Collegati con noi

Sport

Al ristorante di Milik in Polonia si cucina per i medici, Koulibaly fa la spesa per 500 famiglie, gli altri “azzurri” fanno donazioni

Valeria Grasso

Pubblicato

del

Solo fino a qualche settimana fa nel suo “food&ball” nella città di Katowice, nel sud della Polonia, i tavoli erano occupati da chi ama la bella vita: un ristorante moderno, piacevole, quello di Arek Milik,con una buona cucina fusion fra  Italia e Polonia. In questi tempi di covid-19 il locale ha chiuso i battenti al pubblico per le note disposizioni ma l’idea solidale messa in campo è stata quella di tenere aperta la cucina per confezionare pasti per il personale medico degli ospedali del territorio.

Tutto ciò avviene attraverso l’account Instagram del locale che tramite il passaparola mette al corrente tutti i sostenitori e piano piano ha allargato il numero degli ospedali beneficiari aumentando ogni giorno il volume dei pasti sfornati.
In queste ultime ore si sono anche succedute per Milik varie ipotesi di mercato (il valore del n.99 si aggira sui 45 milioni di euro): Atletico Madrid, Siviglia, Tottenham, Schalke 04 e anche Milan, per una quotazione anche se pare che il Napoli (notizie fresche di giornata) ritenendolo un giocatore importante abbia espresso la volontà di rinnovargli il contratto.

Arkadius Milik non è il solo grande esempio di solidarietà fra i giocatori del Napoli: con lui c’è fra gli altri anche Kalidou Koulibaly. La serie A è ferma dal 9 marzo scorso ma molti calciatori sono attivi e stanno dando il meglio di sé nella lotta contro il coronavirus. Perché è nel momento di difficoltà e di bisogno che chi può, è giusto che si dia da fare. Kalidou ha messo all’asta la sua maglietta usata contro il Liverpool in Champions League lo scorso 17 settembre al San Paolo.

Il ricavato contribuirà a sostenere per le feste pasquali 500 famiglie indigenti di Napoli e provincia nella spesa alimentare. A ruota Allan, Mertens e Ghoulam stanno dando vita ad analoghe iniziative di solidarietà basate su loro donazioni e raccolta fondi. E quasi tutti, a partire da Lorenzo Insigne hanno dato e chiesto di dare una mano all’ospedale Cotugno, struttura in primo piano a Napoli nella lotta al coronavirus.
Ma a  campionato fermo è anche tempo di calciomercato: nonostante i ‘boatos’ su questo o quello in procinto di lasciare Napoli e il Napoli, è interessante sentire che cosa ha da dire Cristiano Giuntoli, il direttore sportivo della squadra di Aurelio De Laurentiis: “I grandi campioni non verranno scontati e saranno contesi tra i grandi club” .

Advertisement

In Evidenza

Grave lutto per Rino Gattuso: è morta sua sorella Francesca a soli 37 anni

Marina Delfi

Pubblicato

del

Un gravissimo lutto ha colpito Rino Gattuso: la sorella Francesca,  37 anni soltanto, è volata in cielo. Francesca lascia un bimbo di appena 3 anni. A febbraio era stata colpita da un malore: la sorella dell’allenatore del Napoli soffriva di una grave forma di diabete. Gattuso quando sua sorella stette male andò subito al suo capezzale, saltando la conferenza stampa. Già allora si capì che si trattava di un problema molto serio. Sulle pagine dei social del Milan c’è un simbolo di lutto e il cordoglio della famiglia rossonera e su quelle del  Napoli con l’abbraccio a Gattuso da parte della società, ci sono le parole di cordoglio e di vicinanza del Presidente Aurelio De Laurentiis, di sua moglie Jacqueline , dei figli Edoardo, Luigi e Valentina ,di tutto lo staff e della squadra. La redaIone di Juorno.it si unisce al cordoglio di mister Gattuso.

Continua a leggere

In Evidenza

Torna il calcio, il Napoli parte con l’Inter in Coppa Italia: il San Paolo è pronto

Valeria Grasso

Pubblicato

del

Torna il calcio, il Napoli ai blocchi di partenza: la squadra di Gattuso è pronta. Si inizia con la semifinale di Coppa Italia da disputare tra 12 e 13 giugno poi si prosegue con il campionato il 23 giugno a Verona. Sistemato nel frattempo anche il manto erboso del San Paolo. L’ultima partita del Napoli al San Paolo risale al 29 febbraio scorso (Napoli – Torino 2-1). Dopo il susseguirsi dei tamponi previsti dal protocollo su 56 persone (7 tamponi per 26 calciatori e controlli serrati per tutti e 30 dipendenti della SSC Napoli) la ripresa degli allenamenti individuali (il 10 maggio) e poi di gruppo (dal 25 maggio) ormai ci siamo. Gli azzurri sono in una buona condizione (a parte l’infortunato Manolas) e scenderanno in campo per la semifinale di ritorno di Coppa Italia al San Paolo tra il 12 e il 13 giugno alle 21, nello stadio partenopeo a porte chiuse, con in tasca il vantaggio acquisito a San Siro il 12 febbraio scorso (1-0 con goal di Fabian Ruiz). Non è un mistero che il Napoli punti alla finale che si disputerà poi il 17 giugno allo stadio Olimpico di Roma.

 

Per la ripresa della serie A l’appuntamento è fissato il 23 giugno a Verona.  Per il Napoli (come per il Lecce, per una questione di temperatura) la Lega ha riservato la fascia serale, vale a dire incontri alle 19,30 o alle 21,45. Per quanto riguarda la Champions League l’ipotesi più probabile prevede il ritorno degli ottavi di finale tra il 7 e l’8 agosto.

Intanto ci si è preoccupati di rendere idoneo il manto erboso del San Paolo con un intervento di tosatura molto bassa, anticipando, date le circostanze, la manutenzione straordinaria che di regola doveva essere fatta a fine stagione. Niente paura dunque se il terreno di gioco appare oggi di colore giallo/marrone.

L’operazione di tosatura permette all’erba gramigna di crescere così da costituire il tappeto fondamentale del campo da calcio. L’intervento tempestivo così effettuato consentirà alla squadra di Gattuso di poter giocare nelle condizioni ideali.

 

Continua a leggere

Sport

Gasperini, il coronavirus, il razzismo e le ire del Valencia

Marina Delfi

Pubblicato

del

Il racconto fatto da Gian Piero Gasperini, allenatore celebrato per la sua bravura ma anche  per la troppa indulgenza nei confronti degli ultras razzistelli che allignano dalle parti delle squadre che allena, fa ancora una volta discutere. Stavolta – lo racconta alla Gazzetta dello Sport- rivela che il 10 marzo scorso, mentre la pandemia devastava l’Italia, soprattutto il Nord del Paese, quando è andato a Valencia per la partita di Champions aveva tutti sintomi del coronavirus. Ha detto che il 9 marzo si sentiva male, il giorno della partita molto peggio, tanto da non mostrare una bella cera: pallido, tirato in volto, visibilmente sofferente… Quando è rientrato a Zingonia ha dormito poco perché stava male, si sentiva a pezzi, ha detto, anche se non aveva febbre. “Ogni due minuti, ha spiegato alla rosea, passava un’ ambulanza. Lì vicino c’ è un ospedale. Sembrava di essere in guerra. Di notte pensavo: se vado lì dentro, cosa mi succede? Non posso andarmene ora, ho tante cosa da fare… Lo dicevo scherzando, per esorcizzare. Ma lo pensavo davvero”.

A Bergamo intanto già si contavano a decine i morti: una vicenda che ha giustamente suscitato le ire della dirigenza del Valencia che aveva già dato le colpe del contagio di alcuni calciatori e componenti dello staff alla partita di andata giocata il 19 febbraio a Milano, al Meazza. In tutto 10 calciatori e 15 i dipendenti contagiati dopo le partite con i bergamaschi: ma perché, si chiedono i valenciani, Gasperini, ha aspettato 3 mesi per raccontarlo? E dire che sapeva quello che accadeva perché una delle sue uscite di quei giorni era sulla preoccupazione per il virus soprattutto in città come Roma o Napoli… Ecco che cosa disse: “Sento soltanto le sirene delle ambulanze. State a casa, state in famiglia, non uscite. E da queste parti, in Lombardia, siamo sufficientemente organizzati, pur se in difficoltà. Mi chiedo cosa potrebbe accadere a Roma, a Napoli”. Purtroppo invece è accaduto tutto fra Bergamo, Piacenza e il resto della Lombardia . Offese gratuite ancora una volta…

Peccato: se Gasperini invece di star zitto ed andare in panchina con i sintomi del Covid19 avesse avuto il coraggio di autodenunciarsi, forse si sarebbero evitati tanti contagi in più, e forse ci sarebbero stati dei morti in meno. E avrebbe potuto anche chiedere scusa per la cavolata fatta e per quelle dette: la verità è che Gasperini ha tanta, troppa buona stampa fra i giornali del Nord, ma la cifra di un allenatore non si capisce solo dai risultati in campo ma soprattutto dall’essere uomo per davvero. Ed era contrario anche a fermare il calcio…”Bisognava andare avanti, anche con le porte chiuse”. Altri segnali di coronavirus li ha raccontati lui stesso spiegando che quando in ritiro avevano portato colombe e champagne a lui pareva di mangiare pane e bere acqua: aveva perso gusto olfatto ma non ha mai fatto il tampone… così quando il test sierologico ha rivelato che aveva gli anticorpi, non si è stupito più di tanto. Ma gli anticorpi per sopportare uno come Gaseprini questo calcio post covid ce li ha davvero?

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto