, è morto pragamatico e non eccede in facili entusiasmi. E però la comunità scientifica sta valutando con rigore e serietà le ‘Car-T’, termine inglese che sta per Chimeric antigen receptor T-cell. Proviamo a spiegare. Il nostro sistema immunitario, che ci difende da cellule estranee o pericolose, a volte, a causa di meccanismi di evasione messi in atto da alcune di queste cellule, non è in grado di proteggerci perché non le riconosce come cattive. Le cellule tumorali sono infatti normali cellule dell’organismo che vanno incontro a modifiche genetiche che le consentono di eludere il meccanismo immunitario che quindi non sa riconoscerle come pericolose.

Le Car-T sono linfociti T (cellule) geneticamente ingegnerizzati che, esponendo sulla loro superficie un recettore specifico, insomma dotandosi di una ‘spia’, riescono finalmente a riconoscere le cellule tumorali come un pericolo per l’organismo e, di conseguenza, ad ucciderle. Questi linfociti T sono definiti ‘chimerici’ perché costituiti da due componenti: una porzione che riconosce il target tumorale, quindi i nostri nemici, e una porzione che permette loro di attivarsi contro questi nemici, come dei veri killer ‘buoni’. I risultati ottenuti con l’utilizzo dei CAR-T in ematologia, stanno aprendo la strada alla sperimentazione clinica su altri tipi di tumore, come mammella, pancreas, polmone, cervello, testa e collo. Anche di questo abbiamo discusso la scorsa settimana al Congresso AIOM, nel corso della “Sessione speciale CAR-T: dall’ematologia all’oncologia?”. Si raccolgono le prime evidenze e si riconoscono le principali limitazioni sui cui focalizzare le ricerche future…il meglio deve ancora arrivare!

Continua a leggere

In Evidenza

Quantum Stealth, non è il mantello di Harry Potter ma è materiale che rende invisibile

Avatar

Pubblicato

del

Probabilmente per avere il mantello dell’invisibilità di Harry Potter ovviamo aspettare ancora un poco. Ma un materiale che rende invisibili è stato realizzato e funziona. Lo produce la Hyperstealth Corp, un’azienda canadese di tute mimetiche, e lo sta testando. Ed i test danno risultati incredibili. Le immagini  che vedete qui sotto sono state diffuse dalla azienda.

Il materiale flessibile che può rendere invisibili oggetti e persone è stato battezzato “Quantum Stealth”: è un foglio lenticolare capace di deviare la luce e dunque rendere invisibile quello che si nasconde dietro. Il prototipo è stato testato per oscurare oggetti, funziona di giorno e di notte e può essere impiegato per nascondere mezzi militari e navi. Dunque per ora l’impiego potrebbe essere  solo quello bellico. “Non solo nasconde un bersaglio nello spettro visibile, ma funziona anche nell’ultravioletto, nell’infrarosso e nell’infrarosso ad onde corte. Blocca lo spettro termico, rendendolo un vero “mantello dell’invisibilità”, sottile come la carta ed economico», spiega Guy Cramer, ceo di HyperStealth, che promette che “tra meno di un anno vedremo le prime applicazioni pratiche”.

 

Continua a leggere

Esteri

Silvia Romano è viva ma è in mano ad un gruppo islamista legato ad Al-Shabab in Somalia

Avatar

Pubblicato

del

Sarebbe tenuta sotto sequestro in Somalia da un gruppo islamista legato ai jihadisti di Al-Shabaab. Potrebbe essere questa la situazione in cui si trova Silvia Romano, la cooperante milanese rapita in Kenya il 20 novembre dello scorso anno e poi trasferita in territorio somalo. Questo è quanto emerge dagli sviluppi dell’indagine della Procura di Roma e dei carabinieri del Ros che da tempo sono sul territorio keniota e cooperano con le autorità di Nairobi. Gli inquirenti stanno valutando l’ipotesi di inviare una rogatoria internazionale alle autorità somale per avviare forme di collaborazione e cooperazione anche in quel territorio. Gli elementi più significativi raccolti dai carabinieri del Raggruppamento operativo speciale, coordinati dal sostituto procuratore Sergio Colaiocco, dopo le trasferte in Kenya, hanno rafforzato la convinzione che la Romano si trovi in Somalia e dall’analisi dei documenti messi a disposizione dalle autorità kenyote la ragazza si troverebbe in una area del Paese dove gravitano milizie locali legate al gruppo terroristico di matrice islamica. La buona notizia che emerge da queste ultimissime novità è che Silvia Romano è viva e potrebbe essere merce di scambio.

Continua a leggere

In rilievo