Collegati con noi

Corona Virus

Boom di contagi in Italia, 200 solo in Veneto: il Cts preoccupato per la curva del virus

Avatar

Pubblicato

del

I nuovi casi di coronavirus sono piu’ che raddoppiati in tre giorni in Italia – 386 nelle ultime 24 ore -, risalgono ricoverati e pazienti in terapia intensiva e il Comitato tecnico scientifico (Cts) fa trapelare “preoccupazione per l’evoluzione della curva”. “La battaglia non e’ vinta, nemmeno in Europa”, dice il ministro della Salute Roberto Speranza, che pensa ai dati internazionali della pandemia, ai segnali negativi da Francia, Spagna e Germania, e torna a insistere sulla “forza della prudenza”. Il presidente del Veneto Luca Zaia intanto chiede “pieni poteri alle Regioni” per la gestione dell’emergenza Covid-19. Ma e’ proprio dal Veneto che arrivano le brutte notizie di giornata: 200 casi in piu’ da ieri pomeriggio, 131 i positivi solo in un centro di accoglienza per migranti nel Trevigiano (su 330 ospiti). E’ il focolaio piu’ grande scoperto in un colpo solo dopo la fine del lockdown. I casi sono tutti asintomatici e spingono il totale nazionale, al quale la Lombardia contribuisce con 88 casi, la Sicilia con 39 (di cui 28 migranti nell’Agrigentino), l’Emilia Romagna con 35. Le regioni senza nuovi contagiati sono appena 5: Umbria, Sardegna, Valle d’Aosta, Molise e Basilicata. Una situazione da monitorare, pur tenendo conto di quasi 62 mila tamponi fatti, ben oltre la media del periodo. Per converso le vittime dal giorno precedente sono solo 3 (di cui 2 in Emilia Romagna e uno nel Lazio), il livello piu’ basso dagli inizi dell’epidemia, gia’ toccato il 19 luglio. Aumentano di ben 765 unita’ i guariti, ormai vicini a quota 200 mila. Intanto pero’ risale il numero dei pazienti in rianimazione, che passano da 38 a 47 (+9). In aumento anche i ricoverati con sintomi (+31), che sono ora 748. Le persone in isolamento domiciliare sono 11.435 (-412), gli attualmente positivi 12.230 (-386). Da analizzare il dato della Campania, che vede quasi raddoppiare i ricoveri (da 26 a 49) e un aumento di 5 unita’ nelle terapie intensive, che ospitano ora 6 persone. Un aumento seppure lieve (2,3%) dei ricoverati con sintomi – la prima volta da inizio aprile, dopo quasi quattro mesi di costante calo – viene rilevato dalla Fondazione Gimbe nel suo monitoraggio indipendente sulla settimana 22-28 luglio. Nei sette giorni considerati ci sono stati invece il 23% in piu’ di nuovi casi rispetto alla settimana precedente, a fronte di un leggero aumento del numero di tamponi diagnostici; in dettaglio, +328 nuovi casi, +361 “attualmente positivi”. Aumento di casi e di ricoverati per Gimbe sono “due spie rosse” da tenere d’occhio. La percentuale dei positivi rispetto ai tamponi fatti in Italia e’ cresciuta in 2 settimane da 0,45 a 0,62, sempre su livelli bassi, ma in costante salita, in base ai dati del ministero della Salute. Secondo fonti del Cts i numeri degli ultimi giorni “destano preoccupazione e richiedono la massima attenzione”. “Il trend dei contagi e’ in crescita – aggiungono – ed esiste il rischio che la situazione possa sfuggire di mano come in altri paesi europei ed extraeuropei”. Quindi misure di prevenzione, dal distanziamento sociale all’uso della mascherina fino al divieto di assembramento, raccomandano ancora gli esperti. Il ministro Speranza, comunque, fa sapere che valutera’ “con massima attenzione le proposte di ricongiungimento familiare binazionale” da Paesi come la Romania e la Bulgaria sottoposti a ordinanze molto stringenti sugli arrivi. Le buone notizie vengono dal fronte vaccino, con risultati incoraggianti nella sperimentazione del Beth Israel Deaconess Medical Center e dell’azienda Johnson&Johnson. Negli studi pre-clinici sui macachi il vaccino Ad26 ha indotto elevati livelli di anticorpi neutralizzanti, non e’ stata rilevata la presenza del virus nelle basse vie respiratorie, ed e’ riuscito a prevenire infezioni successive, proteggendo i polmoni.

Advertisement

Corona Virus

Coronavirus, troppi contagi: scatta una mini ‘zona rossa’ a Sant’Antonio Abate, nel Napoletano

Avatar

Pubblicato

del

– Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, con una ordinanza che sara’ firmata entro stasera, ha istituito una mini zona rossa nel Napoletano. La decisione e’ scattata dopo “il numero elevato di contagi registrati in una struttura ricettiva di Sant’Antonio Abate”.

Continua a leggere

Corona Virus

I contagi risalgono, pronto un piano per l’autunno: sono 4 gli scenari possibili

Avatar

Pubblicato

del

Ricoveri in aumento, con una nuova impennata di contagi. Ma e’ gia’ pronto un piano anti-Covid per l’autunno, che prevede quattro diversi scenari. E alle porte del Ferragosto Regioni e Comuni corrono ai ripari con ulteriori restrizioni anti-movida, per scongiurare cluster provocati da assembramenti in occasione degli eventi estivi, soprattutto in localita’ turistiche. Preoccupazioni che si aggiungono ai casi di contagio emersi dopo il rientro da vacanze all’estero, che mettono in allarme i territori: in Emilia Romagna il governatore firmera’ in queste ore un’ordinanza che prevede l’obbligo del tampone per chi torna da Spagna, Grecia e Malta. La disposizione punta ad anticipare il provvedimento nazionale sui test rapidi a chi rientra dai Paesi a rischio, per i quali si aspetta la validazione del ministero, in attesa delle verifiche tecniche sulla validita’ dei tipi tamponi proposti. Resta sullo sfondo invece la polemica dopo le reazioni alle dichiarazioni del premier Conte, il quale nei giorni scorsi aveva spiegato di non ritenere che il vaccino “debba essere obbligatorio”. Matteo Renzi ha annunciato una raccolta di firme affinche’ il vaccino non sia soltanto facoltativo. Sull’argomento il ministro Speranza aveva gia’ espresso la sua posizione, consigliandolo fortemente e senza mai parlare di obbligo. Ma per la prevenzione si lavora anche su altri fronti. Per contenere il virus nei prossimi mesi e’ pronto un piano del ministero della Salute e dell’Iss, pronti a contromisure a seconda dell’evoluzione della pandemia nel Paese. Si va da una “Situazione di trasmissione localizzata, ovvero la presenza di focolai, sostanzialmente invariata rispetto ad oggi”, a una “Situazione di trasmissibilita’ sostenuta e diffusa ma gestibile dal sistema sanitario, a una “Situazione di trasmissibilita’ sostenuta e diffusa con rischi di tenuta del sistema sanitario, fino ad arrivare a una “Situazione di trasmissibilita’ non controllata con criticita’ nella tenuta del sistema sanitario, con valori di Rt regionali sistematicamente e significativamente maggiori di 1.5. Per ogni scenario sono previste diverse azioni, che per quello piu’ pessimista possono arrivare al “trasferimento interregionale dei pazienti” e all'”adattamento a scopo di ricovero di strutture che in ordinario non sono adibite a tale utilizzo”. Il documento contiene anche una ‘checklist’ per le regioni, “per valutare il livello di preparazione dei sistemi sanitari. In vista di elezioni e referendum a settembre e’ stato anche varato un Protocollo Salute-Interno, che prevede accessi contingentati agli edifici che ospitano i seggi, percorsi distinti di entrata e di uscita, rigide misure di distanziamento e obbligo di mascherina per tutti. Contromisure e timori sono alimentati anche dall’ultimo bollettino: 412 i nuovi casi registrati in un giorno, che fanno salire a 251.237 il numero delle persone che hanno contratto il virus. Le sei vittime in piu’ in 24 ore portano il totale dei decessi a 35.215. Stavolta a guidare la lista dei nuovi aumenti e’ per la prima volta la Sicilia, con 89 nuovi casi. Continuano a salire anche i numeri degli attualmente positivi, dei pazienti ricoverati nelle terapie intensive e quelli con sintomi negli altri reparti degli ospedali. Numeri tutti in risalita, in gran parte dovuti ai nuovi focolai che vedono i giovani bersaglio del Covid, spesso traditi dagli assembramenti della movida. Nelle ultime ore il virus ha seminato diversi contagi nelle discoteche, tanto che in Sardegna anche quelle outdoor saranno chiuse e decine di serate gia’ programmate nei locali delle localita’ piu’ gettonate dovranno saltare nella settimana di Ferragosto. Tamponi a tappeto a Carloforte, l’isola sulla costa sud occidentale della regione, dove una cinquantina di persone sono in isolamento dopo i primi casi positivi tra i ragazzi che avevano frequentato discoteche e feste private. Episodi che si aggiungono a quello di Castelfiorentino (Firenze), con quattro nuovi casi di positivita’ riscontrati, tra cui tre persone che avevano partecipato a una festa privata fuori provincia, che si e’ rivelata un focolaio. Si sta monitorando anche la vicenda del contagio di una 18enne di Pisa che aveva frequentato una discoteca a Marina di Pietrasanta (Lucca). Agli episodi sono seguite una serie di restrizioni in diversi territori: a Vercelli, dopo la segnalazione di un focolaio nella citta’, sono stati annullati tutti gli eventi di Ferragosto. Stop a bivacchi e falo’ nel giorno piu’ caldo dell’anno anche in alcune localita’ marine come Agropoli, sulla costa cilentana, con multe fino a 500 euro per i trasgressori. E prosegue la scia di positivi dopo i rientri dalle vacanze. Vengono definiti “di importazione” dieci casi di queste ultime ore nel Lazio, tra questi anche giovani di ritorno da Ibiza e Corfu’. Il rischio di focolai non e’ legato soltanto a movida e vacanze. Sono 200 le persone che dovranno sottoporsi al tampone nel Reatino, dopo aver partecipato ad un funerale a cui era presente anche una persona positiva. Al centro meccanico di smistamento delle Poste di Palermo invece due dipendenti risultano contagiati ed ora in 50 sono in isolamento.

Continua a leggere

Corona Virus

Coronavirus in Campania: 23 contagiati, 18 guariti e un decesso

Avatar

Pubblicato

del

In Campania la situazione contagio è, nonostante i numeri, ancora sotto controllo. Oggi il rapporto tra guariti e contagiati è negativo perchè a fronte dei 18 guariti dal virus ce ne sono 23 di campani che hanno scoperto di aver contratto il covid 19. Per fortuna nessuno di loro è in condizioni cattive, nessuno per ora ha necessità di essere ospedalizzato. C’è, purtroppo, da registrare anche un decesso. E queste sono le notizie che non vorremmo mai dare. Il totale dei decessi in Campania, regione dove risiedono quasi 6 milioni di persone, è da marzo, cioè dall’esplosione della pandemia, di 440 persone decedute per il covid 19.

In ogni caso ecco il bollettino di oggi, 11 agosto. Sono dati relativi alle 23,59 del giorno precedente.

Positivi del giorno: 23
Tamponi del giorno: 1.142
 
Totale positivi: 5.114
Totale tamponi: 351.505
 
​Deceduti del giorno: 1
Totale deceduti: 440
 
Guariti del giorno: 18
Totale guariti:  4.272

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto