Collegati con noi

Economia

Bezos é l’uomo più ricco del mondo, l’ex moglie é la quarta paperona. Con “soli” 25,5 miliardi i Ferrero sono 34esimi in classifica

Avatar

Pubblicato

del

Nonostante il costoso divorzio dalla sua ex socia e moglie Jeff Bezos, il patrón di Amazon,  si conferma l’uomo più ricco del mondo. Ma nell’esclusivo club dei “Paperoni” con più di 100 miliardi di dollari avviene una storica “rivoluzione”: per la prima volta in sette anni, Bill Gates perde il secondo posto retrocedendo al gradino più basso del podio. A superarlo è il “re del lusso”, il francese Bernard Arnault. A sancire lo storico sorpasso è l’indice dei miliardari di Bloomberg.

Bezos resta il leader incontrastato dei “Paperoni” mondiali con 125 miliardi di dollari grazie ad Amazon e alla rivoluzione nello shopping che è riuscita a innescare. Il numero uno dell’azienda di e-commerce riesce a mantenere la vetta della classifica nonostante un divorzio costatogli 38 miliardi di dollari e che ha reso l’ex moglie, MacKenzie Bezos, la quarta donna più ricca al mondo.

L’ascesa di Arnault é da record. Il francese con 107,6 miliardi conquista la medaglia d’argento: la sua fortuna è pari al 3% del pil francese. La scalata fra i miliardari mondiali è legata al suo gruppo del lusso Lvmh, di cui fanno parte alcuni dei marchi più prestigiosi al mondo, dalla moda ai vini passando per la gioielleria. Arnault e la sua famiglia sono fra i grandi nomi francesi che si sono impegnati a facilitare la ricostruzione della cattedrale di Notre Dame con un assegno da 650 milioni di dollari. Un assegno munifico che vale però anche uno sconto altrettanto munifico sul pagamento delle tasse. Amante dell’arte Arnault ha un’ampia collezione contemporanea che include pezzi di Jean-Michel Basquiat, Damien Hirst, Maurizio Cattelan, Andy Warhol e Pablo Picasso.

Il “declino” di Bill Gates fa rumore.  L’ascesa del re del lusso relega Gates, il fondatore di Microsoft, in terza posizione. Gates sarebbe ancora l’uomo più ricco del mondo se non avesse donato 35 miliardi di dollari in beneficenza alla Bill and Melinda Gates Foundation. Filantropía che accompagna molte scelte di Gates in questi anni. Nella top ten dei “Paperoni” mondiali figura in quarta posizione Warren Buffett, seguito da Mark Zuckerberg e Amancio Ortega, il patron di Zara. Larry Page di Google è settimo, mentre il tycoon messicano delle telecomunicazioni Carlos Slim è nono. Solo al 34esimo posto incontriamo un italiano. Anzi, una famiglia italiana.
La famiglia Ferrero è la prima italiana in classifica con una fortuna di appena 25,5 miliardi di dollari. Una ricchezza, quella della famiglia Nutella, superiore ai 23,5 miliardi di Elon Musk, il visionario alla guida di Tesla e SpaceX, che si piazza in 39esima posizione. Al 43esimo posto Leonardo del Vecchio con 21,7 miliardi. Un tempo di Del Vecchio si occupavano di occhiali. Ora ha molti interessi.

Advertisement
Continua a leggere

Economia

Sul mercato 200 immobili Invimit, l’obiettivo del Tesoro è incassare 110 millioni

amministratore

Pubblicato

del

Nuova mossa del Tesoro per dare attuazione al piano di cessione degli immobili pubblici che, negli obiettivi indicati dal governo Conte a dicembre al termine della trattativa con l’Unione europea, porterà all’erario 950 milioni quest’anno per arrivare a 1,2 miliardi da qui al 2021. Invimit, societa’ partecipata al 100% dal Ministero dell’Economia, ha appena messo sul mercato 200 immobili pubblici – abitazioni, negozi e uffici – acquistabili fino al 20 settembre da privati e imprese, per un valore di oltre 100 milioni di euro. La vendita riguarda 8 citta’: Roma, Firenze, Palermo, Bologna, Pisa, Firenze, Trieste e Sabaudia. Il processo di asta e’ innovativo e prevede l’identificazione di notai incaricati dalla stessa Invimit per offrire supporto e ricevere sia le offerte di acquisto che eventuali rilanci. Tutti gli immobili sono ‘in vetrina’ sul sito della societa’, con indirizzo, metratura e dettagli, accompagnati dalle istruzioni per partecipare alle aste. L’operazione rientra nel piano di dismissioni nazionale che affida alla Sgr del Tesoro un obiettivo complessivo di 610 milioni di euro, di cui 500 attraverso la commercializzazione di quote di fondi immobiliari a investitori istituzionali ed altri 110 milioni attraverso appunto la vendita diretta di asset. La Sgr si occupa della valorizzazione di immobili di provenienza pubblica conferiti ai fondi immobiliari di propria gestione, per un importo di 1,6 miliardi di euro. La vendita di unita’ immobiliari e’ parte di una strategia piu’ ampia che punta anche alla razionalizzazione dei portafogli. Invimit e’ una delle tre gambe del piano complessivo: le altre due sono l’Agenzia del Demanio e il ministero della Difesa. La prima, gia’ attiva dall’inizio dell’anno con attivita’ di cessione che coinvolgono altri 1.200 beni di valore minore, ha pubblicato a luglio il primo bando per la vendita diretta di 420 immobili e terreni di proprieta’ dello Stato per un valore pari a 420 milioni di euro. Circa 40 unita’ immobiliari sono state invece individuate nell’ambito di quelle in uso alla Difesa, per un valore stimato di 160 milioni di euro.

Continua a leggere

Economia

Tenaris: appalto da 1,9 miliardi dollari negli Emirati Arabi

Avatar

Pubblicato

del

Il gruppo Tenaris ha ottenuto da Abu Dhabi National Oil Company (Adnoc) un contratto quinquennale per la fornitura di tubi e servizi per un valore di 1,9 miliardi di dollari. Lo rende noto la societa’ evidenziando che “l’accordo puo’ essere prolungato per altri due anni”. L’accordo fa parte di un’iniziativa di Adnoc volta a garantire soluzioni di “approvvigionamento intelligenti – e’ scritto in una nota – che aggiungono valore alla sua attivita’ di perforazione di petrolio e gas a monte e promuovono investimenti e servizi interni”. Il presidente di Tenaris, Gabriel Podskubka, si e’ detto soddisfatto e pronto a supportare “Adnoc con prodotti e servizi di alta qualita’ per il loro ambizioso programma di perforazione. Siamo molto lieti di vedere riconosciuto il valore che possiamo apportare con le soluzioni Rig Direct in cui collaboriamo a stretto contatto con i clienti, contribuendo a operazioni piu’ sicure ed efficienti”.

Continua a leggere

Economia

Hasbro compra Peppa Pig e Pj Mask per 4 miliardi di dollari

Avatar

Pubblicato

del

Hasbro acquista PJ Mask – Super Pigiamini. Il colosso dei giocattoli compra Entertainment One per circa 4 miliardi di dollari, in quella che e’ una delle maggiori acquisizioni della sua storia. La transazione, tutta in contanti, amplia il portafoglio di Hasbro, nel quale vanno a confluire molti brand internazionali. Oltre a PJ Mask fa capo a Entertainment One anche Pegga Pig.

Continua a leggere

In rilievo