Collegati con noi

Esteri

Aumentano i casi di dengue in Brasile, si teme nuova epidemia di febbre anche emorragica: 14 morti e quasi 95 infetti

Avatar

Pubblicato

del

Non accenna a diminuire, in Brasile, la preoccupazione per la dengue, una malattia trasmessa dalla zanzara Aedes aegypti che ogni anno miete numerose vittime nel Paese sudamericano: in base all’ultimo bollettino epidemiologico del ministero della Sanita’ locale, il numero di casi probabili di dengue – quelli che sono stati notificati al dicastero dai singoli Stati – e’ cresciuto del 19% nelle prime cinque settimane dell’anno rispetto allo stesso periodo del 2019. In particolare, sono stati segnalati 94.149 casi probabili fino alla quinta settimana dell’anno, rispetto ai 79.131 dello stesso periodo dell’anno scorso. Dall’inizio del 2020, c’e’ stata la conferma che almeno 14 persone sono morte di dengue in Brasile. Il tutto mentre la maggiore economia dell’America Latina registra anche i primi due casi confermati del nuovo coronavirus.

Il confronto delle morti per dengue con il 2019 e’ ancora incerto, poiche’ i numeri possono ancora cambiare in modo significativo all’arrivo dei risultati delle analisi di laboratorio e quando Stati e Comuni inviano i loro rapporti al ministero. I dati dell’ultimo bollettino, ad esempio, non calcolano ancora i casi e i decessi registrati a livello locale a febbraio. In compenso, il governo di Jair Bolsonaro sta già lavorando con uno scenario di aumento dei casi di dengue per quest’anno, mentre alcuni Comuni e Stati in tutta la nazione hanno dichiarato lo stato di allerta per una possibile epidemia di dengue, che viene cosi’ definita quando vi è un tasso di 300 casi confermati di malattia per ogni 100 mila abitanti. Per ora, gli Stati che hanno registrato il maggior numero di casi di dengue sono Acre, Mato Grosso do Sul e Paranà.

Advertisement

Esteri

L’Austria pronta a riaprire all’Italia a metà giugno

Avatar

Pubblicato

del

L’Europa riparte dal turismo. Si delinea infatti un’estate senza grosse limitazioni alla circolazione. Vienna, che fino all’ultimo sembrava irremovibile, ora prospetta l’apertura del confine con l’Italia a partire da meta’ giugno, “qualora l’andamento epidemiologico lo consentira’”, in concomitanza con la ripresa della libera circolazione con gli altri Paesi confinanti. Se cosi’ non fosse, Vienna valutera’ almeno la ripresa degli spostamenti con le regioni italiane che possono vantare dati positivi. Gia’ domani Berlino potrebbe invece revocare i cosiddetti ‘sconsigli’ per i Paesi dell’Unione europea.

“Il nostro obiettivo e’ sostituire l’allerta sui viaggi per i Paesi europei e per gli Stati associati in avvisi sui viaggi sui singoli Paesi” che tengano conto delle diverse situazioni, ha annunciato il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas. Prima del 15 giugno, ha spiegato, ci sara’ un nuovo colloquio con i Paesi vicini, che fanno parte della top list delle destinazioni dei turisti tedeschi, “per accordarci sui principi” e fare in modo che “sia possibile fare vacanze in sicurezza per le persone che viaggiano e per chi vive sul posto”. Un assist importante per un ritorno alla libera circolazione e’ arrivato anche dalla Commissione europea, che ha presentato le linee guida agli Stati sulla riapertura delle frontiere e nelle sue “intense discussioni con tutti” i Paesi in “un accresciuto sforzo” di coordinamento, “ha insistito sul principio di non discriminazione, nel senso che se uno Stato apre le sue frontiere ad una regione, deve fare altrettanto con le altre regioni che hanno la stessa situazione epidemiologica”.

La Svizzera, almeno per il momento, non sembra intenzionata a rivedere la sua posizione sull’Italia. Mentre il Brennero, luogo simbolo di divisione e unione, presto riaprira’. Il 10 marzo sono iniziati qui i controlli sanitari. Da quasi tre mesi chi vuole entrare in Austria deve presentare un test Covid negativo oppure stare 14 giorni in quarantena. Ma il cancelliere Sebastian Kurz ha ribadito al segretario della Svp Philipp Achammer che Vienna e’ “pronta a ristabilire la piena liberta’ di circolazione con l’Italia appena la situazione epidemiologica lo consentira’, forse gia’ a meta’ mese”.

Se questo non dovesse essere possibile, sara’ valutata la proposta avanzata dall’Alto Adige di consentire gli spostamenti “verso l’Alto Adige e le altre regioni che hanno un andamento positivo”. La questione sara’ valutata di nuovo domani dal governo austriaco. “Le affermazioni di Kurz sono un segnale importante per un ulteriore passo verso il ritorno alla normalita’”, ha commentato Achammer. E anche il governatore Arno Kompatscher ha ribadito che la liberta’ di spostamenti “e’ fondamentale per l’Euregio” Trentino, Alto Adige e Tirolo.

Continua a leggere

Esteri

L’ufficio nazionale statistica rivede a 43837 numero totale decessi da covid 19 nel Regno Unito

Avatar

Pubblicato

del

Sono circa 44.000 le vittime da coronavirus registrate sino ad ora in Inghilterra e Galles. Lo rivelano le cifre ufficiali pubblicate oggi dall’ufficio nazionale di statistica secondo cui alla data del 22 maggio i decessi erano pari a 43,837 unita’ di cui 12.733 avvenuti in case di cura, ovvero il 29% del totale. Per la sola Inghilterra, il totale dei decessi e’ di 42.210 persone morte per casi confermati o sospetti di Covid, ben al di sopra dei 32.666 delle stime ufficiali del governo che includono solo i casi in cui le vittime sono risultate positive al coronavirus mentre quelli dell’ufficio nazionale di statistica includono tutti i casi in cui il covid e’ menzionato nel certificato di morte, quindi non necessariamente come causa principale. Secondo le stime del Guardian, che hanno preso in considerazione anche le statistiche relative alla Scozia e all’Irlanda del Nord oltre che i dati degli ultimi dieci giorni, il totale e’ invece ancora piu’ alto, vicino alle 50.000 unita’, esattamente a 49.324.

Continua a leggere

Esteri

Oms, nostro sostegno a Congo in lotta a Ebola

amministratore

Pubblicato

del

L’Organizzazione Mondiale della Sanita’ “continua a sostenere la Rebubblica Democratica del Congo nella lotta all’Ebola, insieme alla risposta al covid-19 e alla maggiore epidemia al mondo di morbillo”. Lo ha sottolineato il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, reagendo alla notizia di una nuova epidemia di Ebolanel nord-ovest del Congo.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto