Collegati con noi

Spettacoli

10 anni senza Sandra Mondaini, mai senza Raimondo

Avatar

Pubblicato

del

Dieci anni fa, il 21 settembre del 2010 moriva, l’attrice Sandra Mondaini, un martedi’ poco prima delle 13, all’ospedale San Raffaele di Milano dove era ricoverata da circa 10 giorni. Aveva 79 anni era malata da tempo, nata l’1 settembre del 1931. Pochi mesi prima era rimasta vedova del marito Raimondo Vianello, 52 anni di vita insieme, molta passata in tv, interrotta il 15 aprile 2010. Era visibilmente sofferente, al funerale di Raimondo il compagno di una vita – lei scelse il low profile per uscire dalla ribalta. Attrice brillante che puntava sulla comicita’ pura e sulla recitazione, Sandra Mondaini e’ stata protagonista di un susseguirsi di sketch indimenticabili che hanno segnato la sua carriera. I piu’ famosi sono quelli con il marito Raimondo Vianello, fra i quali spicca la sit-com Mediaset del 1988 “Casa Vianello”- che ha lanciato il celebre tormentone del “che barba, che noia> nel lettone matrimoniale – , anche se i suoi primi sketch “coniugali” furono quelli recitati con Corrado a ‘’la trottola’’ nel 1964. Tra i personaggi interpretati senza il marito, uno di quelli piu’ rimasti nell’immaginario collettivo e’ quello del clown , apprezzato non solamente dai bambini.

Nata il primo settembre del 1931, figlia di Giacinto Mondaini, Sandra diventa famosa gia’ da piccolissima, quando il padre la fa comparire a soli sei mesi in una campagna di sensibilizzasione contro la tubercolosi. Giovanissima, negli anni Quaranta, aiuta la famiglia lavorando come modella per la rivista e poi per Borsalino. Il debutto sul palcoscenico risale al 1949 con una parte nella commedia di Marcello Marchesi, al Teatro Olimpia di Milano. Ma e’ nel 1955 la vera svolta della sua carriera quando viene chiamata da Erminio Macario che due anni prima l’aveva vista lavorare come ‘generica’ in uno dei primi programmi della tv italiana. Accanto al genio della rivista e della comicita’, Sandra impara la professione e la disciplina ferrea del palcoscenico ottenendo un successo straordinario. Nel 1958 Sandra incontra il giovane Raimondo Vianello, il quale quattro anni dopo (1962) diventera’ suo marito e compagno di vita e di lavoro. Insieme con lui e a Gino Bramieri, formano un trio che s’impone con successo. Poi la Mondaini viene chiamata da Garinei e Giovannini per interpretare la commedia musicale ‘Un mandarino per Teo’, accanto a Walter Chiari, Alberto Bonucci e Ave Ninchi. Dopo questa esperienza si dedica soprattutto alla televisione, nella quale aveva cominciato a lavorare nel 1953. La sua lunga carriera annovera anche alcune commedie sul grande schermo: ‘Noi siamo due evasi’ (1959), ‘Caccia al marito’ (1960), ‘Ferragosto in bikini’ (1961) e ‘Le motorizzate’ (1963). Ma e’ la tv il suo habitat naturale: il primo grande successo arriva con un classico come ‘Canzonissima’ (1961-62), dove interpreta il personaggio di Arabella. La coppia Vianello-Mondaini porta invece in scena negli anni Settanta in varieta’, come ‘Sai che ti dico?’ (1972), ‘Tante scuse’ (1974), ‘Noi… no’ (1977), ‘Io e la Befana’ (1978), ‘Stasera niente di nuovo’ (1981). Dal 1982 la coppia passa alle reti Fininvest dove, con grande successo di pubblico, presentano numerosi varieta’ come ‘Attenti a quei due’ (1982), ‘Zig Zag’ (1983-86) e la trasmissione che porta il loro nome: ‘Sandra e Raimondo Show’ (1987). I due dal 1988 sono interpreti su Canale 5 della sit-com ‘Casa Vianello. E’ un grande successo che rientra a pieno titolo nella storia della tv. Casa Vianello diventa cosi’ negli anni un vero e proprio format declinato anche in ‘Cascina Vianello’ (1996) e ‘I misteri di Cascina Vianello'(1997) e nell’inedito Crociera Vianello. E proprio alla coppia era stato tributato un omaggio all’ultimo festival di Sanremo prima della loro scomparsa con il premio Siae alla creativita’. Nei siparietti matrimoniali con Raimondo e’ sempre lei a stimolare le battute del marito. Come quando seduta sul bordo del letto, cerca di far ammettere a Vianello di averla tradita: ”Dimostra coraggio e affronta le tue responsabilita’. Raimondo, tu hai un’amante” dice Sandra. E lui: ”Ma magari! No, voglio dire, non e’ affatto vero”. E arriva la freddura di lui: ”Noi due abbiamo avuto alti e bassi, ma ti diro’ la verita’ io ho sempre provato a tradirti e non ci sono mai riuscito”. La vita e la scena si sono cosi’ intrecciate nella storia di Vianello e Mondaini che anche le loro frasi e battute piu’ divertenti sono legate a un contesto che li unisce. Sandra commosse l’opinione pubblica con affianco la famiglia filippina che la coppia aveva adottato, sconvolta dal dolore, seduta sulla sedia a rotelle su cui era costretta da anni, accompagnando il marito nell’estremo saluto nei funerali celebrati nella chiesa di Dio Padre a Segrate mmando’ un lungo bacio e fece ciao con la mano. Lei che aveva sempre mantenuto il suo nome e cognome.

Advertisement

Spettacoli

Guerra legale tra Bosè e l’ex compagno per i 4 figli

Avatar

Pubblicato

del

 Miguel Bose’ finisce in tribunale su denuncia del suo ex. La causa, che si e’ aperta oggi a Madrid, riguarda il futuro dei loro quattro figli: due coppie di gemelli, nati da due gravidanza surrogate gestite autonomamente dal cantante italo-spagnolo e da colui che e’ stato il suo compagno per 26 anni, lo scultore Nacho Palau. Dopo la loro rottura, avvenuta due anni fa, Bose’ si e’ trasferito in Messico con due gemelli, mentre gli altri sono rimasti in Spagna con Palau, che ora chiede ai giudici di dichiarare che i quattro sono fratelli e hanno pari diritti. “I bambini hanno bisogno l’uno dell’altro, tutto questo non ha senso”, ha detto Palau in un’intervista qualche giorno fa, lamentando la separazione dei figli. E ieri, alla vigilia del processo, ha pubblicato una foto sul suo profilo Instagram molto toccante che risale a quest’estate, quando i bambini si sono riuniti per la prima volta dopo due anni di lontananza: Tadeo, Diego, Ivo e Telmo, che ora hanno nove anni, camminano insieme per una strada di campagna abbracciati. ‘Fratelli per sempre’, il commento di Palau. Nel processo lo scultore dovra’ dimostrare che e’ stato il compagno di Bose’ per quasi trent’anni – anche se la loro relazione non e’ mai stata ufficializzata con un matrimonio o una dichiarazione di essere una coppia di fatto – e che i quattro bambini sono il frutto del loro desiderio di formare una famiglia. I piccoli – nati tutti nel 2011 a distanza di solo sette mesi – sebbene non siano fratelli di sangue sono cresciuti come tali fin dalla nascita. Motivo per cui lo scultore chiede di condividere la cura di tutti loro, insieme, come avveniva prima della rottura con Bose’. E che, soprattutto, abbiano gli stessi diritti. Ora la Corte dovra’ determinare la paternita’, se i bimbi siano stati concepiti come un progetto di famiglia e quale debba essere il loro luogo di residenza. Decisioni non facili per i giudici visto il vuoto legislativo del diritto di famiglia (in Spagna la maternita’ surrogata non e’ prevista dalla legge) e vista la mancanza di precedenti giudiziari in materia. Il cantante e’ stato sempre molto geloso della sua sfera privata al punto che la sua relazione con Palau e’ diventata pubblica solo al momento della rottura. Anche lui oggi era presente all’udienza, ma lontano dalle telecamere: ha preferito entrare dal parcheggio per non farsi vedere. “Confido nella giustizia”, ha detto invece Palau ai giornalisti lasciando il tribunale.

Continua a leggere

Spettacoli

Report su Rai3 parla del grano del Senatore Cappelli, degli affari in Regione Lombardia e dell’autoerotismo ai tempi del covid

Avatar

Pubblicato

del

Lunedì 19 ottobre, come di consueto su Rai3, andrà in onda alle 21.20 una nuova puntata di Report. Tre le inchieste in scaletta nel programma:

La Capitale Immorale, di Giorgio Mottola con la collaborazione di Norma Ferrara, Federico Marconi, Giovanni De Faveri. Dietro allo scandalo dei camici del cognato di Fontana, Report ha scoperto un sistema di potere che da anni avvolgerebbe la Regione Lombardia: appalti truccati, nomine pilotate e infiltrazione della ‘ndrangheta. Con interviste e documenti esclusivi l’inchiesta fa luce su nuovi e inediti conflitti di interesse del governatore lombardo.

 

La Pasta del Senatore di Bernardo Iovene. Se mangi la pasta del senatore Cappelli i sintomi quali dolori addominali, gonfiore, etc. si abbattono. Una leggenda che diventa realtà: trenta pazienti non celiaci, ma con sintomi da celiaci, sono stati sottoposti a un esperimento al Policlinico Gemelli. Mangiando pasta di grano Senatore Cappelli i disturbi si sono ridotti notevolmente. La ricerca, pubblicata sulla rivista internazionale Nutrients, in Italia non è stata diffusa. Il committente, la Sis di Bologna, che ha avuto dallo Stato l’esclusiva della vendita del seme in purezza, è stata sanzionato dall’Autorità Garante della Concorrenza per imposizione del vincolo di filiera: imponeva agli agricoltori la consegna di tutto il grano raccolto, anche se a un buon prezzo. Un’altra multa l’ha avuta per discriminazioni e dinieghi di fornitura: avrebbe negato il seme magico ai non iscritti alla Coldiretti. La Sis parla di complotto e di prove false, a rimetterci intanto è la certificazione di una filiera che potrebbe sviluppare un grano benefico tutto italiano.

L’amore al tempo del Covid-19 di Antonella Cignarale con la collaborazione di Marzia Amico. Ai tempi del Covid-19 il piacere di incontrarsi si può trasformare in disagio, c’è chi si spinge a un abbraccio trattenendo il respiro, il bacio è ormai un miraggio e sulla prevenzione durante i rapporti sessuali non c’è ancora una pubblicità progresso in Italia né due righe sui rischi e come provare a ridurli. Eppure la salute sessuale, da 45 anni riconosciuta dall’Oms come aspetto fondamentale per il nostro benessere psicofisico, oggi è minacciata da Covid-19 che ci pone di fronte un paradosso: la trasmissione avviene più nella prossimità tra i corpi che per via sessuale. Autoerotismo e sesso virtuale sono addirittura le vie più sicure consigliate dalle linee guida internazionali e per fare trionfare l’amore, quello vero, bisogna armarsi di maggiori precauzioni e tanta fantasia.

Continua a leggere

In Evidenza

Addio a Alfredo Cerruti, fondatore e voce degli Squallor e autore Tv

Avatar

Pubblicato

del

È morto all’età di 78 anni il fondatore degli Squallor, Alfredo Cerruti. Produttore discografico e Tv, aveva collaborato con Arbore e negli anni ’70 e 80 col gruppo degli Squallor fece divertire l’Italia con le loro canzoni un po’ volgari e un senza senso ma piene di ironia. Cerruti è stato anche attore e autore tv. Aveva fondato gli Squallor nel 1971 con Bigazzi, Pace e Savio; in epoca di canzoni impegnate gli Squallor proponevano motivi decisamente trash. Cerruti era nato a Napoli il 28 giugno 1942. Aveva avuto anche una relazione con Mina,  a metà degli anni Settanta e aveva collaborato con molti personaggi noti tra cui Renzo Arbore. Come autore televisivo Cerruti collabora ai testi di Chi tiriamo in ballo, Indietro tutta!, Cocco e Stasera mi butto per Rai Due; Il caso Sanremo, Luna di miele, Fantastica italiana, I cervelloni e Faccia tosta per Rai Uno. Ha firmato insieme ad altri autori le edizioni 1998-1999 e 1999-2000 di Domenica in.

Nel 1987-1988 partecipa al varietà di Renzo Arbore Indietro tutta!, nel quale è la voce del Professor Pisapia e una delle due voci dello sketch Volante 1 a Volante 2, l’altra è di Arnaldo Santoro. Ancora con Santoro nel 1990 prende parte alla trasmissione Il caso Sanremo, condotta anch’essa da Renzo Arbore assieme a Lino Banfi, Michele Mirabella e Massimo Catalano, in cui Cerruti e Santoro interpretano i due giudici a latere.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto