Collegati con noi

Politica

Autostrade, Luciano Benetton si traveste da vittima e indica Di Maio come nemico

Avatar

Pubblicato

del

Quella che leggerete di seguito è una lettera di Luciano Benetton sulla gestione di Autostrade. Una lettera in cui uno dei fratelli Benetton sostiene di sentirsi anche lui vittima di errori, omissioni, imbrogli, collusioni ed altre
schifezze del management di Autostrade. Luciano Benetton dice che “le notizie su omessi controlli o falsi report, ci colpiscono e sorprendono come il resto dell’opinione pubblica. Come famiglia ci riteniamo parte lesa. Di sicuro ci assumiamo la responsabilità di aver contribuito ad avvallare un management che si è dimostrato non idoneo”. Ora con tutto il rispetto per la famiglia Benetton, se si sentono davvero parte lesa in questa vergognosa vicenda di Autostrade, se credono nelle cose che scrivono, sarebbe il caso che si ricordassero che quegli errori, omissioni, colpe o comportamenti dolosi del management che hanno contribuito a scegliere hanno causato stragi. Non solo il massacro di 43 inermi cittadini finiti sotto le macerie del Ponte Morandi. Ci permettiamo di ricordare, con rispetto, alla famiglia Benetton, anche i 40 morti del viadotto dell’Acqualonga e le tante piccole stragi sulle autostrade italiane, non sempre gestite da loro ma che comunque sono manutenute in modo da risparmiare a discapito della sicurezza. Insomma vorremmo ricordare ai Benetton quei tanti “qualche morto ogni tanto” in giro per l’Italia. Ora, assumersi le proprie responsabilità significa non mandare solo lettere ai giornali (che spesso controllano),  pagare giornali per pubblicare lettere in cui raccontano i loro travagli interiori. No, dovrebbero auto-revocarsi la Concessione delle Autostrade che non hanno saputo gestire. Pagare, risarcire i danni inestimabili che hanno provocato i signori del management che anche loro hanno scelto. Cominciare a pagare centinaia di migliaia di euro per far pubblicare ai giornali non più e non solo il dispiacere e l’amarezza della famiglia Benetton ma le scuse agli italiani per que management vergognoso  che loro hanno scelto. Uno dei manager, peraltro, se ne è andato con una buonuscita di 19 milioni di euro. Per i servigi resi. Ecco, sarebbe bello se i Benetton cominciassero a fare questo. A chiedere scusa e a pagare i danni. Ed è poi brutto che un imprenditore importante come Luciano Benetton, che ha una marea di interessi anche in campo editoriale, indichi un ministro della Repubblica, Luigi Di Maio, come nemico della famiglia. Di Maio fa il suo mestiere-dovere. I suoi attacchi ad Autostrade e ai Benetton non sono mai frutto di odio personale ma di avversione politica ad un sistema delle Concessioni che non funziona. È brutto che Luciano Benetton “fissi” la sua attenzione su Di Maio.
La lettera che pubblichiamo di seguito l’abbiamo presa da Repubblica.

Gentile Direttore,

Trovo necessario fare chiarezza su un grande equivoco, nessun componente la famiglia Benetton ha mai gestito Autostrade. La famiglia Benetton è azionista al 30 per cento di Atlantia che a sua volta controlla la società Autostrade. Atlantia è una azienda quotata in borsa che ha il 70 per cento di azionisti terzi nazionali e internazionali, tra cui sono presenti importanti fondi sovrani e investitori a lungo termine, che nulla hanno a che vedere con la famiglia Benetton.

Le notizie di questi giorni su omessi controlli, su sensori guasti non rinnovati o falsi report, ci colpiscono e sorprendono in modo grave, allo stesso modo in cui colpiscono e sorprendono l’opinione pubblica. Ci sentiamo feriti come cittadini, come imprenditori e come azionisti. Come famiglia Benetton ci riteniamo parte lesa. Di sicuro ci assumiamo la responsabilità di aver contribuito ad avvallare la definizione di un management che si è dimostrato non idoneo, un management che ha avuto pieni poteri e la totale fiducia degli azionisti e di mio fratello Gilberto che per come era abituato a lavorare, di sicuro ha posto la sicurezza e la reputazione dell’azienda davanti a qualunque altro obiettivo. Sognava che saremmo stati i migliori nelle infrastrutture.

Non cerco indulgenza per Autostrade, chi ha sbagliato deve pagare, ma quello che trovo inaccettabile, è la campagna di odio scatenata contro la nostra famiglia, con accuse arrivate da subito e che continuano tutt’ora con veemenza da parte di esponenti del governo, come l’onorevole Di Maio, che addita la famiglia come fosse collusa nell’aver deciso scientemente di risparmiare sugli investimenti in manutenzioni. In pratica come fosse malavitosa. Questo è inaccettabile, chi ci conosce sa come lavoriamo, basta guardare i risultati ottenuti con Autogrill o l’aeroporto di Roma, due realtà che sono diventate leader a livello internazionale. Siamo azionisti di lungo periodo che si sono sempre posti come obiettivo la crescita del valore delle aziende tenuto conto dell’interesse di tutti, utenti, clienti, lavoratori, investitori e azionisti.

Non cerco giustificazioni, da quanto sembra l’organizzazione di Autostrade si è dimostrata non all’altezza, non è stato mantenuto il controllo necessario su tutti i settori di un sistema così complesso. Una struttura è fatta di uomini e qualche mela marcia può celarsi dappertutto. Leggere di intercettazioni tra tecnici che falsificano delle relazioni è inconcepibile, a chi giova mettere a rischio le strutture? A chi? Per risparmiare cosa? Quando il rischio è tale che qualsiasi risparmio ne verrebbe annientato, come dimostra il caso del ponte Morandi. È una domanda a cui non riesco a rispondere.

Noi ci auguriamo che la giustizia faccia il suo corso con rapidità e si possano finalmente dare risposte chiare a tante domande. Nel frattempo mi appello alle istituzioni e ai media affinché trovino il giusto linguaggio per trattare questi argomenti, la scelta del capro espiatorio da linciare sulla pubblica piazza è la più semplice ma anche la più rischiosa.

Chi come noi fa impresa e ha la responsabilità di decine di migliaia di dipendenti si aspetta serietà, soprattutto dalle istituzioni, serietà non indulgenza.

Advertisement

In Evidenza

2 giugno, Mattarella: i militari sono stati una risorsa durante l’epidemia

Avatar

Pubblicato

del

“Le Forze Armate, con il loro contributo, si sono dimostrate ancora una volta una risorsa di alta professionalita’, dotata di spirito di sacrificio ed efficienza su cui la Repubblica sa di poter contare”. Cosi’ il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel messaggio inviato al Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Enzo Vecciarelli. “Settantaquattro anni or sono il popolo italiano scelse la Repubblica – ricorda il Capo dello Stato -. Non tutti i cittadini poterono partecipare al referendum: dai militari ancora in attesa di essere rimpatriati da campi di prigionia, agli abitanti di province non ancora restituite alla sovranita’ italiana, il nostro Paese pago’ anche in questo il prezzo di una guerra divenuta sempre piu’ aspra e che conto’ un numero mai registrato prima di vittime civili”.

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con le Alte cariche dello Stato rende omaggio al Milite Ignoto all’Altare della Patria in occasione della Festa della Repubblica
(foto di Francesco Ammendola – Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica)

“La ricorrenza di quest’anno vede l’Italia, insieme alla Comunita’ Internazionale, impegnata a contrastare una crisi sanitaria, sociale ed economica senza precedenti. Le Forze Armate, con il loro contributo, si sono dimostrate ancora una volta una risorsa di alta professionalita’, dotata di spirito di sacrificio ed efficienza su cui la Repubblica sa di poter contare. I militari – sottolinea Mattarella – offrono quotidianamente testimonianza di generosita’ e abnegazione attraverso uno sforzo encomiabile nelle corsie degli ospedali, sulle strade e nel territorio per la sicurezza, in cielo e in mare per il trasporto logistico – sanitario”.

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con il Ministro della Difesa,Lorenzo Guerini, all’Altare della Patria in occasione della Festa della Repubblica
(foto di Francesco Ammendola – Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica)

Il Capo dello Stato sottolinea che “le precauzioni e le restrizioni, necessarie per fronteggiare la difficile congiuntura sanitaria, non consentono di svolgere ne’ la tradizionale sfilata a Roma ne’ le manifestazioni locali, nelle quali e’ essenziale il contributo delle Forze Armate. I valori di rispetto dei diritti, solidarieta’, umanita’, che animano costantemente il vostro operato, in Italia e nei teatri di crisi, al servizio della pace, della democrazia e della sicurezza, trovano fondamento nella Costituzione e incontrano la riconoscenza dei nostri concittadini”. “Nel celebrare l’anniversario di fondazione della Repubblica rivolgo un deferente pensiero a quanti hanno sacrificato la propria vita in Italia e all’estero, in pace e in guerra.

Roma – Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione della deposizione di una corona d’alloro all’Altare della Patria, nella ricorrenza della Festa Nazionale della Repubblica, oggi 2 giugno 2020..
(Foto di Paolo Giandotti – Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica)

I Labari decorati e i Medaglieri sono un patrimonio morale che vi contraddistingue e che la Repubblica onora. Ai militari di ogni ordine e grado – conclude il Presidente – giungano, nel giorno della Festa di tutti gli Italiani, i piu’ fervidi auguri e sentimenti di gratitudine e l’apprezzamento per l’insostituibile apporto offerto al bene comune nostro e della intera Comunita’ Internazionale. Viva le Forze Armate, viva l’Italia”.

Continua a leggere

In Evidenza

Mattarella depone una corona d’alloro all’Altare della Patria

Avatar

Pubblicato

del

Continua a leggere

Politica

Mattarella a Codogno per mostrare “il volto migliore dell’Italia” nella giornata della Festa della Repubblica

Avatar

Pubblicato

del

Discorso pronunciato dal Presidente Sergio Mattarella nei Giardini del Quirinale alla vigilia della festa della Repubblica

—–

Il 2 giugno, domani, si celebra l’anniversario della nascita della nostra Repubblica. Lo faremo in una atmosfera in cui proviamo nello stesso tempo sentimenti di incertezza e motivi di speranza. Stretti tra il dolore per la tragedia che improvvisamente ci è toccato vivere e la volontà di un nuovo inizio. Di una stagione nuova, nella quale sia possibile uscire al più presto da questa sorta di incubo globale.

Tanti fra di noi avvertono il ricordo struggente delle persone scomparse a causa del coronavirus: familiari, amici, colleghi. Sovente senza l’ultimo saluto.

A tutte le vittime, a chi è morto solo, al ricordo dei tanti affetti spezzati è dedicato questo concerto, con il maestro Daniele Gatti e l’orchestra del Teatro dell’Opera di Roma, che ringrazio molto per la loro partecipazione.

Accanto al dolore per le perdite e per le sofferenze patite avvertiamo, giorno per giorno, una crescente volontà di ripresa e di rinascita, civile ed economica.

La nascita della Repubblica, nel 1946, segnava anch’essa un nuovo inizio. Superando divisioni che avevano lacerato il Paese, per fare della Repubblica la casa di tutti, sulla base dei valori di libertà, pace e democrazia.

Forze politiche, che erano divise, distanti e contrapposte su molti punti, trovavano il modo di collaborare nella redazione della nostra Costituzione, convergendo nella condivisione di valori e principi su cui fondare la nostra democrazia.

Quello spirito costituente rappresentò il principale motore della rinascita dell’Italia. Seppe unire gli italiani, al di là delle appartenenze, nella convinzione che soltanto insieme si sarebbe potuta affrontare la condizione di estrema difficoltà nella quale il Paese era precipitato.

Questa sostanziale unità morale è stata il vero cemento che ha fatto nascere e ha tenuto insieme la Repubblica. E’ quel che ci fa riconoscere, ancora oggi, legati da un comune destino.

Allora si reagiva ai lutti, alle sofferenze e alle distruzioni della guerra. Oggi dobbiamo contrastare un nemico invisibile, per molti aspetti sconosciuto, imprevedibile, che ha sconvolto le nostre esistenze e abitudini consolidate. Ha costretto a interrompere relazioni sociali, a chiudere le scuole. Ha messo a rischio tanti progetti di vita e di lavoro. Ha posto a durissima prova la struttura produttiva del nostro Paese.

Possiamo assumere questa giornata come emblematica per l’inizio della nostra ripartenza.

Ho ricevuto e letto, in questi tre mesi, centinaia di messaggi di preoccupazione ma anche di vicinanza, di fiducia, di speranza.

Dobbiamo avere piena consapevolezza delle difficoltà che abbiamo di fronte. La risalita non sarà veloce, la ricostruzione sarà impegnativa, per qualche aspetto sofferta. Serviranno coraggio e prudenza. Il coraggio di guardare oltre i limiti dell’emergenza, pensando al futuro e a quel che deve cambiare. E la prudenza per tenere sotto controllo un possibile ritorno del virus, imparando a conviverci in sicurezza per il tempo che sarà necessario alla scienza per sconfiggerlo definitivamente.

Serviranno tempestività e lungimiranza. Per offrire sostegno e risposte a chi è stato colpito più duramente. E per pianificare investimenti e interventi di medio e lungo periodo, che permettano di dare prospettive solide alla ripresa del Paese.

Abbiamo detto tante volte che noi italiani abbiamo le qualità e la forza d’animo per riuscire a superare anche questa prova. Così come abbiamo ricostruito il Paese settant’anni fa.

Lo abbiamo visto nelle settimane che abbiamo alle spalle.

Abbiamo toccato con mano la solidarietà, la generosità, la professionalità, la pazienza, il rispetto delle regole. Abbiamo riscoperto, in tante occasioni, giorno per giorno, doti che, a taluno, sembravano nascoste o appannate, come il senso dello Stato e l’altruismo.

Abbiamo ritrovato, nel momento più difficile, il vero volto della Repubblica.

Ora sarebbe inaccettabile e imperdonabile disperdere questo patrimonio, fatto del sacrificio, del dolore, della speranza e del bisogno di fiducia che c’è nella nostra gente. Ce lo chiede, anzitutto, il ricordo dei medici, degli infermieri, degli operatori caduti vittime del virus nelle settimane passate.

Siamo orgogliosi di quanto hanno fatto tutti gli operatori della sanità e dei servizi essenziali, che – spesso rischiando la propria salute – hanno consentito all’intera nostra comunità nazionale di respirare mentre la gran parte delle attività era ferma. Siamo grati ai docenti per la didattica a distanza, agli imprenditori che hanno riconvertito in pochi giorni la produzione per fornire i beni che mancavano per la sicurezza sanitaria, alle donne e agli uomini delle Forze dell’Ordine, nazionali e locali, alla Protezione Civile, ai tanti volontari, che hanno garantito la sicurezza e il sostegno nell’emergenza.

Sono consapevole che a questi comportamenti se ne sono, talvolta, contrapposti altri ad opera di chi ha cercato e cerca di sfruttare l’emergenza. Comportamenti simili vanno accertati con rigore e repressi con severità ma sono, per fortuna, di una minoranza molto piccola della nostra società.

Questo 2 giugno ci invita a riflettere tutti su cosa è, su cosa vuole essere la Repubblica oggi.

Questo giorno interpella tutti coloro che hanno una responsabilità istituzionale – a partire da me naturalmente – circa il dovere di essere all’altezza di quel dolore, di quella speranza, di quel bisogno di fiducia.

Non si tratta di immaginare di sospendere o annullare la normale dialettica politica. La democrazia vive e si alimenta di confronto fra posizioni diverse.

Ma c’è qualcosa che viene prima della politica e che segna il suo limite.

Qualcosa che non è disponibile per nessuna maggioranza e per nessuna opposizione: l’unità morale, la condivisione di un unico destino, il sentirsi responsabili l’uno dell’altro. Una generazione con l’altra. Un territorio con l’altro. Un ambiente sociale con l’altro. Tutti parte di una stessa storia. Di uno stesso popolo.

Mi permetto di invitare, ancora una volta, a trovare le tante ragioni di uno sforzo comune, che non attenua le differenze di posizione politica né la diversità dei ruoli istituzionali.

Siamo tutti chiamati a un impegno comune contro un gravissimo pericolo che ha investito la nostra Italia sul piano della salute, economico e sociale.

Le sofferenze provocate dalla malattia non vanno brandite gli uni contro gli altri.

Questo sentimento profondo, che avverto nei nostri concittadini, esige rispetto, serietà, rigore, senso della misura e attaccamento alle istituzioni. E lo richiede a tutti, tanto più a chi ha maggiori responsabilità. Non soltanto a livello politico.

Siamo chiamati a scelte impegnative.

Non siamo soli. L’Italia non è sola in questa difficile risalita. L’Europa manifesta di aver ritrovato l’autentico spirito della sua integrazione. Si va affermando, sempre più forte, la consapevolezza che la solidarietà tra i Paesi dell’Unione non è una scelta tra le tante ma la sola via possibile per affrontare con successo la crisi più grave che le nostre generazioni abbiano vissuto. Nessun Paese avrà un futuro accettabile senza l’Unione Europea. Neppure il più forte. Neppure il meno colpito dal virus.

Adesso dipende anche da noi: dalla nostra intelligenza, dalla nostra coesione, dalla capacità che avremo di decisioni efficaci.

Sono convinto che insieme ce la faremo. Che il legame che ci tiene uniti sarà più forte delle tensioni e delle difficoltà.

Ma so anche che la condizione perché questo avvenga sarà legata al fatto che ciascuno, partecipando alla ricostruzione che ci attende, ricerchi, come unico scopo, il perseguimento del bene della Repubblica come bene di tutti. Nessuno escluso.

Domani mi recherò a Codogno, luogo simbolo dell’inizio di questo drammatico periodo, per rendere omaggio a tutte le vittime e per attestare il coraggio di tutte le italiane e tutti gli italiani, che hanno affrontato in prima linea, spesso in condizioni estreme, con coraggio e abnegazione, la lotta contro il coronavirus.

Desidero ringraziarli tutti e ciascuno. L’Italia – in questa emergenza – ha mostrato il suo volto migliore.

Sono fiero del mio Paese.


 

Quelli che seguono sono i nomi dei Cavalieri del Lavoro che oggi saranno insigniti della onorificenze.

Ecco l’elenco completo degli insigniti, con l’indicazione, per ciascuno, del settore di attività e della Regione di provenienza:

ALLEGRINI Maria – Agricoltura/vitivinicolo – Veneto

CAMPANILE Antonio – Industria/chimica – Umbria

CASTAGNA Giuseppe – Credito – Lombardia

COPPINI Lorenzo – Industria/trasduttori elettroacustici- Toscana

DOGLIONE Anna Maria Grazia – Industria/siderurgica – Piemonte

FERRAGAMO Ferruccio – Alta moda – Toscana

FIASCONARO Nicola – Artigianato/prodotti dolciari – Sicilia

FRANDINO Mario – Industria/alimentare – Piemonte

GAROFALO Maria Laura – Sanità privata – Lazio

GILARDI Alessandro – Industria/edile – Piemonte

GRASSI DAMIANI Guido Roberto – Gioielleria di alta gamma – Estero

MAIELLO Giuseppe – Commercio/articoli di profumeria – Campania

MARCHI Enrico – Attività aeroportuali – Veneto

MARTINI Luciano – Industria /alimentare – Emilia-Romagna

MERLONI Paolo – Industria/elettrodomestici – Marche

NOCIVELLI Marco – Industria/impianti per refrigerazione – Lombardia

OTTOLENGHI Guido – Logistica portuale – Emilia-Romagna

PARATI Gian Battista – Industria/ alta specializzazione – Lombardia

PESCE Umberto – Industria/ metalmeccanica – Basilicata

PITTINI Federico – Industria/siderurgica – Friuli Venezia Giulia

RAVAZZOTTI Giovanni – Industria/ceramica – Estero

SERRATI Giorgia – Commercio conserve ittiche – Liguria

STEIN Silvia – Maglieria di alta gamma – Veneto

STIRPE Maurizio – Industria/componentistica – Lazio

VALENTINI Guido – Industria/metalmeccanica – Lombardia

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto