Collegati con noi

Sport

Al Milan non basta un grande Rebic, la Fiorentina rimonta in 10

amministratore

Pubblicato

del

Il Milan spreca una grande occasione per espugnare il Franchi e continuare la scalata: nella serata del ritorno di Pioli a Firenze (acclamato dai suoi ex tifosi) non basta ai rossoneri il solito Rebic alla sesta rete da inizio anno. I viola rimasti in 10 poco dopo per l’espulsione di Dalbert riescono con cuore e carattere a riagguantare il match con un rigore (generoso) realizzato da Pulgar a 5′ dalla fine. E addirittura in pieno recupero, approfittando del calo degli avversari, sono andati vicinissimi al raddoppio prima con Caceres poi con Vlahovic che ha fallito la piu’ ghiotta delle occasioni. Dopo il successo interno col Torino Pioli ha confermato Ibrahimovic unica punta sostenuto da Rebic, Calhanoglu e Castillejo, in difesa fiducia al giovane Gabbia all’esordio dal primo minuto.

Un solo cambio per Iachini rispetto alla formazione vittoriosa con la Sampdoria, Pulgar al posto dello squalificato Badelj, per il resto conferma del tandem offensivo Vlahovic-Chiesa. Gli applausi dei tifosi viola per Pioli alla prima da ex dopo le dimissioni dalla Fiorentina nell’aprile 2019. ‘Uomo vero e grande condottiero, Stefano per sempre uno di noi’ lo striscione apparso in curva Fiesole per il tecnico rossonero che si e’ unito agli applausi dei tifosi al minuto 13 dedicato a Astori. Il tutto a corredo di una gara che nelle prime battute ha visto il Milan cercare di imporre gioco e ritmo a una Fiorentina ordinata, che ha avrebbe potuto passare con Chiesa. Immediata risposta dell’ex Rebic: Dragowski attento sul colpo di testa del croato. Viola di nuovo pericolosi con Castrovilli ma l’emozione piu’ forte e’ stata al minuto 35 quando Ibrahimovic ha strappato il pallone a Dalbert e battuto il portiere viola.

L’arbitro Calvarese ha convalidato la rete ma avvisato dalla Var l’ha poi annullata per il controllo del pallone con la mano da parte dello svedese. A inizio ripresa il Milan ha sostituito Donnarumma, infortunatosi, con Begovic all’esordio e subito il bosniaco e’ stato impegnato da Chiesa. Dal vantaggio viola mancato a quello rossonero arrivato con Rebic pronto a sfruttare un’errata respinta di Caceres e fortunato sulla deviazione di Pulgar. La Fiorentina ha protestato invano per un precedente fallo di Conti su Castrovilli prima di restare in dieci per l’espulsione di Dalbert per fallo su Ibrahimovic da ultimo uomo: Calvarese lo aveva inizialmente ammonito prima di essere richiamato dalla Var.

Pur in inferiorita’ numerica i viola, con l’ex Cutrone per Castrovilli, non si sono arresi e dopo l’annullamento per fuorigioco del gol di Castillejo, hanno sfiorato il pari con Vlahovic riuscendoci poco dopo con Pulgar su rigore per contatto Cutrone-Romagnoli: proteste rossonere ma convalida della Var. Finale incandescente con i viola di nuovo vicini al gol e il Milan che si rammarica per il mancato colpo del ko.

Advertisement

Sport

Insulti razzisti a Zaha, attaccante del Crystal Palace: la polizia arresta un tifoso dodicenne dell’Aston Villa

Avatar

Pubblicato

del

La polizia delle West Midlands ha arrestato un ragazzino di soli 12 anni perche’ “ogni atto di razzismo non verra’ tollerato”. Il dodicenne, tifoso dell’Aston Villa, aveva inviato queste frasi sul profilo Instagram di Wilfried Zaha, attaccante di colore del Crystal Palace che, proprio oggi, ha giocato contro i ‘Villans’. “Stro… nero, faresti meglio a non segnare domani (oggi, n.d.r.), oppure verro’ a casa tua vestito da fantasma”, con tanto di immagini razziste e di cappucci bianchi del Ku Klux Klan. Il calciatore aveva denunciato l’accaduto e le forze dell’ordine si erano allertate, individuando l’autore del post, “un tifoso del Villa, di Solihull” che poi e’ stato individuato nel giovanissimo che ora e’ in arresto, “grazie a tutti coloro che hanno collaborato”, specificano le forze dell’ordine in una nota. L’Aston Villa ha gia’ fatto sapere che lo squalifichera’ a vita dai propri impianti e quindi non verra’ mai ammesso alle partite. “E’ davvero triste che il giorno della partita un calciatore si svegli e legga certe frasi – ha commentato Roy Hodgson. manager del Crystal Palace -. Si tratta di un vero e proprio abuso, e un atto di codardia. Ed e’ anche qualcosa di fronte a cui non bisogna stare zitti, ed e’ un’ottima cosa che noi, l’Aston Villa e la polizia abbiano fatto di tutto per individuare il responsabile, questo deprecabile individuo per il quale non ci sono scuse e che ora dovra’ pagare per cio’ che ha fatto”.

Ora ve l’immaginate voi se ad ogni epiteto razzista negli stadi italiani la polizia intervenisse ed arrestasse come fanno in Inghilterra, dove non si fanno problemi se l’arrestato ha appena 12 anni? Già ieri sera la polizia avrebbe arrestato il signore (si fa per dire) dello staff dell’Atalanta che ha riempito di insulti razzisti un tifoso del Napoli che aveva osato sfottere Gasperini.

Continua a leggere

In Evidenza

Al San Paolo il Milan con un tiro fa due gol e pareggia contro un bel Napoli sprecone

Avatar

Pubblicato

del

Al San Paolo c’è il Milan, una delle squadre più in forma del campionato post covid. Non sarà un match facile per il Napoli. Gattuso mette in campo il trio d’attacco più leggero e agile: Mertens, Insigne e Callejon. Vuole una squadra molto offensiva. Ed è il Napoli a fare subito la partita.

Gli azzurri pressano il Milan nella sua area. Al minuto 13 grande azione in area del Milan da parte di Dries Mertens che mette a sede con dribbling ubriacanti tre milanisti e batte a rete: Donnarumma si oppone alla grande. Passano pochi minuti e il Napoli con un’altra azione ubriacante in area di Mertens,  la palla arriva sui piedi di Callejon che batte a rete, Donnarumma para ancora.

Sul capovolgimento di fronte, al 20 minuto,  il Milan va in gol con Hernandez.  Al minuto 34 il Napoli va in gol con Di Lorenzo che mette alle spalle di Donnarumma un pallone arrivato in area con un bel calcio di punizione da sinistra di Mario Rui.

Il secondo tempo vede sempre il Napoli in attacco e il Milan a difendere e agire di rimessa. Al minuto 60 il Napoli, dopo una pressione martellante di 10 minuti, va in gol.

E indovinate con  chi? Il solito Dries Mertens che in area impatta al volo l’assist di Callejon. Donarumma vede la palla alla fine, quando è troppo tardi ed è già in fondo al sacco. È il gol 125 del top scorer di tutti i tempi del Napoli.  Al minuto 70 fallo in area di Maksimovic su Bonaventura.

È rigore, dice l’arbitro. Kessie realizza il pareggio. Al 70 minuto il Milan con un tiro in porta e un rigore fa due reti, il Napoli con 7 azioni nitide da gol è riuscito a realizzare appena due reti. Il Milan diventa molto falloso per difendere il pareggio. Sui rossoneri arrivano cartellini gialli e una espulsione nel finale della partita. Il Napoli pressa i rossoneri, li schiaccia nella loro metacampo ma è pareggio.

Continua a leggere

In Evidenza

Formula 1, in Austria doppietta Mercedes e disastro Ferrari

Avatar

Pubblicato

del


Doppietta Mercedes nel Gp di Stiria bis, secondo appuntamento del Mondiale di Formula 1: vince Lewis Hamilton davanti a Vallteri Bottas, terza posizine per Max Verstappen su Red Bull.

Per le Ferrari è un disastro. Charles LeClerc ha distrutto la sua monoposto è quella di Sebastian Vettel alla prima curva, a 700 metri dalla griglia di partenza. Un pastrocchio che ha mandato su tutte le furie la Scuderia e Vettel.

Il monegasco si è assunto la responsabilità della cretinata, si è cosparso il capo di cenere, ha chiesto scusa a tutti ed ha spiegato che l’errore è stato figlio della sua voglia di fare. Precisando però che non era una scusante.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto