Collegati con noi

Economia

Alitalia, rispunta Lufthansa e prova a scalzare Delta

Avatar

Pubblicato

del

Lufthansa torna in pista nell’operazione Alitalia. Con una mossa che spariglia le carte a poco meno di una settimana dalla scadenza del 15 ottobre, la compagnia tedesca ha inviato una lettera alle Ferrovie dello Stato, e per conoscenza al Ministero dello sviluppo economico, per proporsi come alternativa all’americana Delta: sul piatto, pero’, non ci sarebbe un’iniezione di capitale, ma solo una partnership commerciale. Il colosso tedesco tuttavia piace all’azionista di Atlantia, la famiglia Benetton, e il suo rinnovato interesse non e’ certo olio per i delicati ingranaggi della trattativa in corso. Sulla quale il ministro Stefano Patuanelli, che appena ieri aveva assicurato che ci sono le condizioni per rispettare il termine del 15 ottobre (per la presentazione dell’offerta vincolante da parte del consorzio), non entra nel merito e anzi assicura il ruolo super partes del Mise. Lufthansa, che e’ uscita formalmente dalle trattative un anno fa (non presentando alcuna offerta entro il 31 ottobre 2018) ma in realta’ non e’ mai stata considerata completamente fuori dai giochi, si e’ rifatta viva con una missiva alle Fs: nella lettera la compagnia (che peraltro appartiene all’alleanza Star Alliance, diversamente da Alitalia e Delta entrambe in SkyTeam), offrirebbe la propria disponibilita’ ad entrare nella newco, ma solo con un accordo commerciale e non con equity (a differenza di Delta che metterebbe circa 100 milioni per una quota del 10%, con la possibilita’ di salire al 12%).

Lettera “arrivata per conoscenza anche al Mise”, ha confermato il ministro Patuanelli, senza sbilanciarsi: “valuto la lettera asetticamente, visto che e’ una lettera inviata a Fs”, ha detto, sottolineando che “il Mise ha un ruolo di vigilanza sulla struttura commissariale (di Alitalia, ndr), non certamente di sponsor in una operazione di mercato”. Da Colonia un portavoce della compagnia tedesca, pur non commentando la lettera, ricorda che il Gruppo ha “sempre detto che il mercato italiano per noi ha un grande significato, che abbiamo interesse ad un’Alitalia ristrutturata e anche in passato abbiamo detto che ci potremmo immaginare anche un partenariato commerciale”. Lufthansa, che ha sempre detto anche di non voler investire con il Governo italiano, sarebbe ora pronta ad affiancare altri investitori, affermano alcune fonti a Bloomberg. Resta ora da capire se e come Lufthansa possa davvero rientrare in gioco. E quale sara’ la reazione di Delta. Certo e’ che i tedeschi sono benvisti da Luciano Benetton, secondo il quale “il progetto Alitalia dovrebbe passare attraverso chi ha esperienza tecnica e di gestione” e Lufthansa ne ha “molta”. La situazione tuttavia preoccupa i sindacati, con il leader della Cgil Maurizio Landini che chiede “decisioni precise” e la numero uno della Cisl Anna Maria Furlan che vede difficile che il 15 ci sia una svolta. E mentre il ministro Patuanelli rassicura sulla cassa, resta allo studio l’ipotesi di un nuovo prestito ponte, che potrebbe servire per il periodo transitorio prima del closing, e potrebbe ammontare a 250-350 milioni. Intanto oggi non si sono registrati disagi per lo sciopero di 24 ore dei piloti e assistenti di volo della compagnia: l’adesione e’ stata inferiore al 5%, spiega l’azienda, che nei giorni scorsi aveva attivato un piano straordinario con circa 200 cancellazioni. Le sigle che l’hanno proclamato, Anpac, Anpav e Anp, chiedono il definitivo rilancio della compagnia con un piano industriale che rimetta al centro i dipendenti.

Advertisement

Economia

Dicembre sarà il mese degli incentivi per nuovi decoder e smart tv, arriva la nuova tecnologia digitale DVBT2

Avatar

Pubblicato

del

Partiranno a dicembre i nuovi contributi per l’acquisto di decoder e Smart TV in grado di supportare la nuova tecnologia digitale DVBT2 (Digital Video Broadcasting Terrestrial 2, passo avanti rispetto alla DVBT1 attuale). Entro il mese, se non nei prossimi giorni, assicurano dal ministero dello Sviluppo economico, verra’ infatti pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale l’atteso decreto interministeriale Mise-Mef che ne consentira’ l’erogazione, stabilendo approfonditamente i criteri d’accesso e gli adempimenti per richiedere lo sconto. Il punto e’ stato fatto la scorsa settimana al Ministero dello Sviluppo nel corso del tavolo TV 4.0, presieduto dal sottosegretario Mirella Liuzzi.

Il tavolo è stato l’occasione per fare il punto sui criteri e le modalità di erogazione di indennizzo per le tv locali, il calendario di dettaglio della road map della prima fase dello spegnimento delle reti delle aree tecniche e proprio i contenuti del decreto interministeriale per l’erogazione dei bonus a favore dei cittadini per l’acquisto di smart TV e decoder di prossima pubblicazione. Gli attori in campo, autorità competenti in materia, operatori televisivi e associazioni di categoria, guidate dal ministero, hanno quindi valutato le prime iniziative da intraprendere per comunicare ai cittadini il passaggio al DVBT2 considerando “fondamentale accompagnare la transizione del sistema radiotelevisivo al DVBT2 con opportune campagne e azioni informative”.

La nuova tecnologia entrera’ ufficialmente e definitivamente in vigore su scala nazionale (con passaggi progressivi delle varie aree del Paese) a partire dal primo luglio 2022. Entro il 30 giugno 2022, infatti, i network televisivi dovranno abbandonare completamente l’utilizzo delle frequenze sulla banda dei 700 MHz in modo che siano rese disponibili per la connettivita’ 5G. La “liberazione” dei 700 MHz da parte dei network imporra’ la necessita’ di acquistare una smart TV o un decoder compatibili se si vorranno continuare a vedere i programmi televisivi. Per orientarsi a grandi linee, vale in generale lo spartiacque del 2017: se il televisore che si ha in casa e’ stato acquistato dopo il 1 gennaio 2017 allora sara’ in grado di supportare il nuovo sistema. Da allora per legge, tutti i negozi sono stai infatti obbligati a vendere esclusivamente apparecchi con il nuovo decoder integrato. Per acquisti avvenuti negli anni precedenti dovra’ invece essere verificata la compatibilita’. L’obiettivo indicato da Liuzzi e’ di “incrementare gli attuali 151 milioni di euro” stanziati per incentivare il passaggio con la legge di bilancio dello scorso anno “richiedendo un nuovo finanziamento della misura per allargare la platea dei cittadini ammessi ad usufruire del contributo”. Attualmente, in base ai finanziamenti gia’ previsti, il voucher ammonta a 50 euro.

Continua a leggere

Economia

Alibaba, spesi sulla piattaforma cinese quasi 29 miliardi di dollari in un giorno

Avatar

Pubblicato

del

Alibaba si avvia a chiudere la sua 11/ma edizione della 24 ore di shopping sfrenato della ‘giornata dei singoli’ (11 novembre o 11.11) con vendite record sulla sua piattaforma online. Alle 13.40 locali (le 5:40 in Italia) i volumi registrati sono a ridosso dei 200 miliardi di yen (circa 28,6 miliardi di dollari). Aperta alla scoccare della mezzanotte tra domenica e lunedì, con la benedizione della megastar americana Taylor Swift in un gala tenuto quest’anno a Shanghai, lo shopping ha impiegato 68 secondi per raggiungere un miliardo di dollari di spesa.

I volumi totali transitati sulla piattaforma dei pagamenti del gruppo, Alipay, ha raggiunto i 100 miliardi di yuan (14,3 miliardi di dollari) in 63 minuti e 59 secondi, 43 minuti prima dell’edizione 2018, conclusasi con vendite complessive per il nuovo record dell’iniziativa pari a 30,7 miliardi di dollari. Surclassando il ‘Black Friday’ Usa di novembre dedicato allo shopping, l’iniziativa di Alibaba ha spinto alla partecipazione anche le piattaforme rivali, come JD.com e Suning.

Continua a leggere

Economia

Confesercenti denuncia: Il canone unico? Per le imprese rischio aumenti del 25%

amministratore

Pubblicato

del

Il canone unico rischia di portare a un nuovo aumento della pressione fiscale locale sulle piccole imprese, che puo’ arrivare ad aumenti fino al 25%. A sottolinearlo è Confesercenti, che in una nota osserva: “La nuova tassa unificata delle imposte locali minori, dal suolo pubblico alla pubblicità, da semplificazione potrebbe trasformarsi in aggravio. La norma, infatti, prevede che il gettito fiscale del nuovo Canone non possa essere inferiore alle imposte che sostituisce, ma non pone alcun limite agli aumenti. Che possono arrivare – come nel caso del canone pagato dalle imprese ambulanti – anche al +25%”.

In attesa che i comuni deliberino il peso effettivo del nuovo canone, inoltre – prosegue l’analisi di Confesercenti – tutti pagheranno 120 euro al metro quadrato all’anno, una cifra di molto superiore a quella pagata attualmente in buona parte dei casi. Il Canone unico rischia dunque di configurarsi come un’ulteriore spinta alla pressione fiscale locale, gia’ alta: dopo la profonda crisi economica che ha coinvolto il nostro Paese tra il 2008 e il 2013, gli Enti locali hanno infatti utilizzato la loro autonomia per contrastare le riduzioni delle basi imponibili. Le imposte dirette locali sono aumentate nel periodo 2010-18 del 43,6% (+7 miliardi), passando dal 7,2 al 9,4% delle imposte dirette totali. La tendenza alla crescita del fisco locale era stata interrotta nel 2016 con il limite posto sull’agibilita’ delle imposte locali. Il blocco dei tributi e’ pero’ terminato nel 2019, scatenando una nuova ondata di incrementi di imposta: solo nei primi cinque mesi di quest’anno, rileva la Corte dei Conti, sono stati 469 i comuni che hanno gia’ deliberato un aumento dell’addizionale comunale, cui vanno aggiunti 3.173 enti che gia’ applicano l’aliquota massima. Una valanga di aumenti d’imposta da fermare subito. E’ necessario evitare di peggiorare la situazione: per questo chiediamo al governo di ripristinare il blocco dei tributi locali gia’ attuato nel 2016, che ha dato un po’ di respiro a famiglie e imprese.

Continua a leggere

In rilievo