Collegati con noi

Ambiente

Antartide, 60 anni fa fu siglato il trattato che portò pace e scienza

Avatar

Pubblicato

del

Il primo dicembre torna l’Antarctica Day che quest’anno celebra il 60esimo anniversario del Trattato Antartico, l’accordo internazionale stipulato a Washington il primo dicembre 1959 per tutelare il continente bianco e trasformarlo in una terra di scienza e pace. I Paesi firmatari, saliti dai 12 iniziali ai 54 attuali, hanno cosi’ dato vita a un unicum nella storia del diritto internazionale, rendendo possibili scoperte cruciali per la salute del Pianeta come quella del buco dell’ozono. Ma le tensioni politiche a lungo sopite rischiano di riaccendersi, in vista della scadenza del trattato prevista per il 2041, come spiega Antonio Meloni, presidente della Commissione Scientifica Nazionale per l’Antartide. “Il Trattato del 1959 ha dato seguito, dal punto di vista politico, al coordinamento internazionale che era stato avviato tra il 1957 e il 1958 con l’Anno Geofisico Internazionale (Igy), indetto dalle nazioni che si occupavano di osservazioni geofisiche a livello planetario, in particolare nelle aree polari”, rileva l’esperto. Grande quasi 15 milioni di chilometri quadrati, praticamente una volta e mezza l’estensione dell’Europa, l’Antartide e’ sempre stata sinonimo di esplorazione e desiderio di conquista, ma nel secondo Dopoguerra era interesse della comunita’ scientifica mantenerla libera dalle pretese di sovranita’ territoriale, dai conflitti militari e dallo sfruttamento delle risorse naturali. Anche l’Italia ha aderito al Trattato nel 1981, diventando un membro effettivo nel 1987, dopo aver intrapreso nel 1985 la prima spedizione e aver realizzato nel 1986 la sua base ‘Mario Zucchelli’ nella Baia Terra Nova.

Da allora sono trascorsi 35 anni di intense attivita’ di ricerca, “condotte grazie a competenze di eccellenza”, sottolinea Meloni. Col passare degli anni il Trattato Antartico si e’ arricchito diventando un vero e proprio Sistema del Trattato Antartico, con la Convenzione di Londra per la conservazione delle foche (1972), la Convenzione di Canberra sulla conservazione delle risorse marine viventi (1980) e la Convenzione di Wellington per la gestione delle attivita’ minerarie (1988), subito sospesa e seguita dal Protocollo di Madrid sulla protezione ambientale (1991). Quest’ultimo “ha ricongelato il Trattato Antartico per altri 50 anni, dunque la scadenza e’ prevista per il 2041”, prosegue Meloni. “Le cose potranno essere rinegoziate e gia’ si intravedono alcune difficolta’, considerato il malcelato interesse di alcuni Paesi per lo sfruttamento intensivo delle risorse ittiche e la crescente attenzione per la copertura glaciale del continente, che oggi rappresenta una preziosa riserva in cui si concentra il 70% dell’acqua dolce del Pianeta”, afferma Meloni. “L’auspicio e’ che l’accordo possa essere salvaguardato, anche grazie al forte impegno delle nazioni che storicamente fanno ricerca in Antartide, Italia inclusa”.

Advertisement
Continua a leggere

Ambiente

Effetto coronavirus, dal 1 luglio le isole Galapagos riaprono ai turisti

Avatar

Pubblicato

del

Le ecuadoriane isole Galapagos, patrimonio naturale dell’umanita’, riapriranno le loro porte al turismo dal 1 luglio. Lo ha annunciato il vicepresidente ecuadoriano Otto Sonnenholzner. “Possiamo gia’ iniziare a pensare al futuro, alla riattivazione, le Galapagos diventeranno presto la prima destinazione turistica sicura in termini di salute”, ha affermato in un video sul suo account Twitter.

Continua a leggere

Ambiente

Bandiere Blu, quest’anno ce ne sono 12 in più in Italia

Avatar

Pubblicato

del

Aumentano quest’anno in Italia le Bandiere Blu, i riconoscimenti ai comuni marinari e lacustri con le acque più pulite e il maggior rispetto dell’ambiente. Sono 195 i Comuni italiani che le hanno ottenute nel 2020, 12 in più rispetto ai 183 dell’anno scorso. I nuovi ingressi sono 12, e non c’è nessuna uscita. Hanno ottenuto il riconoscimento anche 75 approdi turistici. Le Bandiere Blu sono attribuite ogni anno dalla ong internazionale FEE (Foundation for Environmental Education, Fondazione per l’educazione ambientale), basandosi sui prelievi delle Arpa, le agenzie ambientali delle Regioni. E già questo dovrebbe essere indicativo della serietà delle attribuzioni. Ma vediamo quali sono le 12 new entry per i comuni: Gozzano (Piemonte), Diano Marina (Liguria), Sestri Levante (Liguria), Montignoso (Toscana), Porto Tolle (Veneto), Vico Equense (Campania), Isole Tremiti (Puglia), Melendugno (Puglia), Rocca Imperiale (Calabria), Tropea (Calabria), Siderno (Calabria), Ali’ Terme (Sicilia). Fra gli approdi arrivano quest’anno Cala Cravieu (Celle Ligure, Liguria), Vecchia Darsena Savona (Savona, Liguria), Cala Gavetta (La Maddalena, Sardegna), Marina Porto Azzurro (Porto Azzurro, Toscana), Porto degli Aragonesi (Casamicciola, Ischia, Campania). Perdono la Bandiera Blu nel 2020 il Porto turistico Marina di Policoro (Policoro, Basilicata) e la Marina del Nettuno (Messina, Sicilia).

Casamicciola. Quello che vedete è il Porto degli Aragonesi

La Liguria sale a 32 localita’, con due nuovi ingressi, e guida la classifica nazionale. Segue la Toscana con 20 localita’ (un nuovo ingresso). La Campania raggiunge le 19 Bandiere con un nuovo ingresso. Con 15 localita’ seguono le Marche. La Puglia conquista due nuove localita’ e raggiunge 15 Bandiere, mentre la Sardegna riconferma le sue 14 localita’. Anche la Calabria va a quota 14 con tre nuovi ingressi, mentre l’Abruzzo resta a 10. Il Lazio conferma le 9 Bandiere, cosi’ come 9 sono quelle del Veneto, che segna un nuovo ingresso. L’Emilia Romagna conferma le sue 7 localita’, mentre la Sicilia ne guadagna una, passando a 8 Bandiere. La Basilicata conferma le sue 5 localita’, il Friuli Venezia Giulia conferma le 2 Bandiere dell’anno precedente. Il Molise rimane con 1 Bandiera. Quest’anno aumentano le Bandiere sui laghi, che premiano 18 localita’. Si registra un nuovo ingresso in Piemonte, che ottiene 4 Bandiere. Rimangono invariati il Trentino Alto Adige, con 10 localita’, e la Lombardia, con 1. I 195 Comuni italiani premiati, per complessive 407 spiagge, corrispondono a circa il 10% delle spiagge premiate a livello mondiale.

Continua a leggere

Ambiente

L’Oreal stanzia 150 milioni per donne vulnerabili e per ambiente

Avatar

Pubblicato

del

L’Oreal, nel contesto degli effetti della pandemia da coronavirus, annuncia L’Oreal for the future, un programma di solidarietà sociale e ambientale. Lo scopo è gestire due priorit. La prima è supportare le organizzazioni che sostengono le donne particolarmente vulnerabili, ovvero le prime vittime della crisi sociale ed economica causata dalla pandemia, istituendo un fondo di beneficenza del valore di 50 milioni di euro per sostenere le organizzazioni attive sul campo e gli enti benefici locali nel loro impegno per contrastare la poverta’. La seconda e’ contribuire alla rigenerazione degli ecosistemi naturali danneggiati e partecipare attivamente alla lotta al cambiamento climatico, con investimenti a impatto ambientale di 100 milioni di euro, suddivisi in parti uguali per la rigenerazione e e per la prevenzione. “Nei prossimi mesi – ha dichiarato il presidente e ceo Jean-Paul Agon – le nostre societa’ affronteranno crisi sociali che comporteranno situazioni di grande sofferenza umana, specialmente per i piu’ vulnerabili.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto